Strane creature trasparenti trovate anche in acque italiane, ecco di cosa si tratta

wikimedia.org

Stanno facendo molto parlare di se le immagini di creature dall’insolito aspetto che sarebbe stato individuato anche nelle acque a largo della penisola italiana:

wikimedia.org

L’animale in questione è noto negli ambienti scientifici ed è chiamato ufficialmente Salpa fusiformis. Un salp (plurale salps) o salpa (plurale salpae o salpas) è un tunicato planctico a forma di botte. Si muove contraendosi, pompando così acqua attraverso il suo corpo gelatinoso, uno degli esempi più efficienti di propulsione a getto nel regno animale. La salpe filtra l’acqua pompata attraverso i suoi filtri di alimentazione interni, nutrendosi di fitoplancton. Pressoché innocui per gli esseri umani, le salpe sono comuni nei mari equatoriali, temperati e freddi, dove possono essere viste in superficie, singolarmente o in lunghe colonie filamentose:

- Prosegue dopo la pubblicità -
wikimedia.org

Le concentrazioni più abbondanti di salpe si trovano nell’Oceano Antartico (vicino all’Antartide ), dove talvolta formano sciami enormi, spesso in acque profonde, e talvolta sono anche più abbondanti del krill, ovvero quei minuscoli crostacei di cui molte specie di balene e pesci si nutrono abitualmente. Dal 1910, mentre le popolazioni di krill nell’Oceano Antartico sono diminuite, le popolazioni di salp sembrano aumentare. Le salpe sono state viste in numero crescente lungo la costa di Washington. Le salpe hanno un ciclo vitale complesso, con un alternarsi obbligato di generazioni . Entrambe le parti del ciclo di vita esistono insieme nei mari:

- Prosegue dopo la pubblicità -
wikimedia.org

Hanno un aspetto piuttosto diverso, ma entrambi sono per lo più animali trasparenti, tubolari e gelatinosi che sono in genere alti tra 1 e 10 cm (0,4 e 3,9 pollici). La fase della storia della vita solitaria , nota anche come oozooide , è un singolo animale a forma di botte che si riproduce asessualmente producendo una catena di decine o centinaia di individui, che vengono rilasciati dal genitore di piccole dimensioni. La catena delle salpe è la parte “aggregata” del ciclo vitale. Gli individui aggregati sono anche conosciuti come blastozoidi ; rimangono attaccati insieme mentre nuotano e si nutrono, e ogni individuo cresce di dimensioni. Ogni blastozooide della catena si riproduce sessualmente (i blastozoidi sono ermafroditi sequenziali, maturando prima come femmine, e sono fecondati da gameti maschili prodotti da catene più vecchie), con un oozooide embrionale in crescita attaccato alla parete corporea del genitore. Gli oozooidi in crescita vengono infine rilasciati dai blastozoidi genitori, e quindi continuano a nutrirsi e crescere come fase asessuale solitaria, chiudendo il ciclo vitale delle salpe. L’alternanza delle generazioni consente un tempo di generazione veloce, con individui solitari e catene di aggregati che vivono e si nutrono insieme nel mare. Quando il fitoplancton è abbondante, questa rapida riproduzione porta a fioriture di salpe di vita piuttosto breve, che alla fine filtrano la maggior parte del fitoplancton. La fioritura termina quando non è più disponibile cibo a sufficienza per sostenere l’enorme popolazione di salpe. Occasionalmente, coralli fungo e quelli dei generi Heteropsammiasono noti per nutrirsi di salpe durante le fioriture.

L’incursione di un gran numero di salpe ( Salpa fusiformis ) nel Mare del Nord nel 1920 ha portato a un fallimento della pesca delle aringhe scozzese. Una delle ragioni del successo delle salpe è il modo in cui rispondono alle fioriture di fitoplancton . Quando il cibo è abbondante, le salpe possono germogliare rapidamente cloni , che pascolano sul fitoplancton e possono crescere a una velocità probabilmente più veloce di quella di qualsiasi altro animale multicellulare , strappando rapidamente il fitoplancton dal mare. Ma se il fitoplancton è troppo denso, le salpe possono intasarsi e affondare sul fondo. Durante queste fioriture, le spiagge possono diventare viscide con stuoie di corpi di salpe, e altre specie planctoniche possono sperimentare fluttuazioni nel loro numero a causa della competizione con le salpe. Palline fecali e corpi di salpe che affondano trasportano carbonio sul fondo marino e le salpe sono abbastanza abbondanti da avere un effetto sulla pompa biologica dell’oceano . Di conseguenza, grandi cambiamenti nella loro abbondanza o distribuzione possono alterare il ciclo del carbonio dell’oceano e potenzialmente svolgere un ruolo nel cambiamento climatico. Le salpe sono strettamente legate ai gruppi tunicati pelagici Doliolida e Pyrosoma, così come ad altri tunicati (bentonici) che vivono sul fondo. Sebbene le salpe appaiano simili alle meduse a causa della loro semplice forma corporea e del comportamento planctonico, sono cordati : animali con cordoni nervosi dorsali , imparentati con i vertebrati (animali con la spina dorsale). Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.