Un pensionato è riuscito in due decenni a creare un’oasi verde in mezzo al deserto

Anand Dhawaj Negi, un burocrate in pensione diventato agricoltore del deserto, ha trascorso più di due decenni della sua vita trasformando le fredde brughiere dell’Himachal Pradesh nell’India settentrionale in un’oasi verde. Nel 1977, il governo indiano ha lanciato un ambizioso programma per combattere gli effetti negativi della desertificazione nei deserti caldi e freddi del paese asiatico. AD Negi ha lavorato nel dipartimento finanziario responsabile del programma di sviluppo del deserto e ha visto milioni di dollari andare in fumo senza risultati reali.

Ogni volta che chiedevo agli scienziati e ai funzionari coinvolti nel programma perché non c’erano vere scoperte, la risposta era sempre che mancava loro la tecnologia per sviluppare qualsiasi tipo di coltura sostenibile nel duro ambiente desertico.” Negi, figlio di un contadino, stanco delle scuse, si è preso un congedo nel 1999 per provare lui stesso. Nel 2003 si era già ritirato definitivamente dal lavoro per concentrare tutte le sue energie sulla sua crescente oasi nel deserto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Proveniente dal villaggio di Sunam nel Kinnaur, Negi ha deciso di trasformare una zona arida del freddo deserto dell’Himachal Pradesh in un’oasi verde per mostrare a tutti, in particolare ai laboriosi agricoltori della zona, che era possibile farlo. Non era la cosa più facile del mondo, ma l’ex burocrate sapeva in cosa si stava cacciando e aveva l’ambizione e la pazienza di farlo. I primi tentativi di AD Negi fallirono perché i semi che piantò non avevano abbastanza acqua, quindi quella fu la sua prima sfida. Impiegava la piantumazione di contorni – dissodando il terreno su un pendio lungo un’elevazione costante – per conservare l’acqua piovana e ridurre l’erosione del suolo, e lavorava con le comunità locali per creare canali di irrigazione poco profondi che deviavano i torrenti dai ghiacciai situati a circa 25 chilometri di distanza. Dopo aver visto i loro progressi, anche il dipartimento regionale per l’irrigazione ha iniziato a collaborare.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il dipartimento di irrigazione fornisce acqua qui. Prima non rendeva disponibile l’acqua prima di giugno. Ci ho lavorato e ho completato i loro sforzi. Ho lavorato anche nei Kuhl, quindi abbiamo avuto l’approvvigionamento idrico nei mesi di aprile e maggio. Una volta reso possibile, anche il dipartimento di irrigazione ha collaborato e ha assicurato la regolare fornitura di acqua qui.”

Ma l’acqua era solo una delle sfide poste dai deserti freddi. Il terreno sabbioso non aveva i nutrienti necessari per nutrire le colture che Negi voleva piantare, così avviò un allevamento di circa 300 capre Chigu e mescolò il loro letame con i vermi per raddoppiare efficacemente il contenuto di azoto del terreno. Ciò è stato rafforzato dagli ettari di trifoglio che ha piantato intorno all’oasi, che si decompongono regolarmente man mano che nuove piante prendono il loro posto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il trifoglio ha anche risolto il problema della lepre che Negi ha dovuto affrontare all’inizio. I roditori venivano a banchettare con le piante più gustose, quindi l’agricoltore piantò trifogli della famiglia delle leguminose attorno alle colture più preziose. Poiché le lepri amano i trifogli, non si preoccupano di altre piante. Quando ha iniziato a lavorare nell’Himachal Pradesh, AD Negi ha speso tutti i suoi soldi provando diverse combinazioni di tecniche agricole locali con metodi di coltivazione più scientifici. È stato un processo laborioso, ma nel tempo il tasso di mortalità delle piante è passato da circa l’85% all’1%.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dopo aver dimostrato che piante pregiate come fagioli, patate, piselli, mele e albicocche possono essere coltivate anche nel duro ambiente desertico, l’ex burocrate ha iniziato a concentrarsi sugli alberi, ritenuti essenziali per combattere il cambiamento climatico nella regione. La mia prima priorità qui è l’imboschimento. Gli alberi di Robinia sono i più numerosi. Seguono salici e albicocche selvatiche. Per quanto riguarda gli alberi da frutto e altre colture, compresi i piselli, li coltivo solo a scopo dimostrativo in modo che le persone possano riprodurli.

Con l’aiuto di soli due volontari, Anand Dhawaj Negi è riuscito a trasformare un’area di 90 ettari di freddo deserto in un’oasi verde che ha attirato gli elogi sia della gente del posto che degli scienziati. La gente viene da lontano per assistere a questo miracolo della vita reale, alcuni vengono a comprare il fertilizzante naturale Negi per coltivare i propri raccolti, e altri portano il loro bestiame a pascolare il loro trifoglio, poiché è considerato il miglior foraggio del mondo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Purtroppo, Anand Dhawaj Negi, il guaritore del deserto, è morto all’età di 74 anni dopo aver subito un ictus. Sarà ricordato come un eroe locale e la sua oasi verde dovrebbe essere preservata per ricordare che nulla è impossibile. La famiglia di Negi ha intenzione di continuare il proprio lavoro, ma ha chiesto al governo di assumersi la responsabilità dell’oasi e di aiutarla a conservarla.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: ecoinventos.com

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.