L’incredibile storia dei monaci giapponesi che si auto-mummificano da vivi

Sembrerebbe che per circa 1000 anni, un gruppo di monaci buddisti siano stati spinti dalla voglia di purificarsi totalmente e questo li ha portati ad una pratica di auto-mummificazione quando erano ancora in vita. Con questa tecnica riuscivano a conservare il loro corpo integro, senza l’uso di sostanze particolari. Questa tecnica si chiama Sokushinbutsu e si pensa che fino al diciannovesimo secolo sia stata effettuata da migliaia di monaci. Anche se il procedimento è molto lungo e faticoso, infatti solo pochi sono riusciti a terminarlo.

Questa tecnica prevede due diete davvero dure, della durata di 1000 giorni ciascuna. La prima preveda l’utilizzo di acqua, semi e nocciole. La seconda invece era basata sul consumo di radici e corteccia di pino. Contemporaneamente alla seconda dieta, i monaci consumavano il tè Urushi, fatto con ingredienti tossici che uccidevano batteri e parassiti e li tenevano lontani dal corpo anche dopo la morte.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se dopo questa procedura non ne avevano abbastanza, i monaci venivano sepolti vivi. Nella bara vi era un tubo che soffiava aria. Inoltre nella bara vi era un campanello,che i monaci suonavano per far sapere di essere ancora vivi. Se il campanello non suonava, la bara veniva sigillata. Dopo mille giorni sarebbe stata riaperta e se la mummificazione fosse avvenuta, il monaco estratto dalla bara diventava oggetto di venerazione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte:lefotochehannosegnatounepoca.it

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.