Le stelle marine “zombie”: perdono spontaneamente gli arti a scopi difensivi. Ma una strana malattia sta accelerando questo meccanismo e la specie rischia l’estinzione – video

https://upload.wikimedia.org

Lasciano perplessi le immagini di una particolare specie di stella marina che, nei fondali dell’Oceano, tende spontaneamente a perdere i propri arti, mettendo in pericolo la propria vita e quella di un’intera specie:

https://media.istockphoto.com

Nello specifico, ci riferiamo alle stelle di mare del genere Pycnopodia helianthoides. Comunemente conosciuta come la stella marina del girasole, è una grande stella marina che si trova nel nord-est del Pacifico. L’unica specie del suo genere, è tra le più grandi stelle marine del mondo, con un’apertura massima del braccio di 1 m (3,3 piedi). Le stelle marine di girasole di solito hanno da 16 a 24 arti; il loro colore può variare ampiamente. Sono predatori, si nutrono principalmente di ricci di mare, vongole, lumache e altri piccoli invertebrati. Sebbene la specie fosse ampiamente distribuita in tutto il nord-est del Pacifico, la sua popolazione è rapidamente diminuita dal 2013. La specie risulta già scomparsa dai suoi habitat nelle acque al largo della costa della California e dell’Oregon ha visto la sua popolazione ridursi del 99,2% nelle acque vicino allo stato di Washington. Un team di ecologisti che ha utilizzato osservazioni in acque poco profonde e indagini con reti a strascico in mare aperto ha rilevato un calo dall’80 al 100% rispetto ai livelli di popolazione del 2013 su un raggio di 3.000 chilometri. A partire dal 2020, la specie è stata dichiarata in grave pericolo di estinzione dall’Unione internazionale per la conservazione della natura. Questa specie è capace di sbarazzarsi spontaneamente dei suoi arti, ma ultimamente il fenomeno si sta verificando troppo spesso, con potenziali effetti negativi sugli esemplari:

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://halejessie.files.wordpress.com

Questi animali non si avventurano in zone di alta e media marea perché la loro struttura corporea è carnosa e richiede acqua per sostenerla. Come accade in alcune specie di rettili, infatti, questa particolare tipologia di stella di mare ha la capacità di perdere uno o più arti quando è in pericolo. Se un grosso granchio tenta di afferrarle, ad esempio, queste stelle marine possono staccarsi spontaneamente una delle zampe per consentire la fuga ed al contempo, fornire un “contentito” utile ad ingannare il predatore. Tuttavia, negli anni del suo declino, questa specie sta rivelando comportamenti anomali. Il meccanismo di perdita degli arti si verifica troppo spesso e termina a volte con la morte dell’animale. E’ come se alcune di queste stelle marine abbiano decido di morire, probabilmente a causa di un malanno che le sta colpendo e che le spinge ad autodistruggersi. Le stelle marine del girasole abitano generalmente nelle zone subtidali e intertidali basse ricche di alghe o alghe. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Uno studio pubblicato su Frontiers in Marine Science nel 2018 ha individuato la possibile causa di questo preoccupante fenomeno: Precedenti lavori scientifici hanno suggerito che il densovirus associato alla stella marina (SSaDV) fosse il miglior patogeno candidato responsabile della malattia da deperimento delle stelle marine (SSWD) tra circa due dozzine di specie colpite da esse. Ma i ricercatori hanno notato che i virus non erano correlati in alcune specie duramente colpite. “La malattia tra le stelle marine è probabilmente causata da più fattori, non solo da un fattore come SSaDV o dall’aumento della temperatura. La “malattia” è in realtà più malattie. Capire questo, è molto più complicato da spiegare di un semplice virus – come SSaDV – in arrivo o l’aumento della temperatura dell’acqua a causa del cambiamento climatico”, ha affermato l’autore principale Ian Hewson, professore associato di microbiologia.

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://upload.wikimedia.org

Le stelle marine di girasole – le cui braccia da 16 a 24 superano i 3 piedi di lunghezza – un tempo erano prolifiche in tutto il Mar Salish, che confina con lo stato di Washington e la Columbia Britannica canadese. Nel 2013-14 la malattia del deperimento ha decimato la loro popolazione. Il documento suggerisce di rinominare la malattia da deperimento in Sindrome da deperimento idiopatico da asteroide perché il termine è correlato a una serie di sintomi, “il che è più corretto per descrivere questa situazione, poiché probabilmente sono presenti più malattie“, ha detto Hewson. La malattia del deperimento sembra aver fatto il suo corso, ha detto Hewson. “È in calo negli ultimi anni ed è attualmente presente a bassi livelli. La conseguenza finale della malattia è che c’è stata un’enorme riduzione delle stelle di girasole e di poche altre grandi specie di stelle marine”.

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://theoutershores.files.wordpress.com

 

Altre stelle marine sembrano essere state meno colpite, se non del tutto, sulla base dei sondaggi di altri ricercatori, ha affermato Hewson. “La perdita di stelle marine molto grandi, come le stelle di girasole, che sono i principali predatori nei loro ecosistemi, ha causato uno spostamento nell’abbondanza delle loro prede – ricci e altri piccoli invertebrati – per un po’. Non ci aspettiamo che i girasoli tornare ai numeri pre-malattia in qualunque momento presto. Il gruppo non lascia il cambiamento climatico fuori dai guai. “Dal momento che alcune di queste cause di malattia possono includere sbalzi di temperatura o precipitazioni, che in ultima analisi possono essere correlati ai cambiamenti climatici, dobbiamo concentrare i nostri sforzi sulla riparazione del cambiamento climatico“, ha affermato.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonti: phys.orgen.wikipedia.org

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.