Nuovi risultati sul cancro possono dare un più ampio accesso all’immunoterapia

I ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia pubblicano nuove scoperte sulla rivista Cancer Discovery che mostrano come l’attivazione farmacologica della proteina p53 aumenti la risposta immunitaria contro i tumori. I risultati possono essere significativi per lo sviluppo di nuove terapie combinate che consentiranno a un maggior numero di malati di cancro di accedere all’immunoterapia. Data la sua capacità di reagire ai danni al DNA cellulare e il ruolo chiave che si ritiene svolga nel prevenire la crescita del tumore, la proteina p53 è stata soprannominata la “guardiana del genoma”. La metà di tutti i tumori ha mutazioni nel gene che codifica per la proteina e, in molti altri tumori, la p53 è disabilitata da un’altra proteina, l’MDM2.

È noto da tempo che p53 è in grado di silenziare alcune sequenze nel nostro genoma chiamate retrovirus endogeni (cioè elementi del DNA ereditati evolutivamente dai virus), prevenendo così l’instabilità del genoma. I ricercatori ora mostrano che la proteina può anche attivare queste sequenze nelle cellule tumorali, portando a una risposta immunitaria antitumorale. Questa è stata una scoperta sorprendente. Quando abbiamo bloccato il soppressore MDM2, p53 ha attivato retrovirus endogeni che hanno indotto una risposta antivirale e hanno potenziato la produzione di interferoni immuno-attivanti“, afferma la ricercatrice principale Galina Selivanova, professoressa presso il Dipartimento di microbiologia, tumore e biologia cellulare , Karolinska Institutet.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I risultati sono stati ottenuti quando i ricercatori hanno bloccato l’MDM2 in modelli murini utilizzando una sostanza codificata come ALRN-6924 dalla società statunitense Aileron Therapeutics. L’aumento della risposta all’interferone è stato osservato anche in campioni di tumore di due pazienti che hanno preso parte agli studi clinici dell’azienda su ALRN-6924. “Questo dimostra che ci sono sinergie che dovrebbero essere sfruttate tra le sostanze che bloccano l’MDM2 e le moderne immunoterapie“, continua la professoressa Selivanova. “Una combinazione di questi può essere particolarmente importante per i pazienti che non rispondono all’immunoterapia“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’immunoterapia, o immuno-oncologia, è descritta come una rivoluzione nel moderno trattamento del cancro nel modo in cui attiva il sistema immunitario del corpo per combattere le cellule tumorali. Tuttavia, non funziona con tutti i pazienti e la presenza di interferoni potrebbe essere un biomarcatore per stabilire se l’immunoterapia si dimostrerà efficace o meno. “Se possiamo aumentare il livello di interferoni, possiamo quindi aumentare le possibilità che l’immunoterapia abbia successo“.

La professoressa Selivanova è un pioniere nella ricerca su come la p53 mutata può essere riattivata utilizzando molecole speciali, una delle quali, APR-246, è in fase di studi clinici con il nome Eprenetapopt presso Aprea Therapeutics, una società da lei co-fondata. “Ora vogliamo esaminare se Eprenetapopt produce la stessa spinta di interferone e può avere lo stesso potenziale per aumentare l’accesso all’immunoterapia per i pazienti con forme gravi di cancro“, afferma.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Lo studio è stato condotto presso il Karolinska Institutet e finanziato dalla Swedish Cancer Society, dallo Swedish Research Council e dal Karolinska Institutet. I coautori Vincent Guerlavais, Luis A. Carvajal, Manuel Aivado e D. Allen Annis sono tutti dipendenti di Aileron Therapeutics. Pubblicazione: “L’attivazione farmacologica di p53 innesca la risposta di mimetismo virale abolendo così l’evasione immunitaria del tumore e promuovendo l’immunità antitumorale”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: eurekalert.org

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.