Videogiochi: se multiplayer online contrastano la solitudine, secondo uno studio scientifico

Per decenni, c’è stato uno stereotipo prevalente sui giocatori di videogiochi online: sono reclusi privi di abilità sociali. Ma i videogiochi di oggi sono spesso costruiti per l’interazione; puoi giocare con le persone in casa, o con gli amici che conosci, o con estranei in tutto il mondo. Con molti giochi, c’è un componente di chat che ti permette di avere anche conversazioni. Quindi, forse è il momento di aggiornare le nostre immagini mentali sui giocatori e riconoscere che i videogiochi possono funzionare esattamente nel modo opposto a cui siamo stati avvertiti:

possono aiutare a sconfiggere la solitudine. Lo psicologo comportamentale Geert Verheijen nei Paesi Bassi si è interessato in modo particolare allo studio dei giochi, poiché lui stesso è un giocatore. Ha condotto precedenti ricerche sull’aggressività e la cognizione in relazione al gioco. Questa volta, ha trascorso tre anni a studiare il comportamento di gioco di circa 600 ragazzini tra circa 11 e 14 anni, divisi equamente per sesso, utilizzando questionari e uno studio osservazionale di persona. Non stava studiando i pazienti, ma stava solo cercando di ottenere una lettura sul “comportamento di gioco medio, quotidiano degli adolescenti“, ha detto in un’intervista a Medical Daily.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quello che ha scoperto è stato questo: i bambini che giocano da soli per lunghi periodi di tempo si sentono più soli, ma quando giocano in modo interattivo con gli amici, è vero il contrario. Soprattutto durante una pandemia, quando le interazioni sociali sono più difficili da ottenere, questa può essere una buona notizia per i genitori. La mamma di Long Island, NY, Andrea Basile Cavese ha detto al Medical Daily di aver provato preoccupazione quando suo figlio non ha avuto grandi esperienze nel fare amicizia alle elementari: aveva alcuni amici a scuola, ma non uscivano fuori dalla scuola. Ma ha trovato “la sua gente” quando ha iniziato a giocare a Roblox online. Nel corso degli anni, quegli stessi ragazzi sono passati ad altri giochi e ora stanno costruendo i propri giochi. Il figlio di Andrea ha ora 14 anni ed è l’animatore delle creazioni del gruppo. “Ero sempre preoccupata che passasse troppo tempo al computer, ma ora vedo un possibile futuro per lui“, ha detto. “È felice che non solo abbia trovato una passione, ma che abbia un gruppo di amici poco drammatici provenienti da tutto il paese che hanno formato un legame a lungo termine e si sono forniti reciprocamente uno sbocco sociale.”

- Prosegue dopo la pubblicità -

Alexander Kriss, PhD, psicoterapeuta a New York, non è sorpreso nel sentir parlare di queste osservazioni. L’autore di The Gaming Mind: A New Psychology of Videogames and the Power of Play, ha detto al Medical Daily che pensa che il gioco sia sempre stato ingiustamente diffamato, soprattutto dopo che i giochi violenti sono diventati un comodo capro espiatorio per spiegare le sparatorie del 1999 alla Columbine High School. (Perché i ragazzi dovrebbero diventare violenti? Devono essere i videogiochi!) In realtà, ha detto il dottor Kriss, ciò non ha basi scientifiche, ed è felice che stiamo finalmente iniziando a respingere il pregiudizio negativo.

L’impostazione dei limiti è una parte importante della genitorialità, quindi ovviamente c’è un punto in cui i genitori devono respingere se il gioco è troppo , anche con gli aspetti positivi. Ma ha suggerito di considerare l’ossessione del gioco come un sintomo piuttosto che il problema e di cercare di non vedere i videogiochi come “una minaccia che deve essere neutralizzata”. Considerala invece una finestra sulla psicologia umana. Soprattutto ora, quando la pandemia ha sconvolto le nostre vite, dovremmo probabilmente ridurre un po ‘il gioco; può essere il miglior sbocco che abbiamo per uscire con gli altri.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’interazione sociale arriva con nuove regole, barriere e ansie. Semplici attività quotidiane sono intrise di questioni di rischio e sicurezza “, ha detto il dottor Kriss. “Alcune attività e luoghi sono semplicemente inaccessibili. I giochi possono fornire a bambini e adulti un modo per entrare in contatto con quegli aspetti importanti della vita reale: interazione sociale, capacità di apprendimento, raggiungimento di obiettivi, divertimento, restando contenuti nella sicurezza dello spazio virtuale “.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Socializzare nei giochi può offrire più possibilità emotive rispetto ad altre forme di interazione a distanza, ha detto, perché “porta i giocatori in un mondo condiviso separato dalla realtà fisica (e quindi al di fuori delle pressioni e delle ansie dell’era pandemica), dove la cooperazione, la competizione , la frustrazione, la gioia e così via possono essere sperimentati senza diventare travolgenti. Giocare a un gioco non è un hobby passivo; è interattivo, il che significa che può simulare aspetti dell’essere vivi che altrimenti potrebbero non essere disponibili in questo momento.

E’ opportuno sottolineare che lo studio non vuole incentivare l’utilizzo del videogioco di per sè, ma sottolineare l’aspetto positivo in considerazione delle potenziali interazioni che questa attività può incentivare qualora praticata in modalità multiplayer online (più giocatori collegati tra loro mediante la rete internet). Ovviamente, queste amicizie necessitano poi di essere coltivate anche in un contesto differente da quello online, per permettere anche una vita al di fuori delle proprie mura domestiche e lontane da monitor di un pc, evitando l’insorgenza di altri problemi, quali ad esempio l’obesità.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: medicaldaily.com

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.