Gli Stati Uniti dichiarano estinte 23 specie di animali

Tra questi c’è il picchio becco d’avorio, visto l’ultima volta nel 1944. Ci sono anche uccelli delle Hawaii e una pianta. Le autorità incolpano il cambiamento climatico e la distruzione degli ecosistemi. Mercoledì le autorità statunitensi hanno dichiarato estinte in modo permanente 23 specie, tra cui il picchio becco d’avorio, uno degli uccelli più maestosi degli Stati Uniti che si trovava nelle paludi dell’Arkansas, della Louisiana, del Mississippi e della Florida. Dal 1944 non si vedeva un esemplare di questo animale.

Tra le 23 specie che gli scienziati hanno perso la speranza di vedere vive ci sono un altro uccello, la silvia di Bachman, due tipi di pesci d’acqua dolce endemici dell’Ohio e del Texas, otto tipi di cozze del sud-est del paese e una pianta. Il Federal Fish and Wildlife Service “ha stabilito che queste specie sono estinte“, quindi è iniziato il processo per rimuoverle dall’elenco delle specie in via di estinzione. Il rapporto aggiunge che questa notizia “sottolinea come l’attività umana possa portare le specie al declino e all’estinzione, contribuendo alla perdita dell’habitat, allo sfruttamento eccessivo e all’introduzione di specie e malattie invasive“, afferma la nota.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Si prevede che i crescenti effetti del cambiamento climatico aggraveranno ulteriormente queste minacce“, aggiunge il documento. “Con il cambiamento climatico e la perdita dell’habitat naturale, sempre più specie sono sull’orlo dell’estinzione, quindi è tempo di essere più proattivi e innovativi negli sforzi per salvare la fauna selvatica americana“, ha affermato il segretario degli Interni, Deb Haaland, in una dichiarazione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il picchio avorio, appartenente alla famiglia dei Picidae, aveva piumaggio bianco e nero, con una cresta rossa sui maschi, ed era alto circa 50 centimetri. È stata classificata come specie in via di estinzione nel 1967, principalmente per la scomparsa delle foreste che ne costituivano l’habitat e per le eccessive catture da parte dei collezionisti. L’ultima volta che un esemplare di questa specie è stato visto è stato nell’aprile 1944 nel nord-est della Louisiana. Queste 23 specie sono state classificate come minacciate negli anni ’60, troppo tardi per essere salvate, hanno detto le autorità. L’elenco comprende anche undici specie endemiche delle Hawaii e dell’isola di Guam, tra cui diversi uccelli e una specie di pipistrello.

Gli animali che vivono sulle isole sono più facilmente minacciati a causa del loro isolamento. Più di 650 specie di piante e animali nelle Hawaii e nelle isole del Pacifico sono minacciate, più di qualsiasi altro stato del paese. Molti non esistono in nessun’altra parte del mondo. Gli scienziati dell’agenzia hanno tuttavia sottolineato che gli sforzi di protezione sono efficaci e hanno ricordato che dal 1975 quasi cinquanta animali sono stati rimossi dall’elenco delle specie protette, tra cui l’aquila calva o il pellicano bruno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: bioguia.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.