Produrre “latte” senza produrre metano: un’azienda lo fa sostituendo le mucche con i funghi. Ecco come

Produrre latte per mezzo di colture cellulari o colonie di microorganismi, e da questo formaggi e altri pseudo-latticini. Per quanto la prospettiva possa far storcere il naso, soprattutto a noi italiani, ci sono numerose start-up nel mondo che stanno seguendo questa strada con l’obbiettivo di ridurre l’impatto dell’allevamento dei bovini a cui si devono significative emissioni di CO2 e metano in atmosfera, senza rinunciare al latte e ai suoi derivati:

Una di queste, Imagindairy, con sede a Tel Aviv, mercoledì ha annunciato il risultato del suo finanziamento alle sementi, affermando che il latte che produrrebbe sarebbe identico al latte di mucca, ma la mucca e il metano ad essa associato sarebbero stati sostituiti da funghi o altri microrganismi vegetali programmato per produrre proteine ​​del latte. Nella sua forma più semplice, il processo di programmazione prevede l’inserimento di istruzioni del DNA nei microrganismi per la produzione di siero di latte e caseina, le principali proteine ​​del latte. Per trasformare le proteine ​​del siero e della caseina prodotte dai microrganismi in latte vaccino e derivati, Imagindairy aggiungerà grassi, zuccheri e acqua di origine vegetale. Il latte di mucca senza metano potrebbe ridurre significativamente l’impatto del cambiamento climatico e della deforestazione, affermano le ONG. L’allevamento di bestiame è responsabile di circa il 32% del metano generato dall’uomo, principalmente dal miliardo e più di bovini del pianeta. La riduzione delle emissioni di metano è considerata la leva più potente disponibile per rallentare il riscaldamento globale nei prossimi 25 anni. Sul mercato esiste già un gran numero di latte alternativo e negli ultimi anni si è registrata una massiccia espansione della domanda di latte di avena, latte di soia, latte di mandorle e altre varietà, che stanno producendo “latte” da altri sostituti:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma le aziende di agricoltura cellulare che si sforzano di produrre carne, latticini e pesce senza animali hanno faticato a farlo su scala commerciale. Ad oggi, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, l’unica altra azienda che produce piccole quantità commerciali di prodotti lattiero-caseari senza mucche è l’azienda statunitense Perfect Day. Il fondatore e CEO di Imagindairy, Eyal Afergan, ha affermato che il suo processo sarebbe simile a Perfect Day, ma il suo team ha escogitato un metodo più semplice per isolare le proteine ​​del latte dai microrganismi, che faciliterebbe il ridimensionamento. Il sig. Afergan ha aggiunto che il latte della sua azienda richiede solo il 10% dell’acqua necessaria per produrre il latte di mucca tradizionale e l’1% della superficie occupata dal bestiame. Ciò include la terra necessaria per la produzione di fonti di carbonio e azoto per alimentare i microrganismi. Carlotte Lucas, Head of European Business Engagement per il Good Food Institute (GFI), ha affermato che se Imagindairy iniziasse a produrre livelli commerciali di “latte di vacca senza vacca” entro il 2023, sarebbe un punto di svolta in termini di significativa riduzione delle emissioni di metano dal settore lattiero-caseario:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Con un nuovo sondaggio che ha rilevato che il 23% dei flexitarian europei era “molto propenso” a mangiare prodotti lattiero-caseari alternativi se il prodotto fosse identico al formaggio convenzionale, l’emergere di prodotti lattiero-caseari senza mucche potrebbe essere rivoluzionario, ha affermato Stephanie Jaczniakowska-McGirr, responsabile dell’industria alimentare e la vendita al dettaglio presso il gruppo di campagne ProVeg International. Se più persone si rivolgessero a un prodotto identico senza metano e senza mucca, ha aggiunto, allora “siamo sulla strada di una completa trasformazione del sistema alimentare che ci aiuterebbe a raggiungere l’obiettivo climatico di 1. , 5 ° C ” e ridurre significativamente il 70% della deforestazione globale legata allo sgombero dei terreni per gli animali e alla coltivazione del loro cibo”. Tom Dunne, vicepresidente di European Dairy Farmers, ha affermato che è impossibile ricreare il latte di mucca in un laboratorio. “Ci mancherà sempre qualcosa. Gli elementi principali potrebbero essere lì, ma non tutto quello che troveresti nel latte di mucca “, ha detto. “Le mucche producono naturalmente latte da oltre un milione di anni. Vuoi dare ai tuoi figli qualcosa da un laboratorio e scoprire più tardi che non va bene? ”

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.