Egitto: trovate 250 tombe di 4.200 anni con ossa umane e geroglifici

protothema.gr

Centinaia di tombe scavate nella roccia sono state scoperte accidentalmente dagli archeologi in Egitto. Alcune delle tombe ritrovate risalgono a più di 4.000 anni fa:

australiannewsreview.com

In tutto, 250 siti tombali sono stati scoperti durante un’indagine archeologica di routine nella necropoli di Al-Hamidiyah vicino a Sohag, sulla sponda occidentale del fiume Nilo. Secondo i ricercatori, erano in uso per un periodo di 2.000 anni, dal 2200 a.C. circa al 30 a.C. Rappresentando diversi stili, le tombe furono scavate nella montagna a vari livelli. Uno aveva una falsa porta con iscrizioni geroglifiche ancora intatte e scene di persone in lutto che facevano offerte agli dei per conto del defunto. Alcuni avevano uno o più pozzi funerari, ha detto Mustafa Waziri, segretario generale del Consiglio supremo delle antichità, e altri sono stati costruiti con una rampa che termina in una camera funeraria:

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://archaeologynewsnetwork.blogspot.com

Una tomba risalente a più di 4.000 anni, al declino dell’Antico Regno, include un ingresso che conduce a una sala trasversale con un passaggio inclinato nel lato sud-est che si dirige verso una piccola camera funeraria. Secondo Waziri, il pozzo è stato riutilizzato più volte nel corso dei secoli. Descrisse che la tomba aveva una falsa porta con iscrizioni geroglifiche ancora visibili, così come scene di abitanti della tomba che macellavano sacrifici e persone in lutto che offrivano offerte agli dei per suo conto. Gli scavi hanno anche portato alla luce ossa umane e animali, oltre a una moltitudine di ceramiche e frammenti, alcuni dei quali erano utilitari e altri pezzi specifici per scopi funebri. Sono stati scoperti anche piccoli vasi di alabastro, resti di uno specchio rotondo di metallo e ceramiche rituali conosciute come miniature “votive“:

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://archaeologynewsnetwork.blogspot.com
https://archaeologynewsnetwork.blogspot.com

Si tratta di piccoli vasi sferici che simboleggiano il defunto. Gli archeologi ritengono che le iscrizioni trovate su pezzi di pietra calcarea rappresentino resti di dipinti funerari raffiguranti gli abitanti delle tombe, alcuni dei quali risalgono alla fine della sesta dinastia egizia, intorno al 2345 al 2181 a.C. Secondo il museo, le tombe furono utilizzate dalla classe dirigente della nona provincia dell’Alto Egitto, un luogo fondamentale nell’antico Egitto grazie alla sua posizione tra Assuan e la capitale Menfi. “Date le loro piccole dimensioni rispetto alle tombe riservate ai reali, che sono di grandi dimensioni, queste tombe potrebbero essere state assegnate alla gente comune”, ha riferito ad Al-Monitor l’ egittologo Bassam al-Shamaa. Al-Shamaa crede che l’arte e le pratiche funerarie offrano “maggiori dettagli sulla vita quotidiana della gente comune dell’epoca”. L’area fu anche influenzata dalla sua vicinanza ad Abidos, il centro di culto del dio Ozir (in seguito Osiride), e Akhmim, sede del culto di Min, un dio della fertilità maschile venerato come il Signore del Deserto Orientale. Waziri ha detto che i ricercatori hanno già documentato più di 300 tombe nell’area, che si estendono da al-Kharandariyah a nord a Nag al-Sheikhs a sud, e si aspettano che altre saranno scoperte su vari livelli della montagna. A tal proposito, riportiamo qui sotto i link ad un video diffuso su YouTube:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.