Perché alcuni polpi si nascondono nelle conchiglie?

https://www.natureplprints.com

Grazie alla varietà di documentazioni audiovisive offerte dalla rete internet, anche coloro che sono abituati a vedere il polpo esclusivamente tra gli scogli o sul fondale marino, hanno potuto notare anche filmati di polpi capaci di farsi strada nel guscio di una conchiglia bivalve vuota. Ma quando e perché questi molluschi decidono di intraprendere questa iniziativa? Qual è il meccanismo che porta alcuni polpi a nascondersi nelle conchiglie come fanno i paguri? Ecco le spiegazioni secondo quanto appurato dalla ricerca scientifica:

Individuo piccolo (4-5 cm di diametro) che utilizza un guscio di noce e un guscio di vongole come riparo https://upload.wikimedia.org

Specie come quella del polpo venato (Amphioctopus marginatus, comunemente noto anche polpo del cocco) possono sfruttare occasionalmente queste conchiglie abbandonate come rifiugio per nascondersi dai predatori. In alcuni video, i polpi di questo tipo fuggono impauriti proprio dai sub che li stanno filmando ma rivelano anche atteggiamenti aggressivi, tipici dei predatori. Come ricorda anche il National Geographic, poiché un polpo non è protetto quando caccia la preda, un guscio può fornire maggiore sicurezza, anche se è ingombrante da trascinare in giro. Oltre a mimetizzarsi e spruzzare inchiostro, un comportamento come questo dimostra come creatività consente a questi molluschi ai di sopravvivere nell’oceano anche senza un guscio proprio:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le pause momentanee nei movimenti del polpo consentono anche agli spettatori di vedere i dettagli del suo corpo, dal mantello marrone che ricorda un sacco coperto di vene al lato inferiore bianco puro dove i tentacoli del mollusco si collegano al suo corpo. Fredrik Moberg, la persona che ha girato uno di questi video, sostiene di aver utilizzato un bastone per emulare il movimento di alcune potenziali prede, in modo da assistere alla reazione del polpo.  “È stato quasi immediatamente interessato dal movimento ed è uscito [dal guscio]“, ha riferito il ricercatore. “Dopo di che ha continuato a balzare in avanti.” Oltre a nascondersi, infatti, questa specie può utilizzare le conchiglie anche per organizzare veri e propri agguati. Il link al video:

https://www.nationalgeographic.com/pages/article/coconut-octopus-shell-ocean-video. Questo polpo si trova sui fondali sabbiosi di baie o lagune. Spesso si seppellisce nella sabbia con solo gli occhi scoperti. Nel marzo 2005, i ricercatori dell’Università della California, Berkeley , hanno pubblicato un articolo su Science in cui è stato segnalato che A. marginatus mostrava una locomozione bipede . È una delle uniche due specie di polpi note per mostrare tale comportamento, l’altra specie è Abdopus aculeatus . Gli autori hanno scoperto questo comportamento in un’area al largo di Sulawesi , in Indonesia , dove il fondo sabbioso era disseminato di gusci di cocco (da qui, il nome volgare di polpo del cocco). Queste specie non vanno confuse con un’altra specie di polpo che nasce invece con un guscio:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ci riferiamo all’argonauta, altro mollusco cui GloboChannel.com ha pubblicato un post interamente dedicato a questo curioso abitante degli abissi marini. Tornando al polpo del cocco, riportiamo qui sotto i link ad alcuni interessanti video diffusi su YouTube:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.