Perchè nelle antiche foto i soggetti avevano sempre espressioni serie?

Basta guardare qualche vecchia foro di nonni o zii e si nota subito, anche se forse non tutti ci hanno fatto caso! Tutti i soggetti delle vecchie foto sono seri, non sorridono mai. Come mai? Ve lo siete chiesto? Le ipotesi sul perchè ci sia questa particolarità sono varie:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Alcuni pensano che sia per la scarsa igiene orale che sicuramente 50/60 anni fa non era molto diffusa, ma se tutti coloro che vivevano a quell’epoca non avevano una buona igiene orale, non aveva senso nascondere la cosa, visto che era praticamente la normalità:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un’altra teoria era quella del tempo che serviva per realizzare la foto, all’inizio del secolo scorso, scattare una foto richiedeva dal mezzo minuto a circa 10 minuti e quindi mantenere un’espressione seria per cosi tanto tempo era più semplice che mantenere un sorriso fisso a lungo. Considerando anche che all’epoca farsi scattare una foto, costava molto, quindi non ci si poteva permettere di rovinare uno scatto per un’espressione sbagliata.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Altra teoria era che nel 17°secolo le persone che erano ritratte sorridenti erano i poveri, gli ubriachi, i maliziosi, i burloni, quindi nessuno voleva essere etichettato in questo modo di conseguenza, si evitava di sorridere. Mark Twain in una lettera scritta ad un giornale dell’epoca: “Una fotografia è il documento più importante e non c’è nulla di peggiore che passare alla posterità che con uno sciocco e stupido sorriso fissato sulla faccia per l’eternità“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: facebook.com/lefotografiechehannofattolastoria

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.