Lago Baikal: un’immensa opera d’arte naturale – link foto e video

Uno degli elementi geografici più antichi del mondo (formato da 25 a 30 milioni di anni fa), il magnifico Lago Baikal  è il punto culminante della Siberia orientale. I viaggiatori estivi godono di panorami sbalorditivi attraverso le acque del blu più profondo fino alle catene montuose svettanti sulla sponda opposta; i visitatori invernali più rari si meravigliano della sua superficie bianca come la polvere, dura come l’acciaio e segnata da strade ghiacciate. Sia che ci nuotino, bevano la sua acqua, costeggino la sua punta meridionale in treno, in bicicletta o con una slitta trainata da cani in inverno, o semplicemente lo ammirino da 2000 km di costa, la maggior parte concorda sul fatto che la Siberia non può essere meglio di così.

Nessun lago è più lago del Lago Baikal. Situato nelle profondità del subcontinente russo, il Baikal è il più profondo, antico e voluminoso di tutti i laghi, una superstar di superlativi in ​​idrologia, geologia, ecologia e storia. Raggiunge i 1600mt (le cifre esatte variano) nel suo punto più profondo, che si trova a circa 4.000 piedi sotto il livello del mare. Con 12.248 miglia quadrate di superficie, il Baikal ha una profondità media di 2.442 piedi: la sua figura a forma di luna crescente è una vasta fossa tettonica che apparve per la prima volta circa 25 milioni di anni fa attraverso la divergenza della crosta del pianeta. Oggi, il lago Baikal contiene circa il 20% dell’acqua del lago e del fiume terrestre, rendendo questo gigante russo paragonabile in volume all’intero bacino amazzonico. Il Baikal è così grande che, secondo quanto riferito, ci vogliono in media 330 anni perché una singola molecola d’acqua fluisca attraverso di esso, dall’ingresso all’uscita. Il lago Baikal presenta 27 isole, inclusa una di 72km di lunghezza chiamata Olkhon , mentre dentro e intorno a Baikal vivono più di 1.500 specie animali, circa l’80% delle quali non vive in nessun’altra parte del pianeta.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il più famoso di questi animali potrebbe essere il nerpa , l’unica foca esclusivamente d’acqua dolce del pianeta. Si tratta di circa 100.000 esemplari, una popolazione di animali confortevole e ben adattata la cui presenza nell’interno della Russia ha lasciato perplessi i biologi evoluzionisti, che non sono sicuri di quando o come gli animali siano arrivati ​​così lontani dall’oceano aperto. Gli abiti turistici guidati possono fornire ai visitatori la vista degli animali, anche se le foche sono generalmente ombrose intorno alle persone, che le hanno cacciate a lungo per pelli, grasso e carne. Anche orsi bruni e lupi abitano vicino al lago, occupando i livelli più alti della catena alimentare siberiana, così come una varietà di cervi, uccelli, roditori e piccoli predatori. Di sole basso e acque profonde, il lago Baikal gela in inverno con uno strato di ghiaccio spesso due metri.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il primo europeo a visitare il lago Baikal potrebbe essere stato il russo Kurbat Ivanov , nel 1643, anche se la tradizione locale afferma che Gesù fece una breve passeggiata al lago Baikal e ritorno durante i suoi giorni di vagabondaggio nel deserto. Oggi, un deserto di foreste, pianure e semideserti circonda il Baikal nel magnifico paesaggio della Siberia, sebbene lo sviluppo lungo le rive del lago sia avvenuto il secolo scorso con la costruzione di diverse comunità urbane e turistiche. La più brutta, forse, tra le contaminazioni della costa del Baikal è una cartiera che ha scaricato inquinanti nel Baikal per anni prima di essere chiusa nel 2008 per motivi di protezione ecologica . Ma il mulino ha riaperto nel 2010, presumibilmente utilizzando pratiche più pulite e sicure rispetto al passato. Nel frattempo, gli ambientalisti locali hanno altri motivi di preoccupazione. Ad esempio, hanno resistito ai piani per costruire un impianto di uranio nella vicina città di Angarsk . E hanno combattuto quando una società di sviluppo petrolifero chiamata Transneft ha quasi costruito un oleodotto che sarebbe passato entro i 3000 piedi dal Lago Baikal, minacciando le sue acque con perdite e sversamenti. Il percorso pianificato del gasdotto è stato infine modificato. Lo sviluppo del turismo è un piccolo prurito in confronto, sebbene possa produrre brutti occhi come gli hotel e le comunità di vacanza di Listvyanka , una popolare città turistica invernale ed estiva.

Se visiti il ​​Lago Baikal, ricorda che gli inverni qui sono gelidi e ghiacciati, con scatti di freddo continentali che portano temperature fino a meno 40 gradi Fahrenheit e producono uno strato di ghiaccio superficiale spesso fino a due metri. L’estate è più amichevole, offre giornate lunghe e ottime opportunità per escursioni a piedi, in bicicletta, campeggio e pesca. Lungo la sponda settentrionale del lago, il Frolikha Adventure Coastline Track conduce per 65 miglia attraverso la natura selvaggia. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: smithsonianmag.com

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.