Survival Garden: tutto ciò che devi sapere per iniziare

Non importa il motivo per cui si avvia un orto di sopravvivenza, alcuni lo fanno per mantenere la propria famiglia ben nutrita, con cibo di cui si sa da dove proviene, altri per avere autonomia in caso di problemi. Un giardino di sopravvivenza è un giardino che ti permette di vivere principalmente dei prodotti che coltivi. Se un’emergenza o un terremoto colpisce la tua comunità o se un incidente ti impedisce di andare al mercato, questo tipo di giardino manterrà la tua famiglia nutrita per un po ‘.

Se vuoi avere un giardino di sopravvivenza, la pianificazione è fondamentale. Da ciò che viene piantato a come viene piantato, un’attenta pianificazione ripagherà alla grande se hai bisogno di rivolgerti al tuo giardino di sopravvivenza per qualsiasi motivo. La buona notizia è che, anche in tempi buoni, il tuo giardino sarà una fonte di gustosi cibi naturali che possono abbassare il tuo budget alimentare mensile. I fattori più importanti da considerare quando si avvia un orto di sopravvivenza sono le sostanze nutritive di cui hai bisogno per sopravvivere, la tua capacità di salvare i semi in modo da poter ripiantare il tuo giardino, le migliori colture per la conservazione e le piante che ti danno le migliori prestazioni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Cos’è un giardino di sopravvivenza?
I giardini di sopravvivenza sono più difficili da mantenere rispetto a un giardino normale. Non importa se i raccolti del tuo orto domestico falliscono perché puoi andare al negozio. Se il tuo orto di sopravvivenza fallisce, non hai niente da mangiare. Devi pensare alla conservazione e alle calorie massime. Inoltre, quali piante forniranno il rendimento più alto? Non ha senso piantare ortaggi che forniscono solo una piccola quantità di prodotto che non si conserverà bene. La composizione del tuo giardino di sopravvivenza dipenderà anche dalle altre provviste. Potresti avere un orto, un giardino di erbe aromatiche, bovini e polli, quindi ciò che pianti varierà da qualcuno che non lo fa. È difficile vivere di sole piante, quindi devi assicurarti di ottenere il maggior numero possibile di nutrienti dal tuo giardino, compresi i grassi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Scelta delle piante.
Quanto dovrei coltivare? La prima cosa da considerare è quanto hai bisogno di crescere. Ponetevi le seguenti domande:
-A quanti membri della famiglia darai da mangiare?
-Quanto consumi attualmente?
-Condividerai il tuo raccolto con gli altri?
Un modo per calcolare le tue esigenze è monitorare ciò che tu o la tua famiglia mangiate per un mese e calcolare le calorie e la quantità. Puoi anche utilizzare un calcolatore online per determinare di quante calorie hai bisogno. Potresti essere sorpreso di quanto hai bisogno per mantenere te stesso e la tua famiglia in buona salute.

Cosa dovresti coltivare?
Ci sono molti fattori da considerare quando si decide cosa coltivare. Innanzitutto, considera la stagione di crescita e i mesi in cui non cresce molto nella tua zona. Se la stagione di crescita è breve, avrai bisogno di piante che si conservino bene, contengano la quantità massima di sostanze nutritive e non necessitino di una lunga stagione di crescita. Naturalmente, devi anche tenere conto di ciò che cresce bene nella tua zona. Hai inverni lunghi con poco sole? Nevica dove vivi? In tal caso, potresti aver bisogno di una serra per prolungare la stagione di crescita. Una serra riscaldata è ancora meglio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ecco un elenco di piante da considerare per iniziare. Queste piante generalmente contengono sostanze nutritive e crescono nella maggior parte delle aree:
Patate .
Mais .
Ebraica.
Semi di girasole .
Pomodori .
Fagioli .
Zucche.
Cipolle .
Barbabietole
Forse ti starai chiedendo perché ho elencato i semi di girasole. Se vivi dal tuo giardino, devi assumere qualche forma di grasso nella tua dieta e i girasoli hanno una buona quantità di grasso. Se i girasoli non crescono dove vivi, forse lo fanno le arachidi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Cosa si conserva bene?
Vivere del tuo giardino è possibile solo se puoi immagazzinare gran parte di ciò che coltivi per aiutarti durante le stagioni magra. Tutte le seguenti piante si conservano bene.
Cipolle.
Barbabietola.
Rapa.
Zucca.
Patata.
Zucchine.
Aglio.
Patata dolce.
Pastinaca.
Zucca invernale.

Per far durare le cose ancora più a lungo, prendi in considerazione la coltivazione di prodotti che puoi fermentare , essiccare o conservare , come
Cetrioli
Peperoni.
Pomodori.
Mais.
Barbabietola.
Cavoli.
Ebraica.
Soia.
Colture nutrienti.
Naturalmente, l’elenco delle piante che crescono nella tua zona potrebbe essere diverso dalle piante sopra. La chiave è cercare di ottenere diverse verdure per assicurarti di ricevere diversi nutrienti vitali.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Prova ad avere:
Verdure a foglia verde per il ferro.
Piselli, fagioli o tuberi per i carboidrati.
Cavolini di Bruxelles, lenticchie, noci o spinaci per il ferro.
Peperoni, bacche, pomodori, kiwi, agrumi o germogli per la vitamina C.
Asparagi, cetrioli, cavoletti di Bruxelles o barbabietole per vitamine e acido folico.
Salva i semi.
Non solo devi nutrirti per il primo anno, ma devi assicurarti di poter piantare nuovi raccolti l’anno prossimo se le cose continuano ad andare male. Dopo aver considerato la resa, la conservazione e la nutrizione, pensa alle migliori piante per conservare i semi . Mi sono sempre piaciute le verdure che danno molti semi facili da raccogliere. Inoltre, se hai dei semi avanzati, puoi scambiarli con i tuoi vicini per le cose di cui hai bisogno.

Le migliori verdure per conservare i semi sono:
Pomodori.
Patate.
Peperoni.
Zucche.
Zucche.
Meloni
Piselli verdi.
Ebraica.
Cetrioli
Ravanelli
Lattuga
Il risparmio di semi si ottiene utilizzando semi autoctoni per la semina e conservando i semi di ortaggi dopo il raccolto. I semi acquistati in negozio non sono i più adatti, quindi per il tuo orto di sopravvivenza dovresti iniziare con semi autoctoni. Evita l’impollinazione incrociata tra le piante e studia suggerimenti e trucchi per salvare i semi. Parte del successo di un giardino di sopravvivenza sta nell’imparare il più possibile da giardinieri esperti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come preparare il terreno.
Oltre alle piante che prevedi di coltivare, la scelta della posizione è il fattore più essenziale nella pianificazione del tuo giardino di sopravvivenza. Di quanto spazio ho bisogno?
Per prima cosa, di quanto spazio hai bisogno? La quantità di giardino di cui hai bisogno dipende dalle tue circostanze personali, come il numero di persone nella tua casa e il tipo di piante che stai coltivando.

Devi anche tener conto se prevedi di lasciare una parte del giardino non piantata di tanto in tanto. Devi dar loro riposo. Ogni volta che un giardino riposa, dovresti fornirgli un fertilizzante equilibrato, ad esempio un buon compost fatto in casa. Calcola lo spazio di cui hai bisogno e assicurati che il tuo giardino si adatti alle tue esigenze. Anche le migliori piante del mondo non prospereranno se non ricevono la quantità di sole di cui hanno bisogno. Scegli un luogo che riceva 8 ore di sole al giorno, magari con un po ‘di ombra nel pomeriggio se vivi in ​​una zona calda. Ci sono piante che crescono bene all’ombra .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Prepara la terra.
Mangiare dal cibo che coltivi nel tuo giardino significa che devi fare tutto il possibile per aumentare la produttività del tuo giardino. Più cibo puoi ottenere, meglio starai. Ciò significa preparare il terreno per la semina. Più sano è il tuo terreno, più sane saranno le tue piante e più sano sarai. Il momento migliore per avviare un giardino di sopravvivenza è quando non ne hai bisogno. Devi esercitarti e non imparare tutto. Salvare i semi, piantare durante le quattro stagioni, conservare è qualcosa che si impara nel tempo. Prova a coltivare qualcosa che non hai mai provato prima, a salvare i semi dalle colture attuali e a conservare il cibo che coltivi.

Mettiti alla prova.
Se vuoi vedere se hai pianificato bene il tuo giardino di sopravvivenza, prova a piantare un giardino e nutrire la tua famiglia con esso per circa un mese. Di ‘alla tua famiglia che stai iniziando un orto di sopravvivenza e che una volta iniziato il raccolto, nessuna verdura verrà acquistata dal negozio durante il processo. In questo modo, puoi mettere alla prova le tue abilità mentre acquisti il ​​resto del cibo nel negozio o lo fornisci tu stesso. Questo ti darà un’idea di quanto lavoro deve essere fatto e quanto devi coltivare per sostituire tutte le verdure, per non parlare del resto del cibo. Il mio ultimo suggerimento è di leggere, imparare e non aver paura di provare. Ora è il momento di imparare, non quando hai bisogno del giardino di sopravvivenza.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte:  ecoinventos.com

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.