Lesioni spinali, nuovo farmaco inverte la paralisi: cavie tornano a camminare

Alcuni scienziati statunitensi hanno sviluppato una nuova forma di farmaco che promuove la rigenerazione delle cellule e la paralisi inversa nei topi con lesioni spinali, consentendo loro di camminare di nuovo entro quattro settimane dal trattamento:

La ricerca è stata pubblicata giovedì sulla rivista Science e il team di scienziati della Northwestern University spera di avvicinarsi alla Food and Drug Administration (FDA) già il prossimo anno per proporre sperimentazioni sull’uomo. “Lo scopo della nostra ricerca era quello di sviluppare una terapia traducibile che potesse essere portata in clinica per impedire alle persone di rimanere paralizzate dopo un grave trauma o malattia”, ha detto all’AFP Samuel Stupp della Northwestern, che ha guidato lo studio. La cura della paralisi è un obiettivo di vecchia data della medicina, e altre ricerche all’avanguardia nel campo includono trattamenti sperimentali che utilizzano cellule staminali per creare nuovi neuroni (cellule nervose), terapia genica che dice al corpo di produrre determinate proteine ​​per aiutare la riparazione dei nervi, o l’iniezione di proteine:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il team di Stupp, d’altra parte, ha utilizzato le nanofibre per imitare l’architettura della matrice extracellulare, una rete naturale di molecole che circondano il tessuto responsabile del supporto delle cellule. Ogni fibra è circa 10.000 volte più stretta di un capello umano e sono costituite da centinaia di migliaia di molecole bioattive chiamate peptidi che trasmettono segnali per promuovere la rigenerazione dei nervi. La terapia è stata iniettata sotto forma di gel nel tessuto che circonda il midollo spinale dei topi di laboratorio 24 ore dopo che è stata praticata un’incisione nella colonna vertebrale.

Il team ha deciso di aspettare un giorno perché anche gli esseri umani che subiscono devastanti lesioni spinali da incidenti stradali, colpi di pistola e così via subiscono ritardi nel ricevere cure. Quattro settimane dopo, i topi che hanno ricevuto il trattamento hanno riacquistato la capacità di camminare quasi come prima della lesione. Quelli non trattati non lo hanno fatto. I topi sono stati quindi soppressi per esaminare gli impatti della terapia a livello cellulare e il team ha riscontrato notevoli miglioramenti al midollo spinale. Le estensioni recise dei neuroni chiamate assoni si sono rigenerate e il tessuto cicatriziale che può fungere da barriera fisica alla rigenerazione è stato significativamente ridotto. Inoltre, uno strato isolante di assoni chiamato mielina, importante per la trasmissione di segnali elettrici, si era riformato, si erano formati vasi sanguigni che forniscono sostanze nutritive alle cellule danneggiate e sono sopravvissuti più motoneuroni. Una scoperta chiave del team è stata che la creazione di una certa mutazione nelle molecole ha intensificato il loro movimento collettivo e aumentato la loro efficacia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo perché i recettori nei neuroni sono naturalmente in movimento costante , ha spiegato Stupp, e l’aumento del movimento delle molecole terapeutiche all’interno delle nanofibre aiuta a connetterle in modo più efficace con i loro bersagli in movimento. I ricercatori hanno infatti testato due versioni del trattamento – una con la mutazione e una senza – e hanno scoperto che i topi che hanno ricevuto la versione modificata hanno riacquistato più funzionalità. Il gel sviluppato dagli scienziati è il primo del suo genere, ma potrebbe inaugurare una nuova generazione di farmaci noti come “farmaci supramolecolari“, perché la terapia è un assemblaggio di molte molecole piuttosto che una singola molecola, ha affermato Stupp. Secondo il team, è sicuro perché i materiali si biodegradano nel giro di poche settimane e diventano nutrienti per le cellule:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Stupp ha detto che spera di passare rapidamente agli studi sull’uomo senza la necessità di ulteriori test sugli animali , come sui primati. Questo perché il sistema nervoso è molto simile tra le specie di mammiferi e “non c’è niente là fuori per aiutare i pazienti con lesioni del midollo spinale, e questo è un enorme problema umano”, ha detto. Secondo le statistiche ufficiali, solo negli Stati Uniti quasi 300.000 persone vivono con una lesione al midollo spinale. La loro durata della vita è più breve delle persone senza lesioni spinali e non è migliorata dagli anni ’80. “La sfida sarà come la FDA esaminerà queste terapie perché sono completamente nuove“, ha previsto Stupp. Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.