Stanziati 15 milioni di dollari per riportare i mammut in vita

Una startup biotecnologica guidata dal provocatorio genetista di Harvard George Church ha ottenuto 15 milioni di dollari in finanziamenti per riportare i mammut lanosi – o almeno qualcosa di geneticamente simile – nella tundra artica dove si estinsero per la prima volta circa 10.000 anni fa:

“Le tecnologie scoperte nel perseguimento di questa grandiosa visione – un rappresentante vivente e ambulante di un mammut lanoso – potrebbero creare opportunità molto significative nella conservazione e oltre, non ultime le quali includono l’ispirazione dell’interesse pubblico per le STEM, la promozione di discussioni tempestive sulla bioetica e la sensibilizzazione dell’importanza vitale della biodiversità”, ha detto Church in un comunicato stampa. L’impresa, giustamente chiamata Colossal, non sta cercando di costruire uno zoo in stile “Jurassic Park”. Invece, si sta posizionando attorno alla conservazione e al cambiamento climatico, sviluppando una tecnologia che potrebbe aiutare a proteggere l’ambiente e prevenire l’estinzione delle specie in via di estinzione di oggi. Se l’azienda ha una possibilità realistica di raggiungere quegli obiettivi immensamente ambiziosi rimane confuso (e in piena divulgazione, l’autore di questo pezzo lavora come appaltatore per Seed Health, che è una società associata a Church, e Matt Sechrest, il socio amministratore di Futurism’s la società madre North Equity, è un investitore in Colossal, sebbene né Seed né Sechrest siano stati coinvolti nell’assegnazione, nella scrittura o nella modifica di questa storia). Detto questo, tuttavia, convincere il mondo della scienza dietro Colossal potrebbe essere una battaglia in salita.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per prima cosa, le creature che Colossal mira a creare non sarebbero davvero mammut lanosi, a rigor di termini. L’idea è di modificare dozzine di geni esistenti per ripristinare i tratti simili ai mammut nell’elefante asiatico – che condivide già circa il 99,6 percento del genoma del mammut – per dargli orecchie piccole, tolleranza al freddo, spessi strati di grasso intorno al corpo, nonché anche il caratteristico cappotto arruffato del mammut. Potrebbe essere un animale interessante, ma sarebbe un ibrido elefante-mammut, non un vero mammut. E questo supponendo che arrivino a tanto. La realtà è che per avere successo, il progetto dovrà superare alcuni ostacoli tecnici e logistici sconcertanti. Un dettaglio chiave, ad esempio, è il modo in cui le creature verrebbero effettivamente gestite. Nel 2017, quando Church aveva precedentemente lanciato l’idea di un gigantesco progetto di rianimazione, ha riconosciuto le critiche secondo cui non sarebbe etico portare a termine gli embrioni in veri elefanti asiatici, dal momento che quegli stessi animali sono in pericolo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Invece, ha detto, il piano era di farli crescere in “uteri artificiali”. L’unico problema? Quella tecnologia non esisteva, e non esiste ancora, in nessuna forma matura. Il rovescio della medaglia, ovviamente, è che se Colossal riuscisse a creare un utero artificiale funzionale, sarebbe uno spartiacque per la biologia sintetica e forse anche per l’intero ecosistema terrestre. Il cofondatore di Church in Colossal, l’imprenditore di software Ben Lamm, ha detto in un’intervista a Futurism che spera che la tecnologia possa prevenire l’estinzione di mammiferi in via di estinzione come elefanti e rinoceronti, o anche lasciare che gli ambientalisti armeggiano con il codice genetico delle creature esistenti per aiutarle a sopravvivere a un clima che cambia. Possiamo sfruttare questi strumenti genetici”, ha detto, per “consentire alle specie di non essere solo isolate in una posizione geografica, ma di essere adattabili ad altre“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un altro problema significativo sarebbe il microbioma delle bestie, che gli scienziati stanno appena iniziando a capire anche nelle creature viventi. Allevare ibridi in un ambiente controllato potrebbe non introdurre i microbi necessari per il corretto sviluppo cerebrale e immunitario degli animali. Anche se i ricercatori hanno trovato giovani mammut ben conservati nel permafrost, il team scientifico di Colossal ha ammesso in risposta alle domande che “è difficile distinguere tra i batteri che colonizzano l’intestino mentre l’organismo è vivo e i batteri che hanno colonizzato e contaminato i mammut dopo la loro morte a distanza di migliaia di anni”. “Colossal è consapevole dell’importante ruolo svolto da un microbioma sano nello sviluppo del mammut lanoso”, ci ha detto l’azienda, aggiungendo che “i team di Colossal sono pronti a dotare il nostro mammut lanoso di un microbioma appropriato per mezzo di un canale del parto artificiale o probiotici su misura”. E anche se Colossal riesce a superare questi ostacoli tecnici, il piano incontra anche una sostanziale opposizione da parte della comunità scientifica o, se è per questo, di chiunque abbia preso a cuore il franchise di “Jurassic Park”. La proposta ‘de-estinzione’ dei mammut solleva un enorme problema etico: il mammut non era semplicemente un insieme di geni, era un animale sociale, come lo è il moderno elefante asiatico”, ha detto lo zoologo dell’Università di Manchester Matthew Cobb al Guardian in 2017 in risposta a una precedente iterazione del piano di Church. “Cosa accadrà quando nascerà l’ibrido elefante-mammut? Come sarà accolto dagli elefanti?”

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come altri mammiferi, gli elefanti imparano comportamenti sociali complessi da altri membri del loro branco. Allevare i primi ibridi elefante-mammut può richiedere un’ampia socializzazione pratica. Poiché gli elefanti asiatici sono già in pericolo, l’impresa sarebbe ancora più impegnativa. E se le creature riusciranno mai a uscire dal laboratorio, potrebbero esserci anche una miriade di problemi imprevisti causati dal tornare indietro nel tempo nell’Artico. Qualsiasi ibrido elefante-mammut prodotto da Colossal non sarà lo stesso animale che un tempo vagava per la tundra migliaia di anni fa, e anche l’ecologia dell’area si sarà evoluta. Un documento accademico pubblicato l’anno scorso sul Journal for Nature Conversation ha evidenziato i rischi di tali sforzi di de-estinzione. “Qualsiasi proxy sarà collocato in un ecosistema che non ha mai incontrato la specie estinta o non lo ha fatto per molto tempo”, hanno scritto i suoi autori. Inoltre, la de-estinzione potrebbe ulteriormente introdurre conseguenze indesiderate per le interazioni ecologiche esistenti nell’area o introdurre nuovi tipi di malattie nell’ecosistema. I mammut ibridi potrebbero sconvolgere qualunque delicato equilibrio rimanga nell’Artico, in altre parole, lasciando agli scienziati la domanda se sia un rischio che vale la pena correre.

Come precedente, Lamm ha parlato della reintroduzione dei lupi a Yellowstone Park alcuni decenni fa, che ha portato a un effetto a cascata che ha gradualmente riequilibrato l’ecosistema. Ma a differenza dell’introduzione di un ibrido elefante-mammut nell’Artico, i lupi prosperavano in quell’ecosistema già 150 anni faLamm ha detto al Futurism che Church ha un bioeticista come parte del suo laboratorio e sta lavorando con numerosi gruppi di conservazione, tra cui il Vertebrate Genome Project e la Pleistocene Park Foundation, per affrontare queste complesse questioni. Colossal sta anche lavorando con diversi scienziati che hanno reintrodotto flora e fauna in Siberia, ha affermato la società. In una difesa più filosofica, Lamm ha anche paragonato Colossal al programma Apollo, sottolineando che le tecnologie tra cui il GPS e i “fondamenti di Internet” sono emerse da quel programma proprio perché si era prefissato un obiettivo smisurato e, alla fine, è riuscito ad atterrare Astronauti americani sulla Luna. Per essere onesti, questo è un punto convincente. Colossal potrebbe finire per sviluppare importanti strumenti biotecnologici per la conservazione anche se non avrà successo con le sue enormi ambizioni. E mentre Colossal brevetterà la tecnologia e le sequenze genomiche derivanti dal progetto, spera di rendere le loro scoperte trasparenti e disponibili attraverso pubblicazioni scientifiche sottoposte a revisione paritaria.

- Prosegue dopo la pubblicità -

È vero che l’impresa ha un mucchio di soldi di media grandezza, così come una serie di gruppi di conservazione, scienziati e bioetici dalla sua parte, secondo Lamm. Ma le sfide tecniche che dovrà risolvere saranno multivariate e senza precedenti. E anche se avrà successo, ci sarà probabilmente un’immensa opposizione pubblica e scientifica contro di essa in ogni fase. Per un’anteprima, basta guardare le proteste quando una società di biotecnologie ha rilasciato zanzare geneticamente modificate in Florida. Allo stesso tempo, però, la tecnologia per resuscitare le creature estinte ha la straordinaria promessa, almeno potenzialmente, di invertire alcuni dei terribili danni che l’umanità ha fatto all’ambiente terrestre. E, su un altro livello, è stimolante che qualcuno ci stia almeno provando, anche se il successo è tutt’altro che garantito.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.