Cosa era il Limes romano: Storia e geografia di un confine politico, culturale e psicologico

foto embed: https://upload.wikimedia.org

Il līmes ( latino , plurale: latino : līmitēs ) è un termine moderno usato principalmente per la difesa del confine germanico o il sistema di delimitazione dell’antica Roma che segnava i confini dell’Impero Romano, ma non era usato dai romani a tale scopo. [1] [2] Il termine è stato esteso per riferirsi alle difese di frontiera in altre parti dell’impero, come in Oriente e in Africa:

Il līmes è spesso associato ai forti romani, ma il concetto potrebbe applicarsi a qualsiasi area adiacente in cui i romani esercitavano un controllo libero con le forze militari. La frontiera romana si estendeva per più di 5.000 chilometri (3.100 mi) dalla costa atlantica della Gran Bretagna settentrionale, attraverso l’Europa fino al Mar Nero, e da lì al Mar Rosso e attraverso il Nord Africa fino alla costa atlantica. I resti dei limiti odierni sono costituiti da vestigia di mura, fossati, forti, fortezze e insediamenti civili. Alcuni elementi della frontiera sono stati scavati, alcuni ricostruiti e alcuni distrutti. Le due sezioni di lime in Germania coprono una lunghezza di 550 chilometri (340 miglia) dal nord-ovest del paese al Danubio nel sud-est. Il Vallo di Adriano, lungo 118 km, fu costruito per ordine dell’imperatore AdrianoC. 122 dC ai limiti più settentrionali della provincia romana di Britannia . È un esempio lampante dell’organizzazione di una zona militare e illustra le tecniche difensive e le strategie geopolitiche dell’antica Roma. Il Vallo Antonino, una fortificazione lunga 60 km in Scozia, fu iniziato dall’imperatore Antonino Pio nel 142 d.C. come difesa contro i “Barbari” del nord. Costituisce la porzione più nordoccidentale del Limes romano.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I soldati di un līmes erano chiamati līmitāneī. Rispetto ai normali militari romani, tendevano ad avere maggiori probabilità di essere di discendenza locale (piuttosto che italiani), essere pagati meno e complessivamente meno prestigiosi. Tuttavia, non ci si aspettava che vincessero guerre su larga scala, ma piuttosto che scoraggiassero i predoni di piccole e medie dimensioni. Esempi notevoli di frontiere romane includono:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Vallo di Adriano – Limes Britannicus ( Patrimonio mondiale dell’UNESCO ID 430bis–001 )
Antonine Wall – in Scozia (patrimonio mondiale dell’UNESCO [3] [4] )
Saxon Shore , limes tardo romano nel sud-est dell’Inghilterra
Limes Germanicus , con il Limes germanico superiore e retico (Patrimonio mondiale dell’UNESCO ID 430bis-002 )
Limes Arabicus , la frontiera della provincia romana dell’Arabia Petraea di fronte al deserto
Limes Tripolitanus , la frontiera della Libia moderna di fronte al Sahara
Limes Alutanus , confine orientale della provincia romana della Dacia
Limes Transalutanus , la frontiera nel basso Danubio
Limes Moesiae , la frontiera della provincia romana Mesia , da Singidunum Serbia lungo il Danubio alla Moldavia.
Limes Norici , la frontiera della provincia romana Noricum , dal fiume Inn lungo il Danubio a Cannabiaca ( Zeiselmauer-Wolfpassing ) in Austria.
Limes Pannonicus , la frontiera della provincia romana Pannonia , lungo il Danubio da Klosterneuburg in Austria a Taurunum in Serbia.
Fossatum Africae , la frontiera meridionale dell’Impero Romano, che si estende a sud della provincia romana dell’Africa nel Nord-Africa.

La radice di limes , limit -, che si vede al genitivo, limitis , lo segna come l’antenato di un intero gruppo di parole in molte lingue legate al latino; ad esempio, limite inglese o limite francese . I latini sostantivo limes ( in inglese: / l aɪ m Í z / ; [5] latini . Pl LIMITES ) avevano un numero di differenti significati: un percorso o balk delimitazione campi; una linea di confine o un indicatore; qualsiasi strada o sentiero; qualsiasi canale, come un canale di streaming; o qualsiasi distinzione o differenza. [6] Il termine fu anche comunemente usato dopo il III secolo d.C. per indicare un distretto militare sotto il comando di un dux limitis. [7]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un’etimologia da Julius Pokorny in Indogermanisches etymologisches Wörterbuch dice che limette viene da indo-europea el- , elei- , lei- , “a prua”, “piegare”, “gomito”. Secondo Pokorny, il latino limen , “soglia”, è legato al limes , essendo la pietra su cui si entra o si esce di casa. Alcuni studiosi hanno visto la frontiera come una soglia . I dizionari Merriam-Webster sostengono questo punto di vista, così come JB Hofmann in Etymologisches Wörterbuch des Griechischen under leimon . Il dizionario latino bianconega ogni connessione, derivando limen da * ligmen , come in lien da *leig- , “legare”. In questo senso, la soglia tiene insieme la porta. W. Gebert ha anche scritto un articolo che discute il termine. [8]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Alcuni studiosi ipotizzarono che il limes germanico potesse essere stato chiamato dai contemporanei Munimentum Traiani (Baluardo di Traiano), riferendosi a un passo di Ammiano Marcellino , secondo il quale l’imperatore Giuliano avrebbe rioccupato questa fortificazione nel 360 d.C. [9]

In Europa

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gran Bretagna e Gallia – Questa sezione di limes esisteva dal I al V secolo d.C. e attraversava le province di:

Britannia Inferiore
Britannia Superior
Il limes in Gran Bretagna ( Limes Britannicus ) si trova sul territorio dell’attuale Regno Unito in Inghilterra, Scozia e Galles. Dal I al II secolo, il Gask Ridge e lo Stanegate, con le loro catene di accampamenti romani e torri di avvistamento, segnavano il confine settentrionale della Britannia . Successivamente gli istmi a nord tra il Firth of Forth e il Firth of Clyde furono sorvegliati dalle difese del Vallo Antonino e dalla linea tra la foce del Tyne e il Solway Firth dal Vallo di Adriano . La difesa perimetrale del Vallo di Adriano fu realizzata mediante la costruzione di accampamenti (castella ) in pianura, costruite lungo le strade più importanti del nord. La sicurezza e il monitoraggio sulle coste a ovest e sud-est erano assicurati da accampamenti e da catene di torri di avvistamento o di segnalazione, sia lungo la costa che lungo le strade principali dell’interno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le forze di occupazione, Exercitus Britannicus , consistevano principalmente di coorti di auxilia . La riserva strategica comprendeva tre legioni con sede a Eburacum (York), Isca Silurum e Deva . L’osservazione e la sorveglianza delle acque intorno alle Isole Britanniche era responsabilità della Classis Britannica , il cui quartier generale era a Rutupiae (Richborough). Le coorti ausiliarie delle legioni e la flotta erano comandate dai governatori provinciali. Dal III secolo unità di comitatenses , limitanei e liburnaria (marines) è venuto sotto il comando di due generali:

Arriva Britanniarum
Dux Britanniarum

- Prosegue dopo la pubblicità -

Costa sassone – Questa sezione del limes esisteva dal III al V secolo d.C. e copriva le province di:

Britannia Inferiore
belga
Lugdunensis
Aquitania
Questo limes della tarda antichità attraversava il territorio dell’attuale Regno Unito e Francia . Nel 3° secolo, un distretto militare separato, il Litus Saxonicum , fu istituito sul lato britannico della Manica tra gli estuari del Wash e del Solent , per respingere i pirati e i saccheggiatori sassoni . Vi erano inclusi il lato gallico della Manica e la costa atlantica. Il monitoraggio e la sorveglianza costiera sono stati effettuati da una catena di torri di avvistamento o di segnalazione, accampamenti e porti fortificati (Gallia). La maggior parte dei campi della costa sassone probabilmente servivano come basi navali.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le guarnigioni degli accampamenti erano composte da fanteria e diversi reggimenti di cavalleria. Il monitoraggio e la sorveglianza della Manica erano di competenza della Classis Britannica e della Classis Sambrica , la cui sede era in Locus Quartensis (Port d’Etaple), a guardia della foce del fiume Somme . Le unità di comitatenses , limitanei e liburnaria in quest’area erano sotto il comando di tre generali:

Comes litoris Saxnici per Britanniam (Conte della costa sassone)
Dux Belgicae secundae
Dux tractus Armoricani et Nervicani

Germania inferiore

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questa sezione di limes esisteva dal I al V secolo d.C. e attraversava la provincia della Germania Inferiore ( Germania Inferiore ).

Si trova sul territorio degli odierni Paesi Bassi e Germania . Questo limes era un confine fluviale ( limes ripa ) sul Reno , difeso da una catena di accampamenti , che andava dal Mare del Nord (campo di Katwijk-Brittenburg) a Vinxtbach (di fronte al forte di Rheinbrohl sul Limes germanico superiore ), formando il confine tra le province romane della Germania Inferiore e della Germania Superiore . A differenza del Limes germanico-retico superiore , non era segnato da una solida palizzata o muro. Né può alcun fossato o baluardo difensivoessere identificato. Le guardie erano di stanza nei castra vicini e le torri di guardia solitamente costruite immediatamente sul Reno. Il limes era servito da una strada militare ben sviluppata. Ogni campo aveva il proprio porto fluviale o approdo e un’area di stoccaggio, perché il Reno non solo formava il confine, ma era anche la via di trasporto e commerciale più importante della regione. Nella prima sezione, tra i campi di Rigomagus (Remagen) e Bonna (Bonn), c’erano solo pochi campi. Nel secondo, al centro, tratto tra Bonna e Ulpia Noviomagus Batavorum(Nijmegen), ce n’erano molti di più. Qui c’erano anche accampamenti di legioni più grandi; con un’eccezione, erano tutte caserme di cavalleria. Il paesaggio della terza sezione tra Ulpia Noviomagus Batavorum e Mare Germanicum (il Mare del Nord) era caratterizzato da numerosi piccoli corsi d’acqua e paludi paludose. Di conseguenza, in questa zona c’era un solo accampamento di cavalleria. La sicurezza delle frontiere qui consisteva principalmente in fortezze di coorte relativamente piccole e fitte.

Le truppe di occupazione, Exercitus Germaniae Inferioris , consistevano principalmente di coorti ausiliarie. Dal II secolo, la riserva strategica comprendeva tre legioni di stanza a Bonna / Bonn, Novaesium / Neuss, Vetera / Xanten e Noviomagus / Nijmegen. Il controllo e la sorveglianza delle acque del Mare del Nord, dell’estuario del Reno e del Basso Reno era di competenza della Classis Germanica la cui sede era a Colonia Claudia Ara Agrippinensium /Colonia. Legioni, auxilia e unità di flotta erano comandate dal rispettivo governatore provinciale. Dal 3° secolo maturano(guardie fluviali), comitatenses e liburnaria erano sotto il comando del Dux Belgicae secundae.

Germania superiore e Rezia

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo limes esisteva dal I al V secolo d.C. e custodiva le province di:

Germania Superiore
Rezia
Si trovava sul territorio degli attuali stati tedeschi della Renania-Palatinato , dell’Assia , del Baden-Württemberg e della Baviera . A nord, confinava con quelle parti della provincia romana della Rezia che si trovavano a nord del Danubio e custodiva il confine orientale di quella parte della Germania Superiore che si trovava a est del Reno. In Alta Germania le difese di confine inizialmente consistevano solo in una strada di posta. A partire dal 162/63 d.C. circa, i romani costruirono una barriera difensiva con torri di avvistamento e di segnalazione, palizzate, fossi e terrapieni. Su un breve tratto del limes retico fu eretto un solido muro di pietra. Nelle sue fasi finali, il Limes alto germanico-retico era lungo circa 550 chilometri e correva da Rheinbrohl , nella contea di Neuwied nel nord della Renania-Palatinato, fino a Hienheim sul Danubio. Tra i villaggi di Osterburken e Welzheim , il limes correva per 81 chilometri quasi in linea retta verso sud. [10] Nella letteratura scientifica, questa insolita sezione è considerata una prova che questo tipo di muro di cinta non era mai stato utilizzato per scopi difensivi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La terra di Agri Decumates che era presidiata da questo limes dovette essere lasciata libera dai Romani nel 260-285 d.C. Riportarono le loro basi sulle rive del Reno e del Danubio, che erano molto più facili da difendere militarmente. Il percorso esatto del limes lungo il confine tra Germania Superiore e Rezia non è stato completamente esplorato. Tra la fine del IV e l’inizio del V secolo, il Limes retico fu riorganizzato e diviso in tre sezioni. Il confine settentrionale della Rezia formava la pars superior (parte superiore), il confine occidentale era la pars media (parte centrale) con la città fortificata di Cambodunum e le basi di Vemania (Isny im Allgäu ) a Cassilacum ( Memmingen ); la pars inferiore (parte inferiore) era il tratto compreso tra Castra Regina ( Ratisbona ) e Batavis ( Passavia ).

Le truppe in difesa, Exercitus Germaniae superioris ed Exercitus Raeticus , consistevano principalmente di coorti ausiliarie. Dal II secolo, la riserva strategica fu formata da tre legioni di stanza a Mogontiacum / Magonza, Argentorate / Strasburgo e Castra Regina /Ratisbona. Il monitoraggio dell’Alto Reno era di competenza della Classis Germanica ; quella del Danubio Retico passò sotto la Classis Pannonia , la cui sede era ad Aquincum /Budapest. Legioni e coorti ausiliarie erano sotto il comando del governatore. Dal III secolo le truppe di confine germanico-retico superiore (comitatenses, repenses e liburnaria ), erano comandati da tre generali:

Dux Raetiae
Dux Mogontiacensis
Comes tractus Argentoratensis

- Prosegue dopo la pubblicità -

Limes del Danubio-Iller-Rhine (DIRL)

Questo limes esisteva dal III al V secolo d.C. e custodiva le province di:

Germania Superiore
Rezia
Si trova sul territorio dell’attuale Germania, Austria , Svizzera e Liechtenstein . Già nel periodo compreso tra il 15 a.C. e il 70 d.C. circa, il confine tra Roma e Germania correva principalmente lungo la linea del tardo antico Danubio-Iller-Rhine Limes (DIRL) prima che i romani avanzassero più a nord nei decumati di Agri . A causa del ritiro delle truppe e delle massicce invasioni barbariche, il Limes germanico-retico superiore fu abbandonato alla fine del III secolo e le forze romane riportarono il confine sulle rive dei tre fiumi. Soprattutto intorno all’anno 300, l’imperatore Dioclezianoqui fece costruire nuove fortificazioni direttamente sulle rive del fiume o sulle strade principali dell’entroterra. Intorno al 370 dC, la linea di fortificazioni fu notevolmente rafforzata sotto l’imperatore Valentiniano I per contrastare gli Alemanni , che avanzavano costantemente verso sud. A differenza del Limes germanico-retico superiore, il DIRL assolveva principalmente a scopi difensivi; i suoi accampamenti avevano mura molto più forti e più alte dei loro predecessori dell’Alto Imperiale. Inoltre, nella maggior parte dei casi erano stati costruiti per conformarsi alla topografia locale. Ciò significava che non potevano essere costruiti nella classica forma a “mazzo di carte”. Tra di loro è stata costruita una fitta catena di torri di avvistamento e di segnalazione per fornire un’ulteriore misura di sicurezza ( burgi ). Flottiglie di motovedette erano di stanza sui grandi laghi di questa regione.

Lago di Costanza : Numerus Barcariorum (HQ a Brigantium /Bregenz)
Lago di Neuchâtel : Classis Barcariorum (sede centrale a Eburodunum / Yverdon ).
Comitatenses , maturi e liburnaria in questa sezione del limes erano sotto il comando di quattro generali:

Dux Raetiae
Dux provinciae Sequanicae
Comes tractus Argentoratensis
Dux Germaniae primae

Norico

Questa sezione del limes esisteva dal I al V secolo dC e custodiva parte della provincia romana del Norico .

Si trova sul suolo degli attuali stati austriaci dell’Alta e della Bassa Austria . Correva lungo il Danubio da Passau/ Boiodurum a Zeiselmauer/ Cannabiaca . Questa è anche una ripa (confine fluviale), che era sorvegliata da una catena di forti coorti. La strada principale sul Norican Limes era la via iuxta amnem Danuvium . Le strutture inizialmente semplici in legno e terra furono sistematicamente convertite sotto l’imperatore Adrianoin accampamenti di pietra. Nel corso del IV secolo furono rimodernate e massicciamente rinforzate. Tra gli accampamenti, in luoghi strategici o buoni punti di osservazione, c’erano torri di avvistamento o di segnalazione e, nella tarda antichità, burgi . Nella parte centrale, tra gli accampamenti di Favianis e Melk , furono costruite solo sporadicamente delle torri di avvistamento. Qui la stretta valle della Wachau , con le sue scarpate fittamente boscose, rendeva più difficile l’accesso alla sponda del fiume, svolgendo una funzione difensiva. Ogni campo aveva il proprio porto fluviale o approdo e un’area di stoccaggio perché il Danubio non era solo zona di confine, ma anche la più importante via di trasporto e commerciale della regione. Nel tempo insediamenti civili ovici furono istituiti immediatamente accanto ai campi. Nell’immediato entroterra del limes furono fondatecittà murate o municipia – ad esempio Aelium Cetium o Ovilava (Wels). Erano i centri amministrativi o commerciali della regione. Nella tarda antichità l’area norica era divisa in due parti ( pars inferior e pars superior ). [11] È probabile che sia stata creata una seconda linea difensiva nelle retrovie ( Castrum Locus Felicis ).

Le truppe di occupazione, Exercitus Noricus , erano costituite principalmente da coorti auxilia e una legione di stanza a Lauriacum / Enns fungeva da riserva strategica. La sorveglianza e la sicurezza del Danubio e dei suoi affluenti erano di competenza della Classis Pannonia . Unità delle legioni, forze navali e ausiliarie erano comandate dai rispettivi governatori. Nella tarda antichità – secondo la Notitia Dignitatum – quattro flottiglie di nuova costituzione si assunsero questo compito. Dal III secolo, i comitatenses , ripenses e liburnari norici erano sotto il comando di due generali:

Arriva Illyrici
Dux Pannoniae Primae et Norici Ripensis

Pannonia – Questo tratto di limes fu in uso dal I al V secolo d.C. e contribuì a presidiare le province di:

Pannonia inferiore
Pannonia
Il Limes pannonico si trova sul territorio dell’attuale Austria, Slovacchia e Ungheria . Sebbene questo tratto di frontiera fosse relativamente ben protetto dal confine del Danubio o Ripa , la presenza militare romana qui fu sempre eccezionalmente forte (tre accampamenti militari in Pannonia, ma solo uno nella Bassa Pannonia) perché soprattutto dopo l’abbandono della Dacia romana in alla fine del III secolo, la pressione dei popoli migranti dall’est su questo tratto del limesintensificato. Gli affluenti che si riversavano nel Danubio offrivano rotte di trasporto economiche, ma costituivano anche buone vie di accesso per invasori e predoni. Gli accampamenti militari furono quindi costruiti dai più importanti guadi o confluenze e capolinea stradali. Gli accampamenti delle legioni e degli auxilia si trovavano principalmente nelle immediate vicinanze della sponda del fiume. Le prime strutture in legno e terra, furono sistematicamente convertite sotto l’imperatore Adriano in caserme in pietra e, nel IV secolo, ridisegnate e massicciamente rafforzate per soddisfare le nuove esigenze strategiche. Gli spazi tra i campi erano chiusi da una catena di torri di avvistamento o di segnalazione. In epoca tardo romana enormi accampamenti nell’entroterrafurono costruite e fortificate le città dell’entroterra per creare una seconda linea di difesa. Inoltre, in punti vulnerabili, erano di stanza unità della flotta del Danubio. Al tempo dell’imperatore Marco Aurelio si fa menzione in Pannonia per la prima volta di torri di avvistamento in pietra ( burgi , torri pannellate e fortezze ( praesidia ). Nella tarda antichità il distretto militare pannonico era diviso in due parti ( pars inferior e pars superior ). [ 11] Le difese avanzate erano fornite da accampamenti testa di ponte (es. Castra Contra Aquincum o Celemantia ) e stazioni militari sulle principali vie di trasporto nel Barbaricum (ad es. vicino a Musov).

Basso Danubio – Vallo di Traiano , Limes Moesiae e Limes Transalutanus

In Africa

Nella massima estensione dell’Impero Romano, il confine meridionale si estendeva lungo i deserti dell’Arabia in Medio Oriente (vedi Romani in Arabia ) e il Sahara in Nord Africa , che rappresentava una barriera naturale contro l’espansione. L’Impero controllava le coste del Mediterraneo e le catene montuose più interne. I romani tentarono due volte di occupare l’ oasi di Siwa e alla fine usarono Siwa come luogo di esilio. Tuttavia i romani controllavano il Nilo per molte miglia in Africa fino al moderno confine tra Egitto e Sudan. [ citazione necessaria ]

In Africa i Romani controllavano l’area a nord del Sahara, dall’Oceano Atlantico all’Egitto, con molti tratti di limes ( Limes Tripolitanus , Limes Numidiae, ecc.). [12]

Il Fossatum Africae (“fosso africano”) di almeno 750 km controllava i confini meridionali dell’Impero e aveva molte somiglianze di costruzione con il Vallo di Adriano .

Ci sono fossatae simili, ma più brevi, in altre parti del Nord Africa. Tra le catene di Matmata e Tabaga nella moderna Tunisia c’è un fossatum che è stato duplicato durante la seconda guerra mondiale. [13] Sembra che ci sia anche una 20 km. fossatum a Bou Regreg in Marocco anche se questo non sarebbe rientrato nell’ambito della proclamazione del Codex Theodosianus perché a quel tempo la provincia non era amministrativamente in Africa. [14]

Nel sud della Mauritania Tingitana la frontiera nel III secolo si trovava appena a nord di Casablanca vicino a Sala e si estendeva fino a Volubilis .

Settimio Severo espanse drammaticamente il “Limes Tripolitanus”, tenendo anche brevemente una presenza militare nella capitale Garamantiana Garama nel 203 d.C. Gran parte del successo iniziale della campagna fu ottenuto da Quinto Anicio Fausto , il legato della Legio III Augusta .

In seguito alle sue conquiste africane, l’Impero Romano potrebbe aver raggiunto la sua massima estensione durante il regno di Settimio Severo , [15] [16] sotto il quale l’impero comprendeva un’area di 2 milioni di miglia quadrate [15] (5,18 milioni di chilometri quadrati ).

Fossatum Africae

Fossatum Africae ( “fosso africano”) è una struttura difensiva lineare ( tigli ) che si estendeva oltre 750 km o più [17] in Nord Africa costruiti durante l’ impero romano per difendere e controllare i confini meridionali dell’Impero nella provincia romana d’Africa . Si ritiene che abbia molte somiglianze di costruzione con il Vallo di Adrianoal confine settentrionale dell’Impero in Gran Bretagna. Generalmente il Fossatum è costituito da un fosso e da terrapieni su entrambi i lati utilizzando il materiale del fosso. A volte i terrapieni sono integrati da muretti a secco su uno o entrambi i lati; raramente ci sono muri in pietra senza fossato. La larghezza del Fossatum è generalmente di 3-6 m ma in casi eccezionali può arrivare fino a 20 m. Ove possibile, esso o il suo muro più alto è costruito sulla controscarpa . Gli scavi vicino a Gemellae hanno mostrato che la profondità era di 2-3 m, con una larghezza di 1 m in basso che si allargava a 2-3 m in alto. [18]

Il Fossatum è accompagnato da tante piccole torri di avvistamento e da numerosi forti, spesso costruiti in vista l’uno dell’altro.

In Asia

Il Limes Arabicus era la frontiera della provincia romana dell’Arabia Petraea , di fronte al deserto. Si estende dal Golfo di Aqaba alla Siria settentrionale, per circa 1.500 chilometri (930 mi) nella sua massima estensione

Il Limes Saxoniae in Holstein fu fondato nell’810 d.C., molto tempo dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente . Carlo Magno considerava il suo impero (in seguito chiamato Impero Carolingio ) come il vero successore dell’Impero Romano e si autodefiniva “Imperatore dei Romani”. Furono emessi editti ufficiali in latino, che influirono anche sulla denominazione della frontiera dell’Impero.

Nella finzione:

La serie di romanzi Romanike è ambientata al Limes Germanicus nei decenni fino al primo assalto dei popoli germanici nel 161 d.C. [19]
Roman Wall: A Novel , di Winifred Bryher è ambientato nel 265 durante il Calcare. [20]
• The Antonine Romans Novellas di Andrew Boyce è ambientato nel 144 d.C., con la location di The Antonine Wall, Caledonia, nell’odierna Scozia.

Riferimenti:

  1. ^ Benjamin Isaac, “Il significato di ‘Limes’ e ‘Limitanei’ nelle fonti antiche”, Journal of Roman Studies, 78 (1988), pp. 125–147
  2. ^ Grandi mura e barriere lineari, Peter Spring, Pen and Sword, 2015, cap. 24. ISBN  1473853842 , 9781473853843
  3. ^ Centro del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Nuove proprietà inscritte
  4. ^ “Il muro ottiene lo status di Patrimonio dell’Umanità” BBC News. Estratto l’8 luglio 2008.
  5. Oxford English Dictionary (1989)
  6. Salta su ^ Benjamin Isaac, “Il significato di ‘Limes’ e ‘Limitanei’ nelle fonti antiche”, Journal of Roman Studies , 78 (1988), pp. 125–147
  7. ^ Benjamin Isaac, “Il significato di ‘Limes’ e ‘Limitanei’ nelle fonti antiche”, Journal of Roman Studies , 78 (1988), pp. 125–147; Benjamin Isaac, The Limits of Empire: the Roman Army in the East (Oxford: Oxford University Press, edizione riveduta 1992).
  8. ^ W. Gebert, “Limes”, Untersuchungen zur Erklärung des Vortes und seiner Anwendung , Bonner Jahrbücher Bd. 119, n. 2, 1910, 158-205.
  9. ^ L’ archeologo statale dell’Assia Prof. E. Schallmeyer, citato in Schmid, A., Schmid, R., Möhn, A., Die Römer an Rhein und Main (Frankfurt: Societäts-Verlag, edizione rivista 2006).
  10. ^ MJT Lewis: Surveying Instruments of Greece and Rome , Cambridge University Press, 2001, ISBN 0-521-79297-5 , pp. 242 245. 
  11. Salta su:b ND occ.: XXXIV
  12. ^ Mappa dell’Africa romana
  13. ^ Baradez (1949) p. 146.
  14. ^ Baradez (1949) p. 114.
  15. Salta su:b David L. Kennedy, Derrick Riley (2012),Le frontiere del deserto di Roma, pagina 13,Routledge
  16. ^ RJ van der Spek , Lukas De Blois (2008), Introduzione al mondo antico, pagina 272 , Routledge
  17. ^ Questa cifra dipende molto dal modo in cui viene misurata negli intervalli in cui il Fossatum non è stato costruito o è scomparso, e include una sezione significativa che potrebbe non essere un fossatum .
  18. ^ Baradez (1949) p. 93.
  19. La serie Romanike , Codex Regius (2006-2014) Archiviato il06/08/2016 in Wayback Machine
  20. ^ Bryher, Winifred (1954). Mura romane: un romanzo . Pantheon. ISBN 978-0394443249. Estratto il 24 settembre 2019 .
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.