La mappatura dei bordi delle missioni sale di oltre il 20% del fondo oceanico globale

La ricerca per compilare la mappa definitiva del fondo oceanico della Terra si è avvicinata un po’ al completamento. Le moderne misurazioni della profondità e della forma del fondale marino ora comprendono il 20,6% della superficie totale sott’acqua: È solo un piccolo aumento rispetto allo scorso anno (19%); ma come tutti gli altri, il progetto Nippon Foundation-GEBCO Seabed 2030 ha avuto a che fare con una pandemia. L’1,6% in più è una distesa di fondale oceanico che equivaleva a circa la metà delle dimensioni degli Stati Uniti. L’aggiornamento sui progressi di Seabed 2030 viene rilasciato in occasione della Giornata mondiale dell’idrografia. Il risultato fino ad oggi lascia ancora, ovviamente, quattro quinti degli oceani della Terra senza un contemporaneo sondaggio di profondità. Ma l’iniziativa GEBCO è fiduciosa che il deficit di dati possa essere colmato in questo decennio con uno sforzo globale concertato:

“Non importa se gestisci una flotta di navi ad alta tecnologia o sei solo un semplice proprietario di una barca: ogni dato è importante in questo gigantesco puzzle che stiamo creando”, ha affermato il direttore del progetto, Jamie McMichael-Phillips . “Se stai andando in mare per qualsiasi motivo, accendi l’ecoscandaglio. Anche se sei solo un velista, un marinaio ricreativo, allora le apparecchiature di registrazione dei dati a bassa tecnologia sono solo poche centinaia di dollari, con il prezzo che scende sempre. Montalo, collega il tuo GPS, collega il tuo ecoscandaglio e aiutaci a raggiungere il 100% di copertura entro il 2030 “, ha detto a BBC News. Quando Seabed 2030 è stato lanciato nel 2017, solo il 6% degli oceani era stato mappato secondo gli standard moderni. Quindi, è possibile ottenere guadagni rapidi e significativi. Ad esempio, si otterrebbe un grande salto di copertura se tutti i governi, le aziende e gli istituti di ricerca rilasciassero i propri dati soggetti a embargo. Non esiste una stima della quantità di batimetria (dati di profondità) nascosta sui server Web privati, ma il volume potrebbe essere davvero considerevole. Le organizzazioni che detengono tali informazioni sono esortate a pensare al bene globale ea consegnare, come minimo, versioni non risolte delle loro mappe proprietarie:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Seabed 2030 non sta cercando una risoluzione di 5 m dell’intero pavimento (vicino a qualcosa che abbiamo già della superficie lunare). Sarà sufficiente un sondaggio di profondità in un quadrato di griglia di 100 m fino a 1.500 m; ancor meno in acque molto più profonde. La nuova nave polare del Regno Unito, la RRS Sir David Attenborough , è attrezzata per mappare milioni di chilometri quadrati di fondale oceanico nel corso della sua carriera. L’immagine sopra mostra lo scafo della nave in bacino di carenaggio. Il rettangolo giallo al centro è una copertura in materiale sintetico che copre la serie di trasduttori di trasmissione lunga 8 m per il sistema di ecoscandaglio multibeam in acque profonde. L’array di ricezione è ad angolo retto rispetto a questo, appena dietro le persone nella foto, ma è difficile da vedere perché è coperto da un materiale che ha molto meno contrasto con il resto dello scafo. Sono visibili anche i trasduttori per diversi altri sistemi. Il quadrato giallo accanto alle teste degli individui è il trasduttore di trasmissione per il sistema di profilatura acustica del sub-fondo, che fornisce un profilo che mostra gli strati nei pochi metri superiori di sedimento.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Linea grigia di presentazione
Gli ultimi 12 mesi sono stati ostacolati dalle limitazioni che il Covid ha imposto alle crociere di ricerca. Questo è un peccato perché sono le spedizioni scientifiche che spesso visiteranno quelle parti degli oceani dove poche altre navi si avventurano, ad esempio nell’Oceano Antartico. Detto questo, ci sono stati alcuni importanti contributi negli ultimi tempi dal settore della ricerca.

Uno dei più significativi è arrivato dalla DSSV Pressure Drop, una nave finanziata dal miliardario e avventuriero texano Victor Vescovo. Le sue spedizioni nelle parti più profonde degli oceani della Terra hanno mappato un’area equivalente alla dimensione della Francia in soli 10 mesi (un’area delle dimensioni della Finlandia all’interno di questo non era mai stata vista prima). Sono necessarie mappe migliori dei fondali marini per una serie di motivi. Sono indispensabili per la navigazione, ovviamente, e per la posa di cavi e condotte sottomarine. Sono anche importanti per la gestione e la conservazione della pesca, perché è intorno alle montagne sottomarine che la fauna selvatica tende a radunarsi. Ogni montagna sottomarina è un hotspot di biodiversità. Inoltre, l’aspro fondale marino influenza il comportamento delle correnti oceaniche e il mescolamento verticale dell’acqua. Queste sono le informazioni necessarie per migliorare i modelli che prevedono il futuro cambiamento climatico, perché sono gli oceani che svolgono un ruolo fondamentale nello spostamento del calore intorno al pianeta. Se Seabed 2030 vuole raggiungere l’obiettivo di fine decennio, dovrà sfruttare l’emergere di navi e barche robotiche.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le navi di superficie senza equipaggio (USV) stanno diventando sempre più popolari. Fugro, una delle principali società di indagini geofisiche marine del mondo, sta costruendo una flotta di USV basata sul roboboat SeaKit vincitore dell’Ocean X-Prize . Fugro ha due di queste barche che ispezionano e ispezionano petrolio e gas, parchi eolici e installazioni elettriche – nelle acque europee e al largo dell’Australia occidentale. Insieme, sono conosciuti come la flotta dell’Essenza Blu . Queste barche schiereranno e recupereranno persino sottomarini robotici. “Queste soluzioni di tipo drone o senza equipaggio semplificheranno la raccolta di più dati. Possono fare molto più lavoro nello stesso lasso di tempo”, ha affermato Ivar de Josselin de Jong, direttore delle soluzioni di Fugro per l’ispezione remota. “La tecnologia si sta muovendo molto velocemente. È incredibile quello che facciamo ora rispetto a quello che abbiamo fatto 10 anni fa. “Possiamo gestire un USV in Australia dal nostro centro operativo remoto ad Aberdeen. Al momento abbiamo 26 navi con equipaggio e vogliamo sostituirle gradualmente, almeno in parte. Laddove non abbiamo bisogno di “mani” in un ambiente offshore, passeremo a soluzioni senza equipaggio, per ridurre la salute e la sicurezza esposizione e per ridurre l’impronta di carbonio”, ha detto a BBC News.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In occasione della Giornata mondiale dell’idrografia, il progetto Nippon Foundation-GEBCO Seabed 2030 ha stipulato un accordo di cooperazione tecnica con l’ Ufficio idrografico del Regno Unito e Teledyne CARIS , uno dei principali sviluppatori di software di mappatura marina. Costruire la mappa definitiva del fondo oceanico della Terra significa raccogliere colossali volumi di dati. Il nuovo tie-up vedrà un nuovo strumento di intelligenza artificiale utilizzato per pulire i dati batimetrici del “rumore”, rendendo più facile estrarre sondaggi di profondità affidabili.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.