Barcellona installa la prima pavimentazione solare urbana in Spagna

Il Comune di Barcellona ha installato la prima pavimentazione fotovoltaica in Spagna nell’ambito dell’obiettivo della città di essere a emissioni zero entro il 2050. I 50 mq di pavimentazione solare antiscivolo, installati in un piccolo parco nella zona di Glòries della città, genereranno 7.560kWh all’anno, sufficienti per alimentare tre famiglie. La città ha finanziato l’installazione con 30.000 euro e il resto è stato pagato dal produttore. La fattibilità del progetto verrà valutata dopo sei mesi.

“L’usura dovrà essere valutata perché, ovviamente, non è come mettere dei pannelli su un tetto , anche se sono molto resistenti. In termini di costi, con un piano pilota come questo è ancora difficile sapere quanto sarebbe più economico se fosse ampliato. Vogliamo installarne di più sui tetti e, se questo piano avrà successo, a terra, per alimentare l’illuminazione e altre strutture pubbliche. ” Eloi Badia, responsabile dell’emergenza climatica e della transizione ecologica presso il Comune di Barcellona. Tuttavia, sottolinea che l’elevata densità di popolazione di Barcellona rende difficile generare abbastanza elettricità entro i limiti della città per essere autosufficiente.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Se vogliamo raggiungere l’obiettivo zero emissioni, dovremo pensare a fornire elettricità ai condomini, ma dovremo pensare anche a utilizzare parchi eolici e solari fuori città. Ma installazioni in loco come questa aprono nuove possibilità, e non solo per Barcellona.” Il progetto di Barcellona segue l’installazione di un tratto di 25 metri di pista ciclabile solare nella città olandese di Utrecht lo scorso anno. L’elettricità generata viene utilizzata per alimentare l’illuminazione e riscaldare la corsia in inverno per evitare che si congeli.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La maggior parte dell’energia solare spagnola proviene da grandi parchi situati in aree remote dove la terra costa poco, ma che sono molto lontane dai centri abitati. Ora si tratta di aumentare la capacità vicino a dove è più necessaria, nelle città. “Quello che devi fare è concentrarti sulle politiche verdi per creare posti di lavoro, in particolare installando pannelli solari su un milione di tetti. Ciò richiederebbe cinque anni, genererebbe elettricità sufficiente per 7,5 milioni di persone, creerebbe più di 15.000 posti di lavoro e ridurrebbe le emissioni di CO2 di 4,2 milioni di tonnellate.Tuttavia, invece di questo semplice progetto, vengono costruite strutture di oltre 1.000 ettari su terreni agricoli e boschivi, spesso con un impatto negativo sull’ambiente. “Fernando Prieto, direttore esecutivo del think tank indipendente Observatorio de la Sostenibilidad. Aggiunge che abbasserebbe il prezzo dell’elettricità e aiuterebbe i cittadini a diventare indipendenti dalle poche società elettriche che dominano il settore.

Le principali aziende hanno aderito all’iniziativa e ora aziende come Ikea , Media Markt o El Corte Inglés offrono installazioni solari domestiche a un costo medio di 5.000 euro per una casa di tre camere da letto. Nel frattempo, il governo ha annunciato l’intenzione di investire 1,5 miliardi di euro dai fondi di recupero Covid dell’UE nella produzione di idrogeno verde , utilizzando energia rinnovabile per rompere le molecole d’acqua e rilasciare idrogeno. Le società energetiche spagnole hanno affermato che aumenteranno questa cifra a 8,3 miliardi di euro entro il 2030.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: ecoinventos.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.