Antartide scoperta dai Māori mille anni prima delle date ufficiali secondo alcuni studiosi

Pleneau Island – wikimedia.org

Quando pensiamo all’esplorazione Antartide, la Storia della sua esplorazione, ufficialmente, non avrebbe molti dubbi sulle origini della sua scoperta. Il primo avvistamento confermato dell’Antartide continentale è stato attribuito a una spedizione russa nel 1820, mentre il primo sbarco sulla terraferma è attribuito a un esploratore americano nel 1821. Ora, un nuovo articolo dei ricercatori neozelandesi suggerisce che le popolazioni indigene della Nuova Zelanda continentale – ovvero i Māori – hanno una storia significativamente più lunga con il continente più meridionale della Terra:

Dipinto di Gottfried Lindauer che ritrae Tukukino (1880 circa), un combattente anziano, capo degli Ngāti Tamaterā, comunità stanziata nel Distretto di Hauraki, nell’Isola del Nord. – wikipedia.org

Il team di ricerca, guidato dalla biologa della conservazione Priscilla Wehi del Manaaki Whenua Landcare Research, ha esaminato le storie orali e la “letteratura grigia” , ovvero ricerche, rapporti, documenti tecnici e altro materiale pubblicato da organizzazioni al di fuori dei comuni canali di pubblicazione accademici o commerciali. “Abbiamo scoperto che la connessione con l’Antartide e le sue acque si è verificata sin dal primo viaggio tradizionale e in seguito attraverso la partecipazione a viaggi ed esplorazioni guidati dall’Europa, ricerca scientifica contemporanea, pesca e altro per secoli“, ha affermato Wehi. I ricercatori evidenziano per la prima volta un viaggio a sud dell’inizio del VII secolo di un capo polinesiano Hui Te Rangiora e del suo equipaggio. Ciò li avrebbe probabilmente resi i primi umani a vedere le acque antartiche, oltre mille anni prima della spedizione russa e anche molto prima della migrazione pianificata dei coloni polinesiani in Nuova Zelanda. 

- Prosegue dopo la pubblicità -
Una donna Maori (Gottfried) – wikipedia.org

“In alcune narrazioni, Hui Te Rangiora e il suo equipaggio hanno continuato a sud. Molto più a sud. Così facendo, sono stati probabilmente i primi umani a mettere gli occhi sulle acque antartiche e forse sul continente” , scrive il team nel loro articolo. “Il viaggio e il ritorno di Hui Te Rangiora fanno parte della storia del popolo Ngāti Rārua, e queste storie compaiono in numerose incisioni”. Questa scoperta potrebbe non essere una grande sorpresa per i nostri lettori Māori che raccontano queste storie da generazioni, ma come spiega il documento, la letteratura accademica ha ancora molta strada da fare per raggiungere questa ricchezza di conoscenze. “Le narrazioni dei gruppi sottorappresentati e la loro connessione con l’Antartide rimangono scarsamente documentate e riconosciute nella letteratura di ricerca” , scrive il team. Questo documento inizia a colmare questa lacuna.” Ma il viaggio di Hui Te Rangiora non fu sicuramente l’ultima volta che i Māori ei loro antenati si recarono in Antartide. Te Atu – un uomo Ngāpuhi – è stato chiamato il primo Maori e il primo neozelandese a vedere la costa dell’Antartide nel 1840 come parte della spedizione esplorativa degli Stati Uniti. I Maori facevano anche parte dell'” Era eroica dell’esplorazione antartica” tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, aiutando gli esploratori europei con la medicina, l’edilizia, le competenze scientifiche e altro nei viaggi in Antartide. “La partecipazione dei Maori ai viaggi e alle spedizioni antartiche è continuata fino ai giorni nostri, ma è raramente riconosciuta o evidenziata“, scrivono i ricercatori. Per Maori in questi viaggi, le abilità marinaresche erano la valuta fondamentale.” Più recentemente, un certo numero di Maori ha o sta attualmente partecipando ai programmi scientifici antartici della Nuova Zelanda, facendo ricerche su tutto, dagli effetti del cambiamento climatico all’ecologia della popolazione dei pinguini, e il team dietro questo ultimo documento spera che questi numeri crescano.

- Prosegue dopo la pubblicità -
foto d’epoca di un Capo Maori risalente ad un periodo compreso tra il 1860 ed il 1879 – wikimedia.org

“Tenere conto delle responsabilità nei confronti dei gruppi sottorappresentati, e in particolare dei Māori come  partner del Trattato , è importante sia per i programmi contemporanei e futuri di ricerca antartica, sia per l’esplorazione futura degli obblighi della Nuova Zelanda all’interno del Sistema del Trattato Antartico”, ha affermato Wehi. Far crescere più scienziati antartici Maori e incorporare le prospettive Maori aggiungerà profondità ai programmi di ricerca della Nuova Zelanda e, in definitiva, alla protezione e alla gestione dell’Antartide”. La ricerca è stata pubblicata sul  Journal of the Royal Society of New Zealand .

 

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.