I vulcani di Venere sono ancora attivi, le esplosioni forse causa della fosfina inizialmente attribuita ad attività organiche

esa.int

Un misterioso soffio di una sostanza chimica instabile nei cieli di Venere potrebbe non essere un segno di vita ma il risultato di eruzioni vulcaniche esplosive, secondo un nuovo studio:

mirror.co.uk

L’anno scorso, gli scienziati hanno riferito di aver rilevato segni della molecola fosfina nelle nuvole della seconda roccia dal sole. La sostanza chimica, costituita da un atomo di fosforo e tre atomi di idrogeno, dovrebbe degradarsi rapidamente in atmosfere ricche di ossigeno, come quelle della Terra e di Venere. Sulla Terra, la fosfina viene prodotta nelle fabbriche e si trova vicino a certi tipi di microbi. Pertanto, i ricercatori hanno suggerito che la fosfina su Venere potrebbe essere un accenno di vita su quel mondo infernale in un’ipotesi molto dibattuta. Un campo di opposizione ha messo in dubbio che la fosfina sia stata vista o meno, mentre un altro discute se la vita sia l’unica possibile origine della fosfina su Venere. Ora, un paio di scienziati planetari suggeriscono che le eruzioni vulcaniche esplosive potrebbero anche vomitare fosfina nell’atmosfera venusiana:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Potremmo assistere a un vulcanismo attivo su Venere”, ha detto a Space.com l’autore principale dello studio Ngoc Truong, scienziato planetario della Cornell University di Ithaca, New York. Per verificare l’esistenza di un’effettiva una spiegazione non biologica per la fosfina nei cieli di Venere, i ricercatori hanno analizzato i dati di laboratorio sulla chimica del fosforo e i calcoli dell’attività vulcanica e atmosferica. I ricercatori hanno così scoperto che il vulcanismo su Venere potrebbe potenzialmente portare in superficie piccole quantità di composti carichi di fosforo noti come fosfuri dalle profondità dello strato del mantello del pianeta. Le eruzioni vulcaniche esplosive potrebbero quindi emettere questi fosfuri – sotto forma di polvere vulcanica – nell’atmosfera, dove la sostanza chimica potrebbe reagire con l’acido solforico per formare fosfina:

- Prosegue dopo la pubblicità -
NASA

 

Affinché i fosfuri raggiungano le altitudini necessarie per il rilevamento della fosfina precedentemente riportato, i ricercatori hanno suggerito che fosse necessaria un’esplosione venusiana su una scala paragonabile all’eruzione del Krakatau sulla Terra nel 1883. Quella catastrofe fu uno degli eventi vulcanici più mortali e distruttivi nella storia registrata sulla Terra, distruggendo oltre il 70% dell’isola indonesiana di Krakatoa e il suo arcipelago circostante. “Se Venere è vulcanicamente attiva o meno è stato oggetto di dibattito”, ha detto Truong. “Se la fosfina esiste davvero, il nostro lavoro suggerisce che il vulcanismo attivo potrebbe essere un modo plausibile per produrre fosfina su Venere”. Gli scienziati hanno notato che ricerche precedenti, come picchi nei livelli di anidride solforosa nelle cime delle nuvole di Venere e fluttuazioni nella quantità di foschia osservata sopra queste nuvole, hanno suggerito che Venere potrebbe effettivamente possedere abbastanza vulcanismo in corso da generare fosfina rilevabile.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Venere sembra un pianeta vulcanico – ha una superficie molto giovane, e ci sono prove che ha sperimentato un sostanziale riemergere di recente nella sua storia”, ha detto a Space.com l’autore senior dello studio Jonathan Lunine, uno scienziato planetario della Cornell University. La ricerca futura si baserà sull’array radio Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA) in Cile e su altri osservatori per confermare se Venere possiede effettivamente fosfina, ha detto Truong. Inoltre, “ci sono ora tre missioni planetarie molto eccitanti su Venere”, ha osservato Lunine : DAVINCI+ e VERITAS della NASA e EnVision dell’Agenzia spaziale europea. “Vorrei cercare modi per rilevare il vulcanismo attivo e la fosfina in una di queste missioni”. Truong e Lunine hanno dettagliato le loro scoperte online il 12 luglio sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences.

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.