Nel permafrost si nascondono batteri sconosciuti, resistenti agli antibiotici

Dopo la scoperta di nuovi virus, i ricercatori hanno trovato batteri resistenti agli antibiotici nel terreno ghiacciato della Siberia. Dovremmo temere che si diffondano in un momento in cui lo scioglimento del permafrost sta accelerando a causa del riscaldamento globale? Si trovano nel permafrost, questo terreno sempre ghiacciato dell’Estremo Nord, un intero popolo microscopico che dorme. Per la prima volta, questa miriade di microrganismi è stata sottoposta a uno studio pubblicato il 18 marzo sulla rivista Nature. Tutto il DNA contenuto in campioni di terra siberiana è stato sequenziato, usando una tecnica meta-genomica. Risultati: questo piccolo popolo è composto per il 90% da batteri, ma anche archei, eucarioti (microalghe, funghi o protozoi) e, per meno del 2%, virus.

Finora, nessuna sorpresa: questo corrisponde più o meno alla composizione della vita sotterranea. Questo è un altro “dettaglio” che ha incuriosito i ricercatori: la maggior parte di questi batteri sono dotati di un gene per la resistenza agli antibiotici, in particolare derivato dalla penicillina. Una caratteristica preoccupante, visto che questi antibiotici sono molto utilizzati, e che questo fenomeno di resistenza batterica minaccia sempre più la salute pubblica.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I batteri combattono chimicamente inviando veleni l’uno all’altro e si proteggono da loro sintetizzando i beta-lattami, il nucleo della penicillina. Per non autodistruggersi, allo stesso tempo producono un antidoto, le beta-lattamie, che degradano la penicillina. Tuttavia, questa lotta sembra particolarmente attiva in terreni stressati e congelati come il permafrost“, spiega Jean-Michel Claverie, professore emerito di medicina all’Università di Aix-Marseille ed ex direttore dell’Istituto di Microbiologia del Mediterraneo (CNRS).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il caso finirebbe qui se questi batteri resistenti non riemergessero grazie alla fusione del permafrost. Questo terreno è congelato in profondità, copre un quarto della massa terrestre dell’emisfero settentrionale, in Alaska, Canada, Groenlandia o Siberia, dove raggiunge fino a 1 km di profondità. Tuttavia, sta sopportando il peso maggiore del riscaldamento globale, che è più intenso nelle regioni polari. Nel 2019, un rapporto delle Nazioni Unite ha chiesto una riduzione del 45% del permafrost entro il 2100, se gli impegni dell’accordo di Parigi fossero rispettati.

Si stima che il permafrost contenga circa 1.700 miliardi di tonnellate di carbonio di origine vegetale, il doppio della quantità di carbonio contenuta nell’atmosfera.
Già, la sua fusione è chiaramente visibile: le infrastrutture che sostiene minacciano di crollare, le specie che protegge cambiano e i crateri giganti improvvisamente fuoriescono.. Inoltre, questo disgelo è un modello di ciclo di feedback positivo: più alta è la temperatura, più il permafrost si scongela, più rilascia gas serra, che accelerano il riscaldamento, e quindi la sua fusione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questa bomba climatica sarebbe anche una bomba sanitaria? Sciogliendo, il permafrost rilascia i microrganismi che sono stati congelati in esso. Questo è già ciò che accade in superficie, quando i batteri intrappolati nel terreno ghiacciato si svegliano e si attivano in estate. Il team di Jean-Michel Claverie ha dimostrato nel suo studio che c’è pochissimo DNA di piante e animali lasciati nella terra analizzata, questi detriti sono stati in gran parte digeriti dai batteri. Ma i microrganismi sopravvivono anche nelle profondità del permafrost, per periodi di tempo sorprendentemente lunghi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel 2014 e nel 2015, Jean-Michel Claverie e il suo collega Chantal Abergel hanno scoperto due virus giganti nel suolo siberiano, risalenti a più di 30.000 anni fa: Pithovirus sibericum e Mollivirus sibericum. E sono riusciti a riattivarli in laboratorio. Questi virus di oltre 0,5 micron (millesimi di millimetro), visibili con un semplice microscopio ottico, infettano le amebe e sono a priori innocui per le specie animali, compresi gli esseri umani. Ma il permafrost contiene molti altri microbi diversi e vari. “L’idea che altre famiglie di virus possano sopravvivere diversi millenni nel permafrost è ormai ben consolidata“, affermaJean-Michel Claverie.

L’avorio dei mammut è oggetto di un fiorente commercio in Siberia, attirando cercatori intorno alle ossa potenzialmente contaminate. Da queste scoperte, sono stati rilevati nuovi virus lì e altri lo saranno sicuramente. In Russia, il laboratorio Vektor, uno dei soli due a ospitare il virus del vaiolo, ha recentemente annunciato che stava avviando una ricerca sistematica di questi virus. Per fare questo, i ricercatori russi raccolgono campioni intorno alle carcasse che riaffiorino qua e là: cervi, cavalli, rinoceronti lanosi, leoni e soprattutto mammut, molto abbondanti prima della fine dell’ultima era glaciale (circa –10.000 a.C.).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma i virus ancora sconosciuti non sono necessariamente i più temuti. L’antrace ora riemerge regolarmente dalle viscere congelate della Russia. Nel 2016 è morto un ragazzo di 12 anni. Le spore di questo batterio erano emerse da un cadavere di renne morto settant’anni prima. Altri esseri umani, e migliaia di renne, sono stati infettati di nuovo da questa malattia, che si ritiene sia scomparsa negli ultimi decenni. Ancora più preoccupante, il vaiolo viene tenuto anche nel congelatore del permafrost. “Sappiamo che gli antichi insediamenti sono morti di questa malattia nella regione: se il vaiolo viene debellato dalla faccia della Terra, è ancora presente in cadaveri che hanno qualche secolo o millenni ed emergono dal permafrost, a volte in un ottimo stato di conservazione“, spiega il virologo Jean-Michel Claverie.

Stiamo ricircolando quantità di batteri o virus di cui non sappiamo nulla
Jean-Michel Claverie, professore emerito di medicina all’Università di Aix-Marseille
Finché questi virus e batteri non attraversano nessuno sul loro cammino, il rischio è zero. Ma la Siberia sta diventando sempre più frequentata, a causa del riscaldamento globale e dell’apertura delle corsie marittime settentrionali nell’Artico. Queste regioni, finora deserte, si stanno aprendo allo sfruttamento delle loro preziose risorse (diamanti, oro, gas, petrolio, ecc.). “Per estrarre queste risorse, scavano in profondità nel permafrost, fino a strati che risalgono a 1-2 milioni di anni fa! Rimetteno in circolazione quantità di batteri o virus di cui non sappiamo nulla, che entrano in contatto con persone che lavorano l’una accanto all’altra, senza alcuna protezione“, avverte Jean-Michel Claverie.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: usbeketrica.com

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.