Scoperto volto in carne ed ossa di sauro intrappolato nell’ambra da 99 milioni di anni

Gli scienziati hanno scoperto una nuova specie di lucertola da due fossili di 99 milioni di anni trovati in Myanmar. La nuova specie, chiamata Oculudentavis naga (O. naga) dal popolo Naga, appartiene allo stesso gruppo di specie di Oculudentavis khaungraae – una specie precedentemente ritenuta del più piccolo uccello o dinosauro conosciuto:

I due nuovi esemplari, che avevano denti visibili attaccati alle ossa mascellari e tessuti molli conservati nell’ambra, hanno scoperto alcune caratteristiche fisiche chiave che hanno portato gli scienziati a identificarli come lucertole. “L’esemplare ha lasciato perplessi tutti i soggetti coinvolti all’inizio perché se si trattava di una lucertola, era molto insolito“, afferma in un  comunicato stampa Arnau Bolet, il ricercatore principale dello studio dell’Institut Català de Paleontologia Miquel Crusafont, in Spagna. Dopo che i paleontologi hanno eseguito le scansioni TC e analizzato i dati, hanno scoperto che l’animale misterioso aveva delle scaglie, denti attaccati direttamente alla mandibola, a differenza dei dinosauri i cui denti sono collegati a una presa e non alla mandibola. Altre proprietà includevano la struttura dell’occhio e le ossa della spalla che ricordavano le lucertole e un osso del cranio a forma di mazza da hockey, comune tra i rettili con denti collegati alla mascella. Oculudentavis è un genere estinto di sauro di incerta posizione tassonomica, originariamente identificato come un dinosauro aviale (uccello, in senso lato) vissuto nel Cretaceo superiore, circa 99,41-98,17 milioni di anni fa (Cenomaniano). Il genere contiene una singola specie, ossia O. khaungraae. L’unico esemplare fossile noto di Oculudentavis è un cranio completo conservato in un’ambra birmana. Dettaglio dell’ambra fossile:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel marzo 2020, la nuova specie Oculudentavis khaungraae è stata descritta su Nature da un minuscolo teschio di 99 milioni di anni racchiuso in una pietra d’ambra proveniente dal Myanmar. La sua mandibola dai denti lunghi, i grandi occhi e la breve scatola cranica a volta hanno portato il team di ricerca a pensare che stessero guardando il più piccolo dinosauro aviario mai trovato, paragonabile ai più piccoli colibrì viventi. I ricercatori hanno concluso che questa piccola creatura volante era lontanamente imparentata con il famoso uccello estinto Archaeopteryx. La foto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dopo questa pubblicazione, alcuni esperti esterni erano scettici sull’identità dell’animale e sono seguiti rapidamente studi che sfidavano questa interpretazione. La prova definitiva era in arrivo sotto forma di un secondo esemplare superbamente conservato. Nel 2019, Arnau Bolet, ricercatore ‘Juan de la Cierva’ presso l’Institut Català de Paleontologia Miquel Crusafont (Barcellona, ​​Spagna), insieme a Juan Daza (Sam Houston State University), Edward Stanley (Florida Museum of Natural History), Susan Evans (University College London) e altri colleghi di tutto il mondo avevano iniziato a lavorare su un esemplare della stessa miniera del Myanmar. Adolf Peretti aveva contattato Juan Daza per studiare una vasta gamma di fossili in ambra, e uno di questi fossili includeva un piccolo cranio con alcuni elementi postcranici, come una breve porzione della colonna vertebrale e la cintura pettorale. Il team di ricerca era molto entusiasta in quanto mostrava diverse caratteristiche morfologiche che non avevano mai visto prima:

L’ esemplare di Oculudentavis naga mostra una superba conservazione dell’osso e dei tessuti molli

“L’esemplare ha lasciato perplessi tutti i soggetti coinvolti, perché se si trattava di una lucertola, era molto insolita”, afferma Bolet. Solo pochi mesi dopo essere venuti a conoscenza dell’esistenza dell’olotipo di Oculudentavis in un’officina, hanno terminato il loro studio e hanno concluso che entrambi gli esemplari potevano essere identificati con sicurezza come lo stesso genere di lucertola. Infine, a luglio, il documento che descrive O . khaungraae è stato ritrattato dai suoi autori, quindi la nuova specie è stata spazzata via. Almeno, come un uccello. Lo studio sul secondo esemplare, descritto come una nuova specie all’interno del genere Oculudentavis e chiamato O. naga per onorare diversi gruppi etnici originari dell’India nordorientale e del Myanmar nordoccidentale. Il loro studio è stato ora pubblicato su Current Biology . Entrambi i campioni (gli olotipi di O. naga e O. khaungraae ) sono stati segmentati digitalmente con una microtomografia computerizzata per fornire una descrizione dettagliata delle singole ossa e per comprendere meglio le somiglianze e le differenze tra di loro. “Dal momento in cui abbiamo caricato la prima TAC, tutti hanno pensato a cosa potesse essere”, spiega Daza, assistente professore di scienze biologiche presso la Sam Houston State University. “Alla fine, uno sguardo più attento e le nostre analisi ci aiutano a chiarire la sua posizione”. Il team ha anche determinato che i crani di entrambe le specie si erano deformati durante la conservazione. Il muso di O. khaungraae era schiacciato in un profilo più stretto e simile a un becco mentre O. nagala scatola cranica – la parte del cranio che racchiude il cervello – è stata compressa. Le distorsioni hanno evidenziato caratteristiche simili a uccelli in un cranio e caratteristiche simili a lucertole nell’altro. “Immagina di prendere una lucertola e pizzicargli il naso in una forma triangolare. Sembrerebbe molto più simile a un uccello”, afferma il coautore dello studio Edward Stanley, direttore del Laboratorio di scoperta e disseminazione digitale del Florida Museum of Natural History.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Abbiamo concluso che entrambi gli esemplari erano abbastanza simili da appartenere allo stesso genere, Oculudentavis , ma una serie di differenze suggeriscono che rappresentano specie separate”, spiega Bolet. In ogni caso, Oculudentavis si distingue dalle altre lucertole per diverse caratteristiche, come il muso crestato affusolato, le lunghissime mandibole formate da una lunga porzione dentaria e molto corta post-dentaria, o la configurazione del palato. Queste e altre caratteristiche morfologiche lo rendono una lucertola dall’aspetto strano, ma alcune caratteristiche chiave come la modalità di impianto del dente, la forma dell’osso squamoso o il modo in cui la mascella inferiore si articola con il cranio, supportano pienamente questa identificazione. Con tutte le informazioni, i ricercatori concludono che Oculudentavis era una bizzarra lucertola, non un uccello, e che l’aspetto simile a un uccello è dovuto alla convergenza delle proporzioni del cranio, il che significa che “nonostante presenti un cranio a volta e un muso lungo e affusolato, non non presentano realmente caratteri morfologici significativi che possano essere utilizzati per sostenere una stretta relazione con gli uccelli”, afferma Susan Evans, co-autrice della ricerca e professoressa di morfologia e paleontologia dei vertebrati presso l’University College di Londra.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Mentre i depositi di ambra del Myanmar sono un tesoro di fossili che non si trovano in nessun’altra parte del mondo, il consenso tra i paleontologi è che acquisire l’ambra birmana eticamente è diventato sempre più difficile, soprattutto dopo che i militari hanno preso il controllo a febbraio. L’esemplare appena descritto è conforme alle linee guida etiche per l’uso dell’ambra del Myanmar stabilite dalla Society of Vertebrate Paleontology. È custodito presso la Fondazione Museo Peretti (Svizzera), mentre l’olotipo di O. khaungraaesi trova all’Hupoge Amber Museum (Cina). L’esemplare di Peretti è stato acquistato da aziende autorizzate che esportano legalmente pezzi di ambra dal Myanmar, seguendo un codice etico che garantisce che nessuna violazione dei diritti umani sia stata commessa durante l’estrazione e la commercializzazione e che il denaro ricavato dalle vendite non abbia sostenuto alcun conflitto armato. Il fossile ha una traccia cartacea autenticata, compresi i permessi di esportazione dal Myanmar.

Altri coautori di questo studio sono Adolf Peretti (Fondazione Museo Peretti, Svizzera), J. Salvador Arias (CONICET – Fundación Miguel Lillo, Argentina), Andrej Čerňanský (Università Comenius di Bratislava, Slovacchia), Marta Vidal-García (Università di Calgary, Canada), Aaron M. Bauer (Villanova University, Stati Uniti) e Joseph J. Bevitt (Australian Nuclear Science and Technology Organisation, Australia). I finanziamenti per la ricerca sono stati forniti dalla US National Science Foundation, dalla Sam Houston State University, dalla Royal Society, dal Ministero spagnolo della scienza, dell’innovazione e delle università, dal programma CERCA/Generalitat de Catalunya, dal Ministero dell’istruzione della Repubblica slovacca e dal Accademia slovacca delle scienze e Fondazione Museo Peretti. Immagine principale: Ricostruzione dell’aspetto di O. naga prima di essere intrappolato nella resina degli alberi (opere di Stephanie Abramowicz / Fondazione Museo Peretti)

- Prosegue dopo la pubblicità -

Articolo originale:

  • Bolet, A., Stanley, EL, Daza, J., Arias, SJ, Čerňanský, A., Vidal-García, M., Bauer, MB, Bevitt, JJ, Peretti, A., Evans, SE Morfologia insolita nel lucertola Oculudentavis del Cretaceo medio. (2021). Biologia attuale . DOI: https://doi.org/10.1016/j.cub.2021.05.040
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.