“Mai visto niente di simile”: nuovo fossile rivela dinosauro con spine direttamente collegate alle costole. Lo Spicomellus afer potrebbe essere l’antenato di tutti gli ankilosauri

Si pensa che un nuovo fossile di dinosauro proveniente dal Marocco, risalente a circa 167-163 milioni di anni, possa rappresentare il più antico anchilosauro mai scoperto. Questi dinosauri corazzati ed erbivori sono abbastanza conosciuti dai continenti settentrionali, ma questa è la prima volta che i resti di uno sono stati trovati dall’Africa. Inoltre, le costole fossili mostrano una caratteristica che non si vede in nessun altro animale:

 

- Prosegue dopo la pubblicità -
 Spicomellus afer

Le punte protettive che un tempo avrebbero rivestito i fianchi di questo animale sono in realtà fuse alle costole stesse. È interessante notare che il nuovo fossile proviene anche dallo stesso sito in cui è stato scoperto Adratiklit boulahfa , il più antico stegosauro conosciuto e il primo del Nord Africa:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Adratiklit boulahfa

La dottoressa Susannah Maidment è una ricercatrice di dinosauri al Museo ed esperta di dinosauri corazzati. Ha aiutato a descrivere questa nuova specie e quella di Adratiklit due anni fa. “Avere un’armatura fusa a una costola è assolutamente bizzarro“, dice Susannah. “È totalmente diverso da qualsiasi vertebrato esistente o estinto di cui siamo a conoscenza. Non vediamo questo fenomeno di un osteoderma che si fonde con una costola in nessun altro vertebrato, vivo o morto. È difficile trovare degli analoghi, davvero, perché non ce ne sono”. Il nuovo fossile è stato descritto sulla rivista Nature Ecology and Evolution e chiamato Spicomellus afer:

Wikipedia.org

A differenza di qualsiasi cosa vista prima

Gli anchilosauri sono un gruppo di dinosauri tipicamente noti per la straordinaria armatura ossea che un tempo copriva la loro schiena. Il gruppo gemello dei più famosi stegosauri, avevano file di placche ossee incorporate nella loro pelle, alcune delle quali formavano enormi placche piatte mentre altre crescevano verso l’esterno come punte. Alcune specie avevano una grossa mazza ossea all’estremità della coda. “Gli anchilosauri erano piccoli dinosauri corazzati che sono un po’ come tavolini da caffè ambulanti”, dice Susannah. ‘Erano molto larghi e molto larghi, ma avevano le gambe corte.“Avevano file di armature trasversali, il che significa che l’armatura si estende dalla linea mediana del loro corpo fino ai lati.”

- Prosegue dopo la pubblicità -

In tutte le specie conosciute di anchilosauri, questa armatura sarebbe stata incorporata nella loro pelle, il che significa che questo nuovo fossile in cui l’armatura è fisicamente fusa alle ossa è diverso da qualsiasi cosa vista prima. Questo nuovo fossile è così diverso che all’inizio Susannah e i suoi colleghi non erano nemmeno sicuri a quale animale appartenesse. “Quando abbiamo ottenuto il fossile, abbiamo pensato che fosse probabilmente parte di uno stegosauro perché avevamo trovato uno stegosauro nel sito da cui ha origine“, spiega Susannah. “Ma semplicemente non vediamo stegosauri con questo tipo di armatura. Abbiamo quindi deciso di sezionare istologicamente il fossile o di tagliarlo. Abbiamo realizzato sezioni sottili del fossile e questo ci ha mostrato, in modo entusiasmante, che la struttura ossea nelle parti delle punte ha una firma che vediamo solo negli anchilosauri di questo periodo.” Nonostante i loro primi pensieri, questo ha permesso ai ricercatori di affermare con un certo grado di sicurezza che le ossa appartenevano effettivamente a un anchilosauro. Questo è di enorme importanza perché non solo gli anchilosauri non sono mai stati trovati nel continente africano, ma l’età del fossile lo rende anche il più antico anchilosauro. Il fossile è in frammenti, quindi è difficile capire esattamente che aspetto avesse un tempo questo straordinario animale. Ma si possono fare alcune deduzioni:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Se si pensa ad animali come i coccodrilli che hanno scudi ossei incastonati nella pelle, è probabile che la parte più piatta dell’osteoderma fosse ricoperta da una sorta di pelle”, spiega Susannah. “Allora le punte che sporgono sono una specie di nucleo di corno e probabilmente sarebbero state ricoperte da una guaina cheratinosa, come il corno di una mucca”. È impossibile sapere come le punte si siano fuse con l’osso, se questo anchilosauro fosse una prima sperimentazione di armature per anchilosauri o se questa specie fosse solo una tantum. Susannah spera in nuove future scoperte quando tornerà in Marocco. Intanto, la ricerca prosegue:

Ampliamento della gamma di anchilosauri

- Prosegue dopo la pubblicità -

La geografia del mondo durante il Giurassico era molto diversa da quella di oggi. I continenti erano, in generale, divisi in due grandi masse continentali separate. Nell’emisfero settentrionale la terra formò un super continente noto come Laurasia, mentre nel sud la terra formò il gigantesco Gondwana:

Ipotetica rappresentazione del supercontinente Laurasia (Wikipedia.org)

Questi due continenti erano separati dal mare aperto, limitando la capacità di animali e piante di attraversare da una massa continentale all’altra.  I resti di anchilosauri si trovano frequentemente nelle rocce che hanno formato Laurasia nel nord, con più specie descritte dagli Stati Uniti, dal Canada e dall’Europa. Ma l’estensione dei dinosauri nel Gondwana più meridionale è stata a lungo un mistero.m Pur avendo formazioni rocciose risalenti all’età giusta, fino ad ora è stato descritto un solo fossile di un anchilosauro del Gondwana. “Ci sono altri resti frammentari che suggeriscono che gli anchilosauri fossero in Gondwana”, dice Susannah. Ma fino a quel momento sembrava che fossero forse solo una piccola parte dell’ecosistema.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Abbiamo questi fossili allettanti, ma non ci dicono molto sulla diversità degli anchilosauri nel Gondwana. Tutto ciò che sembrano suggerire è che erano piuttosto rari”. Questa scoperta potrebbe aiutare a cambiare un po’ quell’immagine. Nonostante il fossile sia stato acquisito da un commerciante nel Regno Unito, i ricercatori sanno che ha avuto origine da un sito in Marocco che stanno già lavorando con paleontologi locali e funzionari governativi per scavare. Un memorandum d’intesa consente ai ricercatori di lavorare con istituti e scienziati marocchini per scoprire e descrivere queste nuove specie. L’obiettivo è quello di allestire un nuovo museo nel paese, dove questi incredibili reperti possano essere curati e messi in mostra non lontano da dove hanno avuto origine.  

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.