Funghi su Marte? Mistero su strane formazioni fotografate sul pianeta rosso

Il rover Mars curiosity era inizialmente concepito come una missione di due anni per raccogliere informazioni per aiutare a rispondere se il pianeta potesse supportare la vita, avere acqua liquida, studiare il clima e la geologia di Marte e da allora è attivo da più di 2.000 giorni

Sono stati scoperti dei funghi su Marte? Non proprio. La vera notizia è che uno scienziato soprannominato “Space Tiger King” ha affermato che le strane rocce “a palloncino” su Marte sono in realtà funghi. Tuttavia, è ancora presto per confermare o smentire quella che potrebbe rivelarsi una scoperta straordinaria, ovvero constatazione di primve vere forme di vita extraterrestre:

I presunti “funghi” che crescono su Marte. Il team afferma che ci sono prove di funghi che assomigliano a Puffballs sulla Terra (a destra) che “ germogliano ” nelle tracce lasciate dal rover Curiosity della NASA (a sinistra)

Il microbiologo dott. Xinli Wei dell’Accademia cinese delle scienze, l’astrofisico dott. Rudolph Schild di Harvard-Smithsonian e il dott.Rhawn Gabriel Joseph, alias Space Tiger King, hanno fatto le affermazioni dopo aver studiato le immagini scattate dal rover Curiosity della NASA sul pianeta rosso e l’orbita HiRISE. Il loro studio, che è stato accolto con scetticismo dalla comunità scientifica, sostiene che ciò che la NASA chiama rocce sono in realtà esemplari simili a funghi che crescono nel paesaggio marziano. Il trio afferma che questi “funghi” sembrano rimpicciolirsi, apparire e scomparire in un periodo di giorni, settimane e mesi. In un esempio, il team afferma che ci sono prove di funghi che assomigliano ai Puffballs (funghi palloncini”) terrestri. Wei, Armstrong e Joseph hanno setacciato per anni le immagini della NASA di Marte e hanno condiviso le loro numerose “scoperte” con il mondo in numerose occasioni. Nell’aprile 2020, Armstrong e Joseph hanno pubblicato uno studio simile su Research Gate che affermava anche che i funghi stavano crescendo su Marte. “Durante la sua missione a Eagle Crater, Meridiani Planum, il rover Opportunity ha fotografato migliaia di formazioni simili a funghi licheni con steli sottili e cappucci sferici, raggruppati insieme in colonie attaccate e sporgenti dalle cime e dai lati delle rocce ”, si legge nel Documento del 2020 che non è stato sottoposto a peer review. “Quelli sui lati superiori erano spesso orientati collettivamente, tramite i cappucci e gli steli, in una direzione con un angolo verso l’alto simile a quella tipica degli organismi fotosintesi”dicono gli studiosi. Le loro affermazioni selvagge sulla vita su Marte erano controverse nella comunità scientifica. Non aiuta esattamente la loro credibilità il soprannome di Joseph “Space Tiger King” che sembra essere stato ispirato dal suo sito personale brainmind.com che lo mostra mentre posa con occhiali da sole oversize di fronte a uno sfondo a tema spaziale ritoccato male:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’immagine in stile anni ’90 fa venire in mente il fiammeggiante proprietario dello zoo Joseph Maldonado-Passage il cui documentario ha conquistato la nazione l’anno scorso. Joseph ha fatto notizia in passato quando ha citato in giudizio la NASA nel 2014 chiedendo di esaminare un “presunto organismo biologico’‘ che dice di aver visto nelle immagini del rover Opportunity. Il presunto organismo si è poi rivelato essere una roccia. Nell’ultimo studio, Joseph e il suo team insistono sul fatto di aver visto prove di vita sul Pianeta Rosso e hanno incluso oltre 40 immagini nell’ultimo studio che supporta le loro affermazioni. I ricercatori indicano gli “araneiformi”, canali scuri nel suolo marziano, visti da Curiosity, come prova di funghi neri, muffe, licheni, alghe e altre specie che riducono lo zolfo.

Foto orbitale HiRISE. I confronti statistici effettuati dai ricercatori indicano che gli “araneiformi” artici, canali scuri e lunghi nel suolo, sono aumentati in modo significativo in lunghezza parallelamente a seguito di uno scatto iniziale di crescita

Dicono che queste forme possono crescere fino a 980 piedi in primavera quando le temperature possono raggiungere 42F durante il giorno e scomparire entro l’inverno quando le temperature scendono a -9F. Gli autori dello studio affermano che questo è un modello ripetuto ogni primavera e può dimostrare l’esistenza di enormi colonie di funghi neri, muffe, licheni, alghe, metanogeni e specie che riducono lo zolfo, che crescono sulla superficie marziana. La NASA ha precedentemente affermato che questi enormi araneiformi sono il risultato dello scongelamento del ghiaccio stagionale di anidride carbonica. Tuttavia, gli autori dello studio sottolineano che il ghiaccio congelato di anidride carbonica non è nero ma bianco semitrasparente, sostenendo che in realtà sono costituiti da enormi colonie di funghi e altre specie viventi:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Nella foto è un’immagine di Marte presa dall’orbitale Mars HiRISE. Gli scienziati affermano che mostra esemplari simili a funghi che trasporta su e sopra il terreno con quelli al centro che crescono l’uno verso l’altro

Oltre a germogliare dal terreno, il team afferma anche di aver trovato prove di funghi che crescono oltre a Curiosity. Le immagini scattate dal rover del suo deck Chemcam, che spara laser e analizza il materiale circostante, sono state scattate su Sol 51 che mostra un dispositivo pulito. Tuttavia, salta avanti a SOl 1038 e parte dell’area è ricoperta da materiale scuro, che secondo il team è un fungo che cresce sui bordi. E il trio di ricercatori afferma che alcune specie di funghi sono state viste crescere sopra il rover Curiosity nelle foto scattate al veicolo dalla sua stessa Mastcam.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Fili che serpeggiano attraverso e talvolta salgono sopra la superficie vista in bianco. I ricercatori affermano che questi esemplari possono essere costituiti da micelio fungino calcificato o plasmodio incrostato e viticci protoplasmatici punteggiati da corpi fruttiferi bulbosi fossilizzati

Wei, Armstrong e Joseph hanno anche guardato attraverso le immagini di Marte scattate dal rover Opportunity della NASA che ha esplorato il Pianeta Rosso dal 2003 al 2018. Un’immagine, Opportunity ha catturato formazioni sferiche di colore bianco gessoso sulla superficie, che i ricercatori sostengono siano funghi ricoperti che spuntano dal terreno. Il team di Opportunity, tuttavia, ha registrato le strutture come ematite, un minerale comune che forma le rocce che potrebbe effettivamente dimostrare che grandi quantità di acqua scorrevano un tempo su Marte. In seguito, due membri del team Opportunity hanno anche ammesso che gran parte dei dati non erano adatti all’ematite (Glotch e Banfield 2006) mentre Bell et al (2004) hanno riconosciuto che i dati non erano coerenti con l’ematite solida ma con la jarosite e le firme spettrali ottenute erano indicative di “ferro ferrico cristallino”, si legge nel documento.

Oltre a germogliare dal terreno, il team afferma anche di aver trovato prove di funghi che crescono oltre a Curiosity. Una porzione del mazzo Chemcam di Curiosity fotografato il Sol 51 e 1038 giorni marziani dopo mostra possibili prove della crescita di funghi e batteri, secondo lo studio

Anche la spiegazione dell’ematite sferica è stata respinta nel 2006, da Joseph che invece ha coniato il terminefunghi marziani “, sottolineando che questi esemplari sferici assomigliano a licheni e a funghi terrestri. In una serie di fotografie di tre giorni marziani, note anche come Sols, si afferma che gli esemplari amorfi bianchi all’interno di una fessura del rover abbiano cambiato forma. Secondo gli autori dello studio, i funghi avevano “appendici simili a corpi fruttiferi” che formavano una rete sulla superficie ma erano scomparsi entro il terzo giorno. “Centinaia di formazioni” a forma di fungo “a forma di ciambella con fossette di circa 1 mm di dimensioni sono adiacenti o attaccate a questi complessi simili al micelio”, si legge nel documento.

- Prosegue dopo la pubblicità -
(Sinistra) Puffball terrestre che sono cresciuti insieme. (A destra) mostra un esemplare simile da Marte che i ricercatori suggeriscono sia la stessa cosa

Gran parte delle loro affermazioni derivano dal fatto che alcuni oggetti sembrano aumentare di dimensioni, aumentare di numero o scomparire completamente in un breve periodo di tempo. Oltre alle immagini di Curiosity, il team ha utilizzato le immagini scattate dal rover Opportunity e da vari veicoli spaziali orbitanti che viaggiano intorno al Pianeta Rosso. Hanno esaminato le immagini di nove “esemplari sferici” ritenuti simili a palloncini fungini sulla Terra con 12 esemplari che emergono da sotto il suolo tre giorni dopo:

Il documento fornisce esempi di funghi sulla Terra (a sinistra) alle strutture viste su Marte (a destra) e afferma che i due sono quasi la stessa cosa. Il team dice che l’immagine a destra mostra un gambo di fungo

Affermano, attraverso le immagini, che i nove si avvicinavano notevolmente man mano che i loro diametri si espandevano e alcuni mostravano segni di movimento. I confronti statistici effettuati dai ricercatori indicano che gli “araneiformi” artici, canali scuri e lunghi nel suolo, sono aumentati in modo significativo in lunghezza parallelamente a seguito di uno scatto iniziale di crescita.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Fotografato da Opportunity, questo mostra vasti campi di esemplari sferici, molti con steli sopra la superficie. Il colore “verdastro” può indicare la clorofilla

Sebbene le somiglianze nella morfologia non siano la prova della vita, la crescita, il movimento e i cambiamenti di forma e posizione costituiscono un comportamento e supportano l’ipotesi che ci sia vita su Marte, hanno aggiunto gli autori dello studio. La questione se esista o sia esistita la vita su Marte è estremamente controversa. Anche coloro che sono favorevoli alla biologia non hanno ancora affermato di aver trovato una prova definitiva “, hanno scritto gli autori dello studio. Il team ammette che le somiglianze nella morfologia non sono una prova di vita. Ciò si applica “anche quando le prove includono un’ampia gamma di campioni”. Tuttavia, il team sostiene che ci sono prove sufficienti della “vita” nelle immagini catturate dalla NASA e da altre agenzie per suggerire che esista vita sul Pianeta Rosso.

Fotografata da Curiosity, l’immagine (a sinistra) documenta l’area del suolo con strutture sferiche (cerchiate in rosso). Poi sette giorni dopo (a destra), almeno 18 strutture sferiche apparvero in quella stessa area

“È ben noto che una varietà di organismi terrestri sopravvive a condizioni simili a Marte,” ha spiegato il team nel loro articolo. “Data la probabilità che la Terra abbia seminato la vita su Marte e che la vita sia stata ripetutamente trasferita tra i mondi, sarebbe sorprendente se non ci fosse vita. Tuttavia, a differenza degli organismi terrestri, i funghi marziani, i licheni, le muffe, le alghe e altre forme di vita putative, si sarebbero evoluti e sarebbero già stati adattati alle basse temperature, hanno spiegato gli autori dello studio. Aggiungendo si sono anche adattati alla disponibilità intermittente di acqua, a basse quantità di ossigeno libero e ad alti livelli di radiazioni che caratterizzano il duro ambiente marziano.“Quasi tutti gli scienziati che hanno cercato la vita attuale o passata su Marte, hanno riportato risultati positivi. Quello che sarebbe sorprendente è se non ci fosse vita su Marte”. Lo studio è stato accettato per la pubblicazione sulla rivista Advances in Microbiology ed è attualmente disponibile come pre-stampa . 

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.