Il wc tecnologico trasforma i rifiuti umani in energia e criptovaluta

Immagina se al college le feci umane venissero trasformate in energia. Immagina che l’utilizzo del bagno del laboratorio ti faccia guadagnare anche i soldi per pagare il caffè. Questo è ciò che il professore di ingegneria ambientale Cho Jae-weon sta rendendo possibile presso l’Ulsan National Institute of Science and Technology (UNIST) in Corea del Sud.

Jae-weon ha sviluppato il “BeeVi”, un wc tecnologico che trasforma i rifiuti in una fonte di energia. Il modello è dotato di una pompa a vuoto che invia le feci a un serbatoio interrato. Da lì, i microrganismi decompongono i rifiuti e li convertono in metano, che a sua volta può avere usi diversi. Nel caso dell’università, il gas metano viene utilizzato per alimentare una stufa, un boiler per l’acqua calda e una cella a combustibile ad ossido solido. I rifiuti umani vengono utilizzati anche per produrre letame in laboratorio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se pensiamo fuori dagli schemi, le feci hanno un valore prezioso nella produzione di energia e letame. Attribuisco questo valore alla circolazione ecologica“, ha detto lo scienziato a Reuters. Secondo il professore, una persona defeca circa 500 g al giorno, che possono essere convertiti in 50 litri di gas metano. Quella quantità di gas può generare 0,5 kWh di elettricità.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Oltre a generare energia, la tecnologia di BeeVi contribuisce a ridurre il consumo di acqua. Questo ponte è abbastanza rilevante, poiché è così comune usare acqua pulita nella toilette che poche persone mettono in dubbio l’irrazionalità di un tale atto. Per avere un’idea, Sabesp, una società di approvvigionamento idrico di San Paolo, calcola che un WC con valvola e tempo di attivazione di sei secondi richiede circa 12 litri. Introdotto per la prima volta nel 2017, BeeVi è in fase di test in un laboratorio nel campus dell’università. Gli studenti sono incoraggiati a usarlo a causa di un’altra grande idea: trasformare le feci in valuta digitale. Il professore sudcoreano ha sviluppato Ggool (miele, in portoghese), che può essere utilizzato nelle strutture del campus. Ogni utilizzo del bagno produce 10 Ggool al giorno. Utilizzando il codice QR, gli studenti possono scambiare criptovaluta in bar, caffetterie e librerie. Il vaso BeeVi non è in vendita.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.