La Germania legalizza la cannabis: previsti incassi milionari

La Germania legalizzerà l’uso ricreativo della cannabis, . Ad annunciarlo è stato il nuovo governo di coalizione del paese mentre i leader del partito hanno raggiunto oggi un accordo di condivisione del potere:

L’SPD di centrosinistra, i Liberi Democratici liberali ed i Verdi ecologisti sono ora pronti a prendere il potere dal partito conservatore CDU di Angela Merkel, due mesi dopo essere stato battuto alle elezioni nazionali. Pubblicando oggi la loro agenda per il governo, la cosiddetta coalizione dei “semafori” ha affermato che la cannabis sarà regolamentata e venduta agli adulti per l’uso nei negozi autorizzati insieme a una serie di altre misure come l’eliminazione graduale dell’energia a carbone e misure per affrontare il Covid. Dalla legalizzazione della marijuana medica nel 2017, il mercato tedesco è diventato il più grande d’Europa, vendendo ai pazienti 154 milioni di sterline di prodotti ad alto contenuto di THC l’anno scorso, secondo New Frontier Data. Se la cannabis fosse legalizzata per uso ricreativo, il paese, che ha una popolazione di oltre 83 milioni di abitanti, potrebbe diventare il più grande mercato di cannabis al mondo. L’accordo mette anche Olaf Scholz, leader dell’SDP, sulla buona strada per sostituire Angela Merkel come Cancelliere – la prima volta in 16 anni che il massimo incarico passa di mano:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Scholz afferma di aspettarsi che i membri dei tre partiti votino l’accordo di 180 pagine entro i prossimi 10 giorni, dopodiché diventerà vincolante. L’alleanza a tre – che non è mai stata ancora provata in un governo nazionale – sostituirà l’attuale “grande coalizione” dei tradizionali grandi partiti del paese se i membri del partito daranno il via libera. I negoziatori hanno trascorso più di un mese a elaborare l’accordo, che apre la strada a una cosiddetta coalizione “a semaforo”, che prende il nome dai colori associati a ciascuna delle parti. L’accordo relativamente rapido sarà accolto da un sollievo da parte dei partner internazionali diffidenti nei confronti di una Germania bloccata mentre infuriano le crisi dalla pandemia di coronavirus alla Bielorussia e una debole ripresa economica. Scholz, dei socialdemocratici di centro-sinistra, ha affermato che il nuovo governo non cercherà “il minimo comune denominatore, ma la politica di grande impatto“. Ha sottolineato l’importanza di un’Europa sovrana, dell’amicizia con la Francia e della partnership con gli Stati Uniti come pietre miliari della politica estera del governo, continuando una lunga tradizione del dopoguerra. I socialdemocratici sono stati il ​​partner minore dei cristiano-democratici di centrodestra della Merkel. La Merkel, che non si è candidata per un quinto mandato, dovrebbe succedere a Scholz, 63 anni, che è il suo ministro delle finanze e vice cancelliere dal 2018. I tre aspiranti partiti al governo hanno affermato di sperare che il parlamento eleggerà Scholz come cancelliere nella settimana che inizia il 6 dicembre. Prima che ciò possa accadere, l’accordo richiede l’approvazione da parte di una scheda elettorale di circa 125.000 membri dei Verdi e dalle convenzioni delle altre due parti.

La notizia dell’accordo è arrivata quando la Merkel ha guidato quella che probabilmente sarebbe stata la sua ultima riunione del gabinetto. Scholz ha regalato un mazzo di fiori al 67enne, che guida la Germania dal 2005. I negoziati sull’alleanza sono stati relativamente armoniosi e veloci rispetto ai precedenti colloqui di coalizione. Ma la transizione politica, con la Merkel come custode zoppa, ha ostacolato la risposta della Germania all’ultimo aumento dei casi di coronavirus. Dai colloqui a porte chiuse sono emersi pochi dettagli, compreso il modo in cui le parti si divideranno i portafogli ministeriali. L’alleanza è una miscela potenzialmente difficile perché riunisce due partiti tradizionalmente di sinistra con uno, i Liberi Democratici, che tende ad allearsi con il centrodestra.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un accordo preliminare del mese scorso indicava che la Germania avrebbe anticipato la scadenza per porre fine all’uso dell’energia alimentata a carbone dal 2038 al 2030, ampliando al contempo il lancio della produzione di energia rinnovabile. Su insistenza dei Liberi Democratici, i potenziali partner hanno affermato che non aumenteranno le tasse o allenteranno i limiti all’aumento del debito, rendendo il finanziamento una questione centrale. I democristiani della Merkel sono attualmente preoccupati per una gara di leadership su chi diventerà il loro prossimo leader e farà rivivere le sorti del partito dopo aver subito il peggior risultato elettorale di sempre. Il ritmo rapido con cui i tre partiti – conosciuti in Germania come l’Ampel o “semaforo” dopo i loro colori – si sono uniti è una sorpresa dato che l’FDP non è un partner naturale con l’SPD di centrosinistra o con i Verdi.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.