Ricercatori: “gli alieni potrebbero essere cattivi e pericolosi per gli umani. Meglio stare attenti in caso di contatto”

Il film Aliens rappresentava gli alieni come esseri mostruosi, ostili e senza empatia

Mentre molti scienziati stanno facendo del loro meglio per stabilire il primo contatto, o almeno trovare prove dell’esistenza di una civiltà extraterrestre, altri si pongono una domanda cruciale: siamo sicuri sia davvero conveniente per noi umani che gli alieni ci trovino? “Non abbiamo motivo di credere che il progresso tecnologico e l’altruismo o la moralità siano in qualche modo collegati”, ha detto a Inverse il ricercatore del SETI Andrew Siemion. “Probabilmente ci sono civiltà malevole in altre parti dell’universo, quindi è sicuramente qualcosa che dovremmo considerare mentre continuiamo a esplorare l’universo.” Siemion, che è il direttore del Berkeley SETI Research Center e preside del progetto Breakthrough Listen a caccia di alieni, sta invocando una tensione al centro di qualsiasi progetto alla ricerca di vita aliena:

Trovarli con successo cambierebbe il mondo, ma non c’è nemmeno alcuna garanzia che l’umanità possa sopravvivere all’incontro. Il famoso fisico ed esperto SETI Michio Kaku ha condiviso di recente un avvertimento simile, anche se né lui né Siemion sembrano pensare che i possibili rischi siano una ragione sufficiente per smettere di cercare  alieni. “Ora, personalmente, penso che gli alieni là fuori siano amichevoli, ma non possiamo scommetterci“, ha detto Kaku The Guardian all’inizio di questo mese. “Quindi penso che ci metteremo in contatto, ma dovremmo farlo con molta attenzione.” Il dibattito sul fatto che l’umanità debba o meno svelarsi all’universo e trasmettere messaggi a qualsiasi civiltà aliena che potrebbe essere là fuori manca il fatto scomodo che finora non siamo stati esattamente subdoli. Abbiamo lanciato segnali radio nel cosmo per un secolo, quindi tutti gli extraterrestri entro cento anni luce e in grado di intercettare uno specifico messaggio di “ciao universo” sono già più che consapevoli della nostra esistenza. Il punto che manca alla gente è che è troppo tardi per nascondersi”, ha detto a Inverse Douglas Vakoch, astrobiologo e presidente del Messaging Extraterrestrial Intelligence (METI) Institute . “Se stanno arrivando, è a nostro vantaggio coinvolgerli e mostrare loro che siamo partner di conversazione migliori del pranzo.”

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.