Taiwan: Raccolgono piante in via di estinzione per evitare che scompaiano

I cambiamenti nelle temperature e nei livelli di precipitazioni e, inoltre, la distruzione dell’habitat, colpiscono direttamente le specie vegetali che vi abitano. Per questo motivo, un gruppo di ambientalisti taiwanesi supervisionati dal Cecilia Koo e dal Botanical Conservation Center (CCBK), hanno deciso di riunirsi e, insieme, cercare di porre fine al calo del numero di alcune specie vegetali. Le piante che si trovano e sono considerate rare o che non ce ne sono abbastanza per sopravvivere, vengono raccolte per poterle preservare nel tempo. La CCBK è un’organizzazione non governativa emersa nel 2007, con l’obiettivo di fornire la conservazione delle piante tropicali e subtropicali nella regione di Taiwan . Per raggiungere questo obiettivo, hanno deciso di raccogliere circa 40.000 diverse piante e diventare il più grande rifugio di piante tropicali entro il 2027.

Attraverso la ricerca scientifica, con colture di tessuti e crioconservazione, cercano di mantenere queste piante, in modo che in seguito possano essere reintrodotte nell’ambiente naturale. Ma capiscono anche che l’educazione sull’argomento è fondamentale, quindi offrono stage agli studenti interessati all’argomento in questione. I raccoglitori di piante vagano per vaste aree. Dalla costa orientale a Dongyin, nell’arcipelago di Matsu. Circa il 70% dell’isola è ricoperto da fitte foreste montane , quindi i collezionisti devono sapersi muovere, arrampicarsi sugli alberi e trascorrere lunghe ore a contatto con la natura.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Hung Hsin-chieh , assistente alla conservazione e collezionista di piante, spiega che fin da bambino collezionava piante senza conoscere l’importanza della loro azione, ma quando iniziò a lavorare per la loro conservazione, si rese conto che molte erano già scomparse. “Quindi, per molte cose, se non le conservi bene, forse in futuro non le troverai più.” Hung Hsin-chieh. Pur occupandosi dell’ambiente e della produzione di energia rinnovabile come priorità, l’isola occupa uno degli ultimi posti quando si tratta di adottare misure per porre fine al cambiamento climatico.

- Prosegue dopo la pubblicità -

 


Il Climate Change Performance Index (IDCC) è uno strumento che cerca di monitorare le prestazioni dei paesi in termini di protezione del clima . Serve a chiedere che i governi adempiano alla loro responsabilità di agire di fronte alla crisi climatica e a stimolare una corsa al vertice nell’azione per il clima. Secondo l’IDCC, Taiwan si colloca tra gli ultimi al mondo, con un rating molto basso. Tuttavia, questo non ha scoraggiato collezionisti e ricercatori, quindi stanno ancora facendo il loro ottimo lavoro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: bioguia.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.