Un pozzo con sculture antichissime, patrimonio UNESCO

https://upload.wikimedia.org

Rani ki Vav o Ranki vav (letteralmente  “pozzo a gradini della regina”) è un pozzo a gradini situato nella città di Patan nello stato del Gujarat in India. Si trova sulle rive del fiume Saraswati. La sua costruzione è attribuita a Udayamati, figlia di Khengara di Saurashtra, regina e sposa del 11 ° secolo Chaulukya re Bhima io. Insabbiato, è stato riscoperto negli anni ’40 e restaurato negli anni ’80 dall’Archaeological Survey of India. È stato inserito nell’elenco dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO dal 2014.

https://upload.wikimedia.org

Il più bello e uno dei più grandi esempi del suo genere e progettato come un tempio rovesciato che mette in risalto la santità dell’acqua, il pozzo a gradini è diviso in sette livelli di scale con pannelli scultorei; più di 500 sculture principali di Bhagwan Vishnu e oltre 1000 minori combinano immagini religiose e leggendarie. Rani ki vav fu costruito durante il dominio della dinastia Chaulukya . Si trova sulle rive del fiume Saraswati . [1] Prabandha-Chintamani , composto dal monaco giainista Merutunga nel 1304, menziona: “Udayamati, la figlia di Naravaraha Khengara, costruì questo nuovo pozzo a gradini a Shripattana (Patan) superando la gloria del Sahastralinga Tank “. Secondo esso, il pozzo a gradini fu commissionato nel 1063 e fu completato dopo 20 anni. Si presume generalmente che sia stato costruito in memoria di Bhima I ( r . c.  1022 – 1064 ) dalla sua regina Udayamati e probabilmente completato da Udayamati e Karnadopo la sua morte, ma se fosse vedova quando lo commissionò è contestato. Il Commissariato pone la data di costruzione al 1032 in base alla somiglianza architettonica con il tempio Vimalavasahi sul Monte Abu costruito nello stesso anno. [2] [3] [4]

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://upload.wikimedia.org

Il pozzo a gradini fu in seguito inondato dal fiume Saraswati e interrato. [5] Nel 1890, Henry Cousens e James Burgess lo visitarono quando fu completamente sepolto sotto terra ed erano visibili solo pozzo e pochi pilastri. Lo descrissero come un enorme pozzo di 87 metri (285 piedi). In Travels in Western India, James Tod ha menzionato che il materiale del pozzo a gradini è stato riutilizzato nell’altro pozzo a gradini costruito nella moderna Patan, probabilmente Trikam Barot ni Vav (pozzo a gradini Bahadur Singh). [6] [7] Negli anni ’40, gli scavi effettuati sotto lo Stato di Baroda hanno rivelato il pozzo a gradini. Nel 1986, l’ Archaeological Survey of India ha effettuato un importante scavo e restauro(ASI). Durante gli scavi è stata recuperata anche un’immagine di Udayamati. Il restauro è stato effettuato dal 1981 al 1987. [2] [5]

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://upload.wikimedia.org

Rani ki vav è stato dichiarato Monumento di Importanza Nazionale e tutelato dall’ASI. È stato aggiunto all’elenco dei siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO il 22 giugno 2014. [8] [9] È stato nominato “Punto iconico più pulito” dell’India alla Conferenza sull’igiene indiana del 2016. [10] Rani ki vav è considerato il migliore e uno dei più grandi esempi di architettura a gradini in Gujarat. È stato costruito all’apice dell’abilità degli artigiani nella costruzione di gradini e dello stile architettonico Maru-Gurjara , che riflette la padronanza di questa tecnica complessa e la bellezza dei dettagli e delle proporzioni. L’architettura e le sculture sono simili al tempio Vimalavasahi sul Monte Abu e al tempio del Sole a Modhera . [2]

- Prosegue dopo la pubblicità -

È classificato come un pozzo a gradini di tipo Nanda . Misura circa 65 metri (213 piedi) di lunghezza, 20 metri (66 piedi) di larghezza e 28 metri (92 piedi) di profondità. Il quarto livello è il più profondo e conduce in un serbatoio rettangolare di 9,5 metri (31 piedi) per 9,4 metri (31 piedi), a una profondità di 23 metri (75 piedi). L’ingresso si trova ad est mentre il pozzo si trova all’estremità occidentale ed è costituito da un pozzo di 10 metri (33 piedi) di diametro e 30 metri (98 piedi) di profondità. [1] [2]Il pozzo a gradini è suddiviso in sette livelli di scale che conducono a un profondo pozzo circolare. Un corridoio a gradini è compartimentato a intervalli regolari con padiglioni multipiano a pilastri. Le pareti, i pilastri, le colonne, le mensole e le travi sono decorati con intagli e volute. Le nicchie nelle pareti laterali sono ornate da belle e delicate figure e sculture. Ci sono 212 pilastri nel pozzo a gradini. [2]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ci sono più di 500 sculture principali e più di mille minori combinano immagini religiose, mitologiche e secolari, facendo spesso riferimento a opere letterarie. [1] L’ornamento del pozzo a gradini raffigura l’intero universo abitato da dei e dee; esseri celesti; uomini e donne; monaci, sacerdoti e laici; animali, pesci e uccelli compresi quelli reali e mitici; così come piante e alberi. [2] [7]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il pozzo a gradini è progettato come un santuario sotterraneo o un tempio invertito. Ha un significato spirituale e rappresenta la santità dell’acqua. [1] Le sculture nel pozzo a gradini raffigurano numerose divinità indù tra cui Brahma , Vishnu , Shiva , dee ( Devi ), Ganesha , Kubera , Lakulisha , Bhairava , Surya , Indra e Hayagriva . Le sculture associate a Vishnu sono più numerose di tutte quelle che includono Sheshashayi Vishnu (Vishnu adagiato su mille serpenti incappucciati Sheshanell’oceano celeste), Vishwarupa Vishnu (forma cosmica di Vishnu), ventiquattro forme e Dashavatara (dieci incarnazioni) di Vishnu. [2] [6] Ci sono le sculture di divinità con le loro famiglie come Brahma-Savitri, Uma-Maheshwar e Lakshmi-Narayan. Notevoli tra le altre sculture sono Ardhanarishwara e un gran numero di dee come Lakshmi , Parvati , Saraswati , Chamunda , Durga /Mahishasurmardini con venti mani, Kshemankari, Suryani e Saptamatrikas . Ci sono anche immagini di Navagraha (nove pianeti). [2] [6]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ci sono un gran numero di esseri celesti ( Apsara s). Una scultura di Apsara raffigura l’applicazione del rossetto sulle labbra o il masticare un ramoscello aromatico mentre un uomo le fa il solletico ai piedi. Sul lato nord del padiglione del terzo piano, c’è una scultura di un’Apsara che difende una scimmia aggrappata alla sua gamba e tirandole i vestiti, rivelando il suo corpo seducente. Ai suoi piedi vi è una donna nuda con un serpente al collo che rappresenta probabilmente un motivo erotico. Ci sono una scultura di Nagkanya (principessa serpente) con capelli lunghi e cigno, nonché sculture di danzatori celesti in posizioni di danza classica. [2]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ci sono un gran numero di sculture che ritraggono le donne nella loro vita quotidiana e nelle loro attività. Una scultura raffigura una donna che si pettina, si sistema l’orecchino e si guarda allo specchio. Altre sculture includono una donna che scrive una lettera, una giovane donna con uno scorpione che si arrampica sulla gamba destra e i suoi vestiti scivolano via inconsapevolmente, una giovane donna che tira la barba di un uomo simile a un nano, una donna con un piatto di pesce tra le mani con un serpente che circonda la sua gamba e allungando la mano per pescare. Una scultura raffigura una giovane donna che esce dal bagno con i capelli bagnati e un cigno che cattura le gocce d’acqua che cadono dai suoi capelli come se fossero perle. Queste sculture di donne sono adornate con gioielli tra cui braccialetti, orecchini, collane, cinture, cavigliere e altri così come con abiti eleganti e capelli ben pettinati. La varietà di espressioni ed emozioni sono rappresentate in esse. Rappresentano anche la bellezza e l’amore nella sua forma sublime e seducente che segnala l’erotismo. Ci sono sculture che rappresentano l’amore materno come una donna che tiene in braccio il suo bambino e indica la luna per distogliere la sua attenzione, una donna che alza il suo bambino in alto per fargli raccogliere un mango dall’albero, una donna in un mango con dei bambini con lei.[2] Link video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ci sono mensole a sbalzo gradualmente crescenti nel pozzo che sono abbondantemente ornate. [7] Non ci Kalpavriksha incisioni sul culto pente parete della fertilità e della natura, mentre kirtimukhas e makara adornano gli scantinati e capitelli di colonne. [2] Sulla parete laterale settentrionale di ingresso del pozzo a gradini, sono presenti motivi geometrici a reticolo e disegni che richiamano i disegni della tradizione tessile locale di Patola . Potrebbero essere stati adattati dalle sculture in legno e dai soffitti dei templi. [2] [7] Figure animali di cavalli, elefanti e leoni sono usate come decorazione di pilastri e modanature del basamento. [2]

- Prosegue dopo la pubblicità -
  1.  “Rani-ki-Vav (il pozzo a gradoni della regina) a Patan, Gujarat – Centro del patrimonio mondiale dell’UNESCO”whc.unesco.org. Estratto il 5 dicembre 2015.
  2. Salta su:m Mehta Bhatt, Purnima (2014). “7. Stepwell della regina (Rani ni Vav) – Patan, Gujarat”. Il suo spazio, la sua storia: esplorando i pozzi a gradini del Gujaratdel Solar, Daniel. Nuova Delhi: Zubaan. pp. 72-90. ISBN 9789383074495OCLC  898408173 .
  3. ^ Shastri, Hariprasadji (1976). Gujaratlo Rajkiya Ane Sanskritik Itihas Granth Part-iii Itihasni Gujaratlo Rajkiya Ane Sanskritik Itihas Granth Part-iv Solanki . pp. 135-137.
  4. ^ Vinod Chandra Srivastava (2008). Storia dell’agricoltura in India, fino al 1200 dC Concept. P. 857. ISBN 978-81-8069-521-6.
  5. Salta su:b Tomar, Shruti; Faruqui, Mujeeb (26 luglio 2018). “L’archeologo che ha restaurato Rani Ka Vav ricorda il suo ruolo”Bhopal: Hindustan TimesEstratto il 20 giugno 2019.
  6. Salta su:c Jain-Neubauer, Jutta (1981). I pozzi a gradoni del Gujarat. In Prospettiva storico-artistica(1a ed.). Nuova Delhi: Pubblicazioni Abhinav. P. 35.ISBN 0391022849OCLC  19399030 .
  7. Salta su:d Livingston, Morna; Spiaggia, Milo(2002). Passi per l’acqua: gli antichi pozzi a gradini dell’India(1a ed.). New York: Princeton Architectural Press. pp. 63-64. ISBN 1568983247OCLC  48263695 .
  8. “Quattro nuovi siti culturali iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale” . Centro del patrimonio mondiale dell’UNESCO . 22 giugno 2014 Estratto l’ 11 ottobre 2014 .
  9. “Rani ki Vav del Gujarat aggiunto alla lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO” . IANS . news.biharprabha.com Estratto il 22 giugno 2014 .
  10. “Sito del patrimonio mondiale del Gujarat: Rani ki Vav bags ‘Cleanest Iconic Place’ award” . indianexpress.com . ottobre 2016 Estratto il 25 ottobre 2016 .
  11. “RBI emetterà un nuovo design ₹ 100 Denomination Banknote” . rbi.org.in Estratto il 19 luglio 2018 .
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.