Trovato animale preistorico ancora vivo dopo 24.000 anni e in grado di riprodursi, la scoperta in Siberia – video

Il fiume fiume Alayeza – https://bengali.cdn.zeenews.com

Un gruppo di scienziati ha dissotterrato un microscopico animale noto come rotiferodel genere Bdelloidea dal fiume Alayeza nell’Artico russo. Una volta scongelato, l’animale non solo è tornato in vita ma è stato in grado di riprodursi asessualmente, dopo aver trascorso millenni in uno stato di animazione congelata noto come critobiosi. Ricerche precedenti davano all’animale un massimo di sopravvivenza di soli 10 anni di vita. La nuova scoperta stravolge tutto in maniera inaspettata e a dir poco incredibile:

Il nuovo studio, pubblicato su Current Biology , ha suggerito che queti organismi potrebbero durare per migliaia di anni, se non indefinitamente. “La conclusione è che un organismo multicellulare può essere congelato e conservato come tale per migliaia di anni e poi tornare in vita – un sogno di molti scrittori di narrativa”, ha detto Stas Malavin, dell’Istituto russo di problemi fisici e biologici nella scienza del suolo. Il ricercatore ha detto che sono necessarie ulteriori ricerche per vedere come l’animale sia stato in grado di raggiungere l’ardua impresa dell’immortalità. Gli scienziati nello studio hanno congelato e scongelato dozzine di animali in un laboratorio per esaminare il processo. La datazione al radiocarbonio ha invecchiato il campione di rotifero bdelloid tra i 23.960 ed i 24.485 anni. I rotiferi bdelloid sono una classe di rotiferi che si trovano negli ambienti di acqua dolce di tutto il mondo:

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://els-jbs-prod-cdn.jbs.elsevierhealth.com

Il nome rotifero deriva dal latino e significa “portatore di ruote”. Le creature sono note per la loro capacità di resistere agli estremi. Sono uno gli animali più radioattivi della Terra, secondo il New York Times, che riferisce che possono resistere anche a bassi livelli di ossigeno, fame, elevata acidità e anni di disidratazione. Ci sono segnalazioni di altri organismi multicellulari che tornano in vita dopo migliaia di anni, tra cui un verme nematode, così come alcune piante e muschi. “Per confermare che i rotiferi hanno avuto origine dal nucleo del permafrost, abbiamo cercato le loro sequenze in un metagenoma ottenuto dallo stesso frammento del nucleo (NCBI SRA: SRR13615827). La nostra analisi ha dimostrato la presenza di un frammento del gene dell’actina (due letture accoppiate) appartenente a un rotifero bdelloid. Lo stesso frammento è stato sequenziato da Sanger da rotiferi vivi (GenBank: MT997071). A causa delle basi ambigue in entrambe le sequenze di Sanger e metagenomiche (informazioni supplementari), non erano identiche, ma hanno dimostrato una maggiore vicinanza l’una all’altra rispetto a qualsiasi contig nel database NCBI Genome ( Figura 1 E). La maggior parte delle differenze nucleotidiche sono state condivise anche da diversi scaffold di alcuni Adinetaassemblaggi del genoma, suggerendo l’esistenza di diversi paraloghi di actina. Poiché nel metagenoma è stata trovata solo una coppia di letture, il frammento analizzato è stato coperto solo una volta, catturando necessariamente una variante del gene. Questi risultati suggeriscono fortemente che l’isolato ha avuto origine dallo strato di permafrost e non dalla contaminazione del campione” – si legge nello studio che aggiunge:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per seguire il processo di congelamento e recupero dell’antico rotifero, abbiamo selezionato casualmente 144 individui del ceppo SCL-15-7 e li abbiamo congelati a -15°C per una settimana. Gli individui sopravvissuti sono stati contati un’ora dopo lo scongelamento e il processo di recupero è stato documentato per un individuo per piastra ( Video S1 ). Dati sulla sopravvivenza dell’antica Adineta sp. sono stati confrontati con quelli delle specie Adineta contemporanee delle Svalbard, dell’Alaska, dell’Europa occidentale e meridionale, dell’Asia e dell’Africa tropicali e del Nord America (10 specie, 404 individui in totale), congelate utilizzando lo stesso protocollo (Figura S1G). Non tutte le specie di Adineta analizzate sono sopravvissute al regime di congelamento prescelto (Informazioni supplementari). L’antica Adinetasp. non era significativamente più tollerante al congelamento rispetto alle specie contemporanee (modello lineare generalizzato a effetti misti (GLMM) dell’effetto ‘Species’: AIC/AIC null 502.17/497.15, p = 0.25), incluso il ceppo dell’Alaska ( X2= 0,63587, df = 1, p = 0,4252). Anche la differenza nella resistenza al gelo tra le specie Adineta dell’Artico e di altre regioni non era significativa (GLMM dell’effetto ‘Region’ (‘Arctic’ o ‘Temperate’) con l’effetto ‘Species’ considerato casuale: AIC/AIC null 500.29/ 499,15, p = 0,36). In particolare, l’antica Adineta sp. era più resistente al congelamento rispetto al suo parente geneticamente più vicino Adineta cf. vaga SP1, sebbene la differenza fosse marginale ( X2= 2,8572, df = 1, p = 0,091). Chiaramente, l’antico rotifero è in grado di sopravvivere a un processo di congelamento relativamente lento che consente la formazione di cristalli di ghiaccio dannosi per le cellule (la durata del congelamento completo di un pozzo con un rotifero 45 ± 4 min). In combinazione con la sua presenza nel permafrost, ciò suggerisce che l’ Adineta sp. possiede efficaci meccanismi biochimici di schermatura di organi e cellule necessari per sopravvivere alle basse temperature. La nostra scoperta è di interesse non solo per la biologia evolutiva, ma anche per scopi pratici di criobiologia e biotecnologia” – hanno concluso i ricercatori. Fonti: cell.comBBC. I ricercatori hanno anche diffuso un filmato dell’animale in vita, ecco il link al video:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.