Marte: vita sotterranea alimentata da radioattività? Possibile secondo NASA

Marte potrebbe ospitare un ecosistema di vita microbica sotto la sua superficie che sopravvive grazie all’attività chimica alimentata dalla radioattività, afferma un team internazionale di scienziati guidati dalla NASA:

Anche se la superficie di Marte è infernale e inospitale, l’ambiente appena sotto la superficie potrebbe rispecchiare le condizioni che supportano i microbi sotterranei sulla Terra, secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Astrobiology . È una ricerca intrigante e, nonostante sia profondamente speculativa, potrebbe fornire alla NASA e ad altre agenzie spaziali nuove idee su cosa cercare nella caccia in corso alla vita passata o presente sul Pianeta Rosso.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“L’ambiente con le migliori possibilità di abitabilità su Marte è il sottosuolo”, ha detto a Scientific American l’autore principale dello studio e scienziato planetario del Jet Propulsion Laboratory della NASA Jesse Tarnas. Gli scienziati hanno tracciato parallelismi con un fenomeno simile sulla Terra, in cui i composti radioattivi sotterranei scompongono le molecole d’acqua per produrre composti che sostengono la vita come gas idrogeno e solfati. Questo processo ha sostenuto i microbi sotterranei sulla Terra per milioni di anni se non di più, secondo SciAm e i ricercatori affermano che la stessa cosa potrebbe accadere su Marte in base alla loro analisi dei meteoriti marziani e ai nuovi dati dei rover della NASA. Anche se oggi non ci sono microbi alieni alimentati dalla radioattività sul Pianeta Rosso, gli scienziati sospettano che potrebbero esserci stati ad un certo punto nel tempo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’unico componente mancante, dicono gli scienziati, sarebbe l’acqua sotterranea marziana. Se c’è acqua nelle crepe e nei pori del sottosuolo marziano, allora il processo di radiolisi potrebbe teoricamente supportare i microbi alieni oggi. Ma questo è un grande “se”, ha detto a SciAm lo scienziato planetario della Rutgers University Lujendra Ojha, che non ha lavorato allo studio. Questo non vuol dire che Ojha non sia d’accordo con la conclusione dei ricercatori, ma piuttosto che non c’è alcuna garanzia che troveremo acque sotterranee nel sottosuolo marziano. Dove ci sono acque sotterranee, potrebbe esserci vita”, ha detto Ojha a SciAm .

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.