Ecco perché la NASA vuole costruire un reattore nucleare sulla Luna e su Marte

L’esplorazione della Luna e di Marte richiede il potere dell’immaginazione e della visione umana. Ci vuole anche la potenza dell’elettricità per dare vita alla ricerca scientifica nel momento in cui gli astronauti arriveranno sulla superfice di questi mondi lontani:

nasa.gov

La NASA ha in programma una solida presenza sulla Luna sotto Artemide e infine su Marte, compreso lo sviluppo di un sistema di alimentazione superficiale a fissione per energia elettrica sicura, definito “efficiente e affidabile”. L’energia di superficie a fissione, insieme a celle solari, batterie e celle a combustibile, può fornire l’energia per far funzionare i rover, condurre esperimenti e utilizzare le risorse della Luna per produrre acqua, propellente e altri rifornimenti per il supporto vitale. “L’abbondanza di energia sarà la chiave per la futura esplorazione dello spazio”, ha affermato Jim Reuter, amministratore associato della Space Technology Mission Directorate (STMD) della NASA a Washington, che finanzia il progetto di energia di superficie di fissione della NASA. “Mi aspetto che i sistemi di alimentazione di superficie a fissione avvantaggeranno notevolmente i nostri piani per le architetture di potenza per la Luna e Marte e persino guidino l’innovazione per gli usi qui sulla Terra”. La NASA, in coordinamento con il Dipartimento dell’Energia (DOE), sta chiedendo alle aziende americane concetti di progettazione per un sistema energetico di superficie a fissione che potrebbe essere pronto per il lancio entro un decennio per una dimostrazione sulla Luna. Il sistema dovrebbe essere in grado di funzionare autonomamente dal ponte di un lander lunare o di un rover lunare di superficie. Ma perché proprio la tanto discussa tecnologia a fissione nucleare?

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per gli scienziati americani, questa tecnologia è affidabile. I sistemi a fissione possono funzionare continuamente 24 ore su 24 in crateri ombrosi e durante le notti lunari lunghe settimane, quando la generazione di energia dalla luce solare è difficile. È potente. I sistemi che la NASA chiede alle aziende di progettare fornirebbero almeno 40 kilowatt di potenza, sufficienti per alimentare continuamente 30 famiglie per dieci anni. Può essere compatto e leggero. Sistemi come questi potrebbero un giorno fornire energia sufficiente per stabilire un avamposto su Marte:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Concept artistico di un sistema di energia superficiale a fissione su Marte. Crediti: NASA

“La NASA e il DOE stanno collaborando a questo importante e stimolante sviluppo che, una volta completato, rappresenterà un incredibile passo avanti verso l’esplorazione umana a lungo termine della Luna e di Marte“, ha affermato Todd Tofil, Project Manager di Fission Surface Power presso il Glenn Research Center della NASA a Cleveland. “Sfrutteremo le capacità uniche del governo e dell’industria privata per fornire energia affidabile e continua indipendente dalla posizione lunare”. Le tecnologie di potenza di superficie a fissione aiuteranno anche la NASA a maturare i sistemi di propulsione nucleare che si basano sui reattori per generare energia. La NASA e il DOE (attraverso l’Idaho National Laboratory gestito da Battelle Energy Alliance) selezioneranno le società statunitensi concorrenti per sviluppare i progetti iniziali per un periodo di 12 mesi. I progetti risultanti informeranno una richiesta del settore per la progettazione finale e la costruzione di un sistema di alimentazione a fissione qualificato per il volo da inviare sulla Luna in una missione dimostrativa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il progetto di energia superficiale di fissione della NASA è gestito dal Glenn Research Center della NASA a Cleveland. Lo sviluppo tecnologico e la dimostrazione sono finanziati dal programma Technology Demonstration Missions della Space Technology Mission Directorate, ospitato presso il Marshall Space Flight Center di Huntsville, in Alabama.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: nasa.gov

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.