Indizi sul crollo di una civiltà Maya trovati in antiche feci umane

La cacca umana può rivelare più di quanto tu possa pensare, anche quando è molto, molto vecchia. In un nuovo studio su una civiltà Maya centroamericana, campioni di feci antiche hanno mostrato come le dimensioni di questa comunità variassero in modo significativo in risposta ai cambiamenti climatici contemporanei. I ricercatori hanno identificato quattro distinti periodi di spostamento delle dimensioni della popolazione come reazione a periodi particolarmente secchi o particolarmente umidi, che non sono stati tutti documentati prima:

1350-950 aC, 400-210 aC, 90-280 dC e 730-900 dC. Inoltre, le pile di cacca appiattite mostrano che la città di Itzan, che ai giorni nostri sarebbe in Guatemala, era abitata circa 650 anni prima di quanto precedentemente suggerito dalle prove archeologiche. Sono molte informazioni da ottenere dallo sterco umano.

- Prosegue dopo la pubblicità -

maya me 2(Keenan et al., Quaternary Science Review, 2021)

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Questa ricerca dovrebbe aiutare gli archeologi fornendo un nuovo strumento per esaminare i cambiamenti che potrebbero non essere visti nelle prove archeologiche, perché le prove potrebbero non essere mai esistite o potrebbero essere state perse o distrutte”afferma il biogeochimico Benjamin Keenan , della McGill University. in Canada. “Le pianure Maya non sono molto adatte per preservare edifici e altri documenti sulla vita umana a causa dell’ambiente della foresta tropicale”. Questo studio utilizza un metodo di analisi relativamente nuovo basato sugli stanoli fecali: molecole organiche nella cacca umana (e animale) che vengono conservate negli strati di sedimenti sotto laghi e fiumi, a volte per migliaia di anni. Le concentrazioni di questi stanoli nel tempo, segnate dagli strati di sedimenti, possono fornire ai ricercatori indizi sul cambiamento della popolazione che possono essere supportati da altri documenti storici. Finora, gli stanoli hanno dimostrato di essere indicatori accurati  di quante persone vivevano in un determinato luogo in un determinato momento.

Qui gli stanoli sono stati estratti da un lago vicino al sito di Itzan e misurati rispetto a ciò che gli esperti già sapevano dell’area negli ultimi millenni, sulla base di scoperte provenienti da scavi archeologici tradizionali. Questi risultati sono stati poi confrontati con i dati climatici storici, comprese le prove per le precipitazioni (o la loro mancanza) e i livelli di polline (che indicano la copertura vegetale) lasciati nella documentazione geologica. I ricercatori hanno trovato alcune correlazioni ma anche alcuni nuovi cambiamenti di popolazione negli antichi strati di resti di cacca. “È importante per la società in generale sapere che ci sono state civiltà prima di noi che sono state colpite e adattate ai cambiamenti climatici”, afferma il biogeochimico Peter Douglas , della McGill University. “Collegando le prove del cambiamento climatico e demografico, possiamo iniziare a vedere un chiaro legame tra le precipitazioni e la capacità di queste antiche città di sostenere la loro popolazione”. Il team è stato anche in grado di utilizzare il record fecale per identificare un picco di popolazione intorno al periodo dell’attacco del 1697 d.C. da parte della Spagna sull’ultima roccaforte Maya in un’area vicina – presumibilmente un movimento di rifugiati di guerra, e uno che gli storici non hanno documentato fino a questo punto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ci sono anche momenti in cui i tempi di alta popolazione nota a Itzan non corrispondono al volume di stanoli fecali recuperati. I ricercatori pensano che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che la cacca umana è stata utilizzata da questa comunità Maya come fertilizzante per le colture, un modo per contrastare il degrado del suolo e la perdita di nutrienti nei loro terreni agricoli. E tutto questo può essere valutato dai resti di feci lasciati migliaia di anni fa, dimostrando che questo metodo di analisi può essere una parte utile del kit di strumenti degli scienziati quando si tratta di monitorare il cambiamento della popolazione fino ai tempi antichi. “Gli stanoli fecali hanno un forte potenziale per fungere da proxy per i cambiamenti nelle popolazioni umane e animali nei paesaggi mesoamericani, fornendo anche approfondimenti sul cambiamento dell’uso del suolo”, concludono i ricercatori nel loro articolo pubblicato. La ricerca è stata pubblicata su Quaternary Science Reviews .

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.