Covid-19: a Taiwan zero lockdown e solo 11 morti a causa del virus dall’inizio della pandemia.

Gli sforzi di Taiwan per attaccare la pandemia incontrollata sono stati ampiamente elogiati in tutto il mondo. Il paese è riuscito a combattere con successo il Covid-19 e la vita sull’isola è tornata in gran parte alla normalità. Dall’inizio della pandemia, il paese è stato considerato ad alto rischio a causa della sua vicinanza alla Cina. E ai frequenti viaggi che si fanno tra i due paesi. Tuttavia, il governo ha agito rapidamente chiudendo i confini. Il 20 gennaio 2020 ha istituito un Central Epidemic Command Center per coordinare la cooperazione tra diversi ministeri e agenzie governative. Come e tra governo e affari. In questo modo ha contenuto il virus e ne ha impedito la diffusione.

Un nuovo studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association (JAMA ) rivela perché Taiwan ha fatto così bene nella battaglia contro il Covid-19. La ricerca ha scoperto che le politiche relative al solo caso, come la ricerca dei contatti e la quarantena degli infetti, potrebbero ridurre il numero R da 2,5 a 1,53. Gli interventi basati sul caso non hanno impedito la trasmissione da persona a persona. Ma sono riusciti a ridurre la trasmissione di questi casi secondari a una terza o quarta persona. Finché i contatti stretti sono stati messi in quarantena. D’altra parte, le politiche demografiche come l’allontanamento sociale e l’ uso di maschere hanno ridotto il numero R da 2,5 a 1,3.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli autori dello studio hanno concluso che il mix efficace riguardava politiche basate sui casi e sulla popolazione. E insieme ad essa, l’adesione diffusa degli abitanti, che portò al successo di Taiwan nel contenere il Covid-19. Entrambi gli approcci hanno prodotto un numero R stimato, utilizzando due metodi diversi, di 0,82 e persino di 0,62. Inoltre, hanno scoperto che per ottenere il contenimento erano necessarie considerevoli politiche basate sulla popolazione. Poiché anche se il numero di infezioni circolanti era piccolo, la diffusione del Covid-19 sarebbe stata molto rapida. Tutti i modelli fanno le proprie ipotesi e questa volta non è diverso. Lo studio conferma che è stata necessaria l’intera serie di misure di salute pubblica che sono state rigorosamente utilizzate in tutto il mondo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli autori hanno notato che il test e l’isolamento degli infetti sono avvenuti simultaneamente a Taiwan. Ma questo non è stato il caso, ad esempio, dell’Inghilterra , dove i ritardi tra i test e l’isolamento hanno diminuito l’efficacia delle misure adottate. Questo studio ha anche trovato risultati simili per la quarantena di sette e 14 giorni. E suggerisce che il periodo di quarantena per le persone infette potrebbe essere abbreviato. Alcuni paesi, inclusi gli Stati Uniti, lo stanno prendendo in considerazione, ma ad oggi non è stato ampiamente introdotto.

Fonte: bioguia.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.