Dinosauro predatore estremamente evoluto scoperto in Patagonia

Uno scavo in Argentina ha portato alla luce una specie di dinosauro precedentemente sconosciuta e al predatore simile a un tirannosauro è stato dato un nome per adattarsi a ciò che sappiamo finora:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Llukalkan aliocranianus, o “colui che provoca paura”. Capace di crescere fino a quando un elefante, e con denti aguzzi e un morso potente, L. aliocranianus sarebbe stato senza dubbio uno spettacolo spaventoso per qualsiasi altra creatura che gli capitasse durante il periodo tardo Cretaceo, in cui avvenne l’estinzione del dinosauri 66 milioni di anni fa. La nuova specie è un abelisauride, anche se probabilmente aveva un udito migliore (simile a un coccodrillo moderno) rispetto alle altre nove specie della famiglia trovate finora. Il dinosauro aveva anche enormi artigli ai piedi e un acuto senso dell’olfatto, dicono i ricercatori. “Questa è una scoperta particolarmente importante perché suggerisce che la diversità e l’abbondanza di abelisauridi erano notevoli, non solo in tutta la Patagonia, ma anche in aree più locali durante il periodo del crepuscolo dei dinosauri”, afferma il paleontologo Federico Gianechini , dell’Università Nazionale di San Luis in Argentina:

- Prosegue dopo la pubblicità -

La Patagonia e altre aree dell’antico supercontinente Gondwana – ora divise in Africa, India, Antartide, Australia e Sud America – erano il luogo in cui vagavano gli abelisauridi. Sebbene i loro avambracci corti conferissero loro un aspetto simile al T. rex , avevano crani insolitamente corti e profondi, spesso con creste, protuberanze e corna. Questo particolare dinosauro avrebbe avuto rigonfiamenti sulla testa simili alla lucertola mostruosa di Gila. I ricercatori hanno stabilito che L. aliocranianus condivideva la stessa parte del mondo contemporaneamente a un altro abelisauride, Viavenator exxoni, anche se la nuova specie sarebbe stata più piccola:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Questi dinosauri stavano ancora sperimentando nuovi percorsi evolutivi e si stavano diversificando rapidamente prima di estinguersi completamente”, afferma il paleontologo Ariel Mendez, dell’Istituto patagonico di geologia e paleontologia in Argentina. Parte dei resti fossili di “colui che provoca paura” include una scatola cranica, che mostra una caratteristica unica tra gli abelisauridi: un piccolo seno posteriore pieno d’aria nella zona dell’orecchio medio, che aiutava con quell’udito simile a un coccodrillo. Quell’udito potrebbe aver migliorato le capacità del dinosauro come predatore, e il team di ricerca afferma che sia L. aliocranianus che V. exxoni sarebbero stati tra i mangiatori di carne più pericolosi del loro tempo. È probabile che ci sia altro da trovare anche nella regione, da circa 80 milioni di anni fa – un periodo che sembra essere stato un periodo prospero per gli abelisauridi e i furileusaurs (‘lucertole dalla schiena rigida’) che costituivano questa parte del famiglia. “Questa scoperta suggerisce anche che probabilmente ci sono più abelisauridi là fuori che non abbiamo ancora trovato, quindi cercheremo altre nuove specie e una migliore comprensione della relazione tra furilesaur“, dice Gianechini . La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Vertebrate Paleontology .

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.