La luce solare neutralizza il coronavirus 8 volte più velocemente del previsto. Ecco perché

Un team di scienziati sta chiedendo una maggiore ricerca su come la luce solare sia capace di disattivare il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 dopo aver constatato l’esistenza di un’evidente discrepanza tra la teoria più recente ei risultati sperimentali:

L’ingegnere meccanico dell’UC Santa Barbara Paolo Luzzatto-Fegiz e colleghi hanno notato che il virus è stato inattivato fino a otto volte più velocemente negli esperimenti rispetto al modello teorico più recente previsto. “La teoria presuppone che l’inattivazione funzioni facendo in modo che gli UVB colpiscano l’RNA del virus, danneggiandolo”, ha spiegato Luzzatto-Fegiz. Ma la discrepanza suggerisce che sta succedendo qualcosa di più e capire cosa sia può essere utile per la gestione del virus. La luce UV, o la parte ultravioletta dello spettro, viene facilmente assorbita da alcune basi di acidi nucleici nel DNA e nell’RNA, il che può far sì che si leghino in modi difficili da fissare.  Ma non tutta la luce UV è uguale . Le onde UV più lunghe, chiamate UVA, non hanno abbastanza energia e possono causare problemi. Sono le onde UVB di fascia media alla luce del sole ad essere i principali responsabili dell’uccisione dei microbi e dell’esposizione alle nostre cellule a rischio di danni solari.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La radiazione UVC a onde corte ha dimostrato di essere  efficace contro virus come SARS-CoV-2, anche se è ancora avvolta in modo sicuro nei fluidi umani. Ma questo tipo di UV di solito non entra in contatto con la superficie terrestre, grazie allo strato di ozono. “UVC sarebbe ottimo per gli ospedali”, ha detto il coautore e tossicologo della Oregon State University Julie McMurry. “Ma in altri ambienti – per esempio, cucine o metropolitane – UVC interagirebbe con il particolato per produrre ozono nocivo”. Nel luglio 2020, uno studio sperimentale ha testato gli effetti della luce UV su SARS-CoV-2 nella saliva simulata. Hanno registrato che il virus veniva inattivato se esposto alla luce solare simulata per 10-20 minuti“La luce solare naturale può essere efficace come disinfettante per materiali non porosi contaminati”, hanno concluso Wood e colleghi nel documento .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Luzzatto-Feigiz e il team hanno confrontato questi risultati con una teoria su come la luce solare ha raggiunto questo obiettivo, che è stata pubblicata solo un mese dopo, e hanno visto che i conti non tornavano. Questo studio ha rilevato che il virus SARS-CoV-2 era tre volte più sensibile ai raggi UV alla luce del sole rispetto all’influenza A, con il 90% delle particelle di coronavirus inattivate dopo solo mezz’ora di esposizione alla luce solare di mezzogiorno in estate. In confronto, in inverno le particelle infettive leggere potrebbero rimanere intatte per giorni. I calcoli ambientali effettuati da un team separato di ricercatori hanno concluso che le molecole di RNA del virus vengono danneggiate fotochimicamente direttamente dai raggi luminosi:

Ciò è ottenuto in modo più potente da lunghezze d’onda della luce più corte, come UVC e UVB. Poiché gli UVC non raggiungono la superficie terrestre, hanno basato i loro calcoli sull’esposizione alla luce ambientale sulla parte UVB a onde medie dello spettro UV. “L’inattivazione sperimentalmente osservata nella saliva simulata è oltre otto volte più veloce di quanto ci si sarebbe aspettato dalla teoria”, hanno scritto Luzzatto-Feigiz e colleghi. “Quindi, gli scienziati non sanno ancora cosa sta succedendo”, ha detto Luzzatto-Fegiz. I ricercatori sospettano che sia possibile che invece di influenzare direttamente l’RNA, gli UVA a onde lunghe possano interagire con le molecole nel mezzo di prova (saliva simulata) in un modo che accelera l’inattivazione del virus. Qualcosa di simile si osserva nel trattamento delle acque reflue, dove i raggi UVA reagiscono con altre sostanze per creare molecole che danneggiano i virus. Se gli UVA possono essere sfruttati per combattere il SARS-CoV-2, sorgenti di luce specifiche per lunghezza d’onda economiche ed efficienti dal punto di vista energetico potrebbero essere utili per aumentare i sistemi di filtrazione dell’aria a rischio relativamente basso per la salute umana.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“La nostra analisi indica la necessità di ulteriori esperimenti per testare separatamente gli effetti di specifiche lunghezze d’onda della luce e composizione media“, conclude Luzzatto-Fegiz. Con la capacità di questo virus di rimanere sospeso nell’aria per lunghi periodi di tempo, il mezzo più sicuro per evitarlo nei paesi in cui sta dilagando è ancora l’allontanamento sociale e indossare maschere in cui non è possibile allontanarsi. Ma è bello sapere che la luce del sole potrebbe aiutarci durante i mesi più caldi. La loro analisi è stata pubblicata su The Journal of Infectious Diseases.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.