Sub trovano centinaia di birre dell’800 in fondo al mare perfettamente conservate con lievito vivo

bbci.co.uk

Mentre il subacqueo si infilò dolcemente attraverso un portello nella stiva affondata, poté vedere il tesoro del naufragio che lo aspettava. Era lì da più di 100 anni. Ma ora parte di essa stava per essere liberata dal suo luogo di riposo:

BBC

L’esploratore in questione, Steve Hickman, tecnico subacqueo e subacqueo dilettante, aveva con se una piccola borsa a rete. Il tesoro che cercava era la birra. Nella stiva di questa nave erano conservate file e file di bottiglie di birra in vetro, in parte sepolte nel limo. Non appena ha spostato la prima bottiglia da dove giaceva, i sedimenti si sono gonfiati in enormi nuvole. Con la visibilità ridotta a zero, Hickman è stato effettivamente accecato. Ma conosceva bene questo relitto e lo aveva visitato molte volte prima. Continuò, cercando altre bottiglie nell’oscurità. Dopo averne raccolte e impacchettate alcune, è fuggito e la sua squadra ha portato con cura le bottiglie in superficie:

- Prosegue dopo la pubblicità -
BBC

Il relitto era la Wallachia, una nave mercantile che affondò nel 1895 al largo della costa scozzese in seguito a una collisione con un’altra nave nella nebbia fitta. La Wallachia era appena partita da Glasgow ed era carica di vari tipi di carico, inclusi grandi contenitori di una sostanza chimica chiamata cloruro di stagno. Ma la nave aveva a bordo anche migliaia di bottiglie di bevande alcoliche. Molti di loro sono stati conservati nell’acqua fredda dove la nave giaceva sul fondale limoso per più di un secolo. Da quando ha iniziato a immergersi in Valacchia negli anni ’80, Hickman ha recuperato dozzine di bottiglie contenenti whisky, gin e birra.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma la sua recente visita, un lavoro di squadra con diversi compagni di immersione, ha portato a qualcosa di insolito. Le bottiglie che hanno recuperato sono state consegnate agli scienziati di una società di ricerca chiamata Brewlab, che, insieme ai colleghi dell’Università di Sunderland, è stata in grado di estrarre lievito vivo dal liquido all’interno di tre delle bottiglie. Hanno quindi usato quel lievito nel tentativo di ricreare la birra originale. Nel 2018, un progetto simile in Tasmania ha utilizzato il lievito di bottiglie di birra di 220 anni trovate su un naufragio per approssimare una bevanda del 1700 . Ma lo studio del lievito Valacchia ha rivelato una sorpresa. Quelle birre contenevano un tipo insolito di lievito e il team dietro il lavoro sta ora valutando se questo ceppo perduto da tempo potrebbe avere applicazioni nella produzione moderna o potrebbe persino migliorare le birre di oggi.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.