Miele inquinato dalle microplastiche? Ecco lo studio.

Quando parliamo di inquinamento di micro plastiche pensiamo subito ai mari e alle acque. Ma il problema non è strettamente legato a questo, ma è molto più ampio. Le micro plastiche si trovano ovunque: boschi, campagne,città. Recentemente sono stati  pubblicati i risultati di una ricerca effettuata da un team di ricercatori dell’Universidad de Almerìa, in cui hanno effettuato ricerche sul livello di micro plastiche in città e luoghi limitrofi. Lo studio è stato pubblicato su Science of the Total Environment. La ricerca è stata effettuata nello specifico nella città di Copenaghen: sia nelle zone urbane, che nelle campagne danesi. Lo studio ha approfondito lo stato delle api da miele e la presenza appunto di micro plastiche.

Le api sono in stretto contatto con l’ambiente circostante e sono capaci di grandi spostamenti sul territorio. Sono legate a correnti d’acqua, ma anche con terreno, fiori e alberi. Le api sono dei veri e propri insetti bioindicatori: “Le api da miele interagiscono con l’ambiente all’interno della loro area di raccolta e portano con sé le sostanze inquinanti. (…) I nostri risultati hanno dimostrato la presenza di microplastiche attaccate al corpo delle api mellifere e aprono un nuovo percorso di ricerca per il loro utilizzo come biocampionatori attivi per l’inquinamento antropogenico” scrivono gli autori dello studio.” hanno detto i ricercatori.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tutti i dati analizzati sono stati prelevati sia dal corpo degli insetti, sia dagli alveari e dai luoghi dove si posavano. I risultati finali hanno evidenziato che c’erano tracce di micro plastiche in tutti i campioni analizzati. Nel 52% dei casi le micro plastiche erano frammenti, mentre nel 38% erano fibre. I campioni più inquinanti erano quelli prelevati dalla zona urbana della città, ma fa molto riflettere anche la presenza di micro plastiche in zone extraurbane. Questo è dovuto al vento: “Il carico più elevato corrispondeva agli apiari urbani, ma un numero paragonabile di microplastiche è stato trovato negli alveari delle aree suburbane e rurali, il che può essere spiegato dalla presenza di insediamenti urbani all’interno della fascia di foraggiamento delle api operaie e dalla facile dispersione di piccole microplastiche dal vento”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le microplastiche più presenti sono state: Poliestere, PVC e polietilene. Ma un dubbio ci preoccupa molto, il miele contiene microplastiche? Non abbiamo una risposta certa a questa domanda, ma dovrebbe essere una cosa da tenere sotto controllo e da approfondire. Visto i risultati di questo studio, non sarebbe difficile trovare frammenti praticamente invisibili di plastica anche nel miele che poi consumiamo.

Fonte: greenme.it

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.