Chi sono i Sentinelesi? La tribù più isolata del mondo, che uccide chi decide di avvicinarsi alla propria terra

I Sentinelesi sono una tribù incontattata che vive sull’isola di North Sentinal, una delle isole Andamane nell’Oceano Indiano. Rifiutano vigorosamente ogni contatto con gli estranei. Survival International fa lobby, protesta e fa pressione sull’opinione pubblica per assicurarsi che il loro desiderio di rimanere incontattati sia rispettato. In caso contrario, l’intera tribù potrebbe essere spazzata via da malattie alle quali non sono immuni.

I Sentinelesi sono la tribù più isolata del mondo e hanno catturato l’immaginazione di milioni di persone. Vivono sulla loro piccola isola boscosa chiamata North Sentinel, che è grande circa quanto Manhattan. Continuano a resistere a ogni contatto con gli estranei, attaccando chiunque si avvicini. Sulla scia dello tsunami del 2004 questo membro della tribù sentinelese è stato fotografato mentre lanciava frecce contro un elicottero.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel novembre 2018, John Allen Chau, un uomo americano, è stato ucciso dai membri della tribù Sentinelese . Nel 2006, due pescatori indiani, che avevano ormeggiato la loro barca vicino a North Sentinel per dormire dopo aver pescato di frodo nelle acque intorno all’isola, sono stati uccisi quando la loro barca si è staccata ed è andata alla deriva sulla riva . È noto che i bracconieri pescano illegalmente nelle acque intorno all’isola, catturano tartarughe e si tuffano alla ricerca di aragoste e cetrioli di mare.

La tribù ha chiarito che non vogliono contatti. È una scelta saggia. Le tribù vicine sono state spazzate via dopo che gli inglesi hanno colonizzato le loro isole e mancano di immunità a malattie comuni come l’influenza o il morbillo, che decimerebbero la loro popolazione. Survival International è l’unica organizzazione che combatte in tutto il mondo per fermare lo sterminio di tribù incontattate come i Sentinelesi

- Prosegue dopo la pubblicità -

La maggior parte di ciò che si sa sui Sentinelesi è stato raccolto osservandoli da barche ormeggiate a più di una distanza dalla riva e in alcuni brevi periodi in cui i Sentinelesi hanno permesso alle autorità di avvicinarsi abbastanza da consegnare alcune noci di cocco.  I Sentinelesi cacciano e si raccolgono nella foresta e pescano nelle acque costiere. A differenza della vicina tribù Jarawa, costruiscono barche: si tratta di canoe a bilanciere molto strette, descritte come “troppo strette per entrarci due piedi”. Questi possono essere utilizzati solo in acque poco profonde poiché sono guidati e spinti con un palo come un barchino.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Si pensa che i Sentinelesi vivano in tre piccole band. Hanno due diversi tipi di case; grandi capanne comuni con più focolari per più famiglie, e ricoveri più temporanei, senza sponde, talvolta visibili sulla spiaggia, con spazio per un nucleo familiare. Le donne indossano stringhe di fibra legate intorno alla vita, al collo e alla testa. Gli uomini indossano anche collane e cerchietti, ma con una cintura in vita più spessa. Gli uomini portano lance, archi e frecce. I Sentinelesi godono di ottima salute, a differenza di quelle tribù andamane le cui terre sono state distrutte.

Sebbene comunemente descritto dai media come “età della pietra”, questo non è chiaramente vero. Non c’è motivo di credere che i Sentinelesi abbiano vissuto allo stesso modo per le decine di migliaia di anni in cui è probabile che siano stati nelle Andamane. I loro modi di vita saranno cambiati e adattati molte volte, come tutti i popoli. Ad esempio, ora usano il metallo che è stato lavato o che hanno recuperato dai naufragi sulle scogliere dell’isola. Il ferro viene affilato e usato per puntare le loro frecce.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Da quello che si può vedere da lontano, gli isolani sentinelesi sono chiaramente estremamente sani e prosperi, in netto contrasto con le tribù dei Grandi Andamanesi a cui gli inglesi tentarono di portare la “civiltà”. Le persone che si vedono sulle rive di North Sentinel sembrano orgogliose, forti e in salute e in qualsiasi momento gli osservatori hanno notato molti bambini e donne incinte. Hanno attirato l’attenzione internazionale sulla scia dello tsunami asiatico del 2004, quando un membro della tribù è stato fotografato su una spiaggia mentre lanciava frecce contro un elicottero che stava controllando il loro benessere.

Alla fine del 1800 la MV Portman, l’ufficiale britannico in carica degli Andamanesi, sbarcò, con una grande squadra, sull’isola di North Sentinel nella speranza di contattare i Sentinelesi. Il gruppo includeva inseguitori, provenienti da tribù andamanesi che avevano già preso contatto con gli inglesi, ufficiali e detenuti. Trovarono villaggi e sentieri abbandonati di recente, ma i Sentinelesi non si vedevano da nessuna parte. Dopo pochi giorni si sono imbattuti in una coppia di anziani e in alcuni bambini che, ‘nell’interesse della scienza‘ sono stati portati a Port Blair, la capitale dell’isola. Com’era prevedibile presto si ammalarono e gli adulti morirono. I bambini sono stati riportati alla loro isola con una serie di regali.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Non si sa quanti Sentinelesi si siano ammalati a causa di questa ‘scienza’ ma è probabile che i bambini avrebbero trasmesso le loro malattie e i risultati sarebbero stati devastanti. È una semplice congettura, ma questa esperienza potrebbe spiegare la continua ostilità e il rifiuto degli estranei da parte dei Sentinelesi? Durante gli anni ’70 le autorità indiane fecero viaggi occasionali a North Sentinel nel tentativo di fare amicizia con la tribù. Questi erano spesso per volere di dignitari che volevano un’avventura. In uno di questi viaggi furono lasciati sulla spiaggia due maiali e una bambola. I Sentinelesi infilzarono i maiali e li seppellirono, insieme alla bambola. Tali visite sono diventate più regolari negli anni ’80; le squadre avrebbero cercato di atterrare, in un luogo fuori dalla portata delle frecce, e avrebbero lasciato doni come noci di cocco, banane e pezzi di ferro. A volte i sentinelesi sembravano fare gesti amichevoli; in altri portavano i doni nella foresta e poi lanciavano frecce al contatto.

Nel 1991 sembrava esserci una svolta. Quando gli ufficiali sono arrivati ​​a North Sentinel, la tribù ha fatto segno loro di portare doni e poi, per la prima volta, si è avvicinata senza armi. Hanno persino guadato il mare verso la barca per raccogliere più noci di cocco. Tuttavia, questo contatto amichevole non doveva durare, sebbene i viaggi di consegna dei regali continuassero per alcuni anni, gli incontri non erano sempre amichevoli. A volte i Sentinelesi hanno puntato le loro frecce contro la squadra di contatto, e una volta hanno attaccato una barca di legno con le loro asce (un’ascia di pietra per tagliare il legno). Nessuno sa perché i Sentinelesi prima siano caduti, e poi abbiano ripreso la loro ostilità alle missioni di contatto, né se qualcuno sia morto a causa di malattie contratte durante queste visite.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel 1996 le regolari missioni di consegna dei regali cessarono. Molti funzionari stavano iniziando a mettere in dubbio la saggezza di tentare di contattare un popolo sano e contento e che aveva prosperato da solo fino a 55.000 anni. Il contatto amichevole aveva avuto solo un impatto devastante sulle grandi tribù andamanesi. Il contatto prolungato con i Sentinelesi avrebbe quasi certamente conseguenze tragiche. Negli anni successivi sono state effettuate solo visite occasionali, sempre con una risposta mista. Dopo lo tsunami del 2004, i funzionari hanno effettuato due visite per verificare, a distanza, che la tribù sembrasse sana e non soffrisse in alcun modo. Hanno poi dichiarato che non sarebbero stati fatti ulteriori tentativi per contattare i sentinelesi.


Filmati di uno dei tanti tentativi del governo di stabilire un contatto con i sentinelesi isolati favorendo una dipendenza da doni esterni come le noci di cocco. Dopo le proteste di Survival e dei sostenitori locali, tali viaggi di contatto sono ufficialmente interrotti, poiché mettono a grave rischio entrambe le parti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il loro estremo isolamento li rende molto vulnerabili alle malattie a cui non hanno immunità, il che significa che il contatto avrebbe quasi certamente conseguenze tragiche per loro. A seguito di una campagna di Survival e delle organizzazioni locali, il governo indiano ha abbandonato i piani per contattare i Sentinelesi e la loro posizione attuale è ancora che non verranno fatti ulteriori tentativi di contattare la tribù. Vengono effettuati controlli periodici, da barche ancorate a distanza di sicurezza dalla riva, per assicurarsi che i sentinelesi si presentino bene e non abbiano scelto di cercare un contatto.

Fonte: survivalinternational.org

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.