Pugnale romano di 2.000 anni fa trovato con un metal detector, così sono stati scoperti i resti di una battaglia avvenuta in Svizzera

futurecdn.net

La ricerca da parte del mondo dilettantistico si conferma ancora una volta una grande risorsa a sostegno degli studi ufficiali. Un esempio risalente al 2019 riguarda un’emozionante scoperta archeologica avvenuta in Svizzera. Stando a quanto riportato in un articolo diffuso sulla rivista LiveScience, infatti, un ha scoperto un appassionato di Storia ha ritrovato un pugnale decorato brandito da un soldato romano 2000 anni fa:

Questo pugnale è uno delle centinaia di oggetti scoperti nell’antico campo di battaglia. Archäologischer Dienst Graubünden – foto embed: swissinfo.ch

La scoperta, effettuata mediante l’utilizzo di un comune metal detector, ha portato una squadra di archeologi sul sito, che ha poi scoperto centinaia di manufatti da un campo di battaglia “perduto” dove i legionari romani combattevano i guerrieri reti mentre la Roma imperiale cercava di consolidare il potere nell’area. Gli archeologi pensano che uno di quei legionari possa aver seppellito intenzionalmente il nuovo pugnale dopo la battaglia come segno di ringraziamento per una vittoria. Solo quattro pugnali simili, con caratteristiche distintive come il manico a forma di croce, sono stati trovati negli ex territori romani. “Sospettavo che l’intero sito non fosse stato ancora perquisito meticolosamente“, ha riferito Lucas Schmid a WordsSideKick.com in una e-mail. Ben presto iniziò a trovare frammenti di metallo sepolti:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“era chiaro per me che ci si poteva aspettare più artefatti”. Schmid ha trovato il pugnale, decorato con intarsi in argento e ottone, su una piccola collina accanto a una gola del fiume nella primavera del 2019. Il suo metal detector all’inizio ha percepito solo un segnale molto leggero, che suggeriva un piccolo oggetto. Quando ha iniziato a scavare, tuttavia, Schmid si è reso conto che il segnale doveva provenire da un oggetto di grandi dimensioni che era stato sepolto relativamente in profondità e ha scoperto il pugnale completo a circa 12 pollici (30 centimetri) sotto la superficie. Per Schmid, questa è stata una scoperta irripetibile in un luogo inaspettato: “Non mi aspettavo di trovare un oggetto così importante in questo luogo piuttosto improbabile”, ha detto. Schmid ha segnalato la scoperta al servizio archeologico cantonale, l’Archäologischen Dienst Graubünden (ADG), che aveva rilasciato un permesso per i suoi lavori di rilevamento dei metalli nella zona; e nel settembre di quest’anno, gli archeologi (incluso Schmid) dell’ADG e dell’Università di Basilea hanno studiato il sito:

- Prosegue dopo la pubblicità -
www.indyturk.com

Quando gli scavi furono completati alla fine di quel mese, il team aveva portato alla luce centinaia di reperti archeologici sparsi su più di 370.000 piedi quadrati (35.000 metri quadrati). I reperti includono punte di lancia, fionde di piombo, parti di scudi, monete e chiodi dei sandali dalla suola pesante – chiamati “caligae” in latino – che indossavano i legionari. “Non sono solo i singoli oggetti eccezionali come il pugnale (un pugio ) che sono interessanti, ma anche il gran numero e la composizione degli oggetti trovati”, ha affermato Peter-Andrew Schwarz, archeologo dell’Università di Basilea, membro del team di studio. ha detto a WordsSideKick.com in una e-mail. Le fionde sono contrassegnate con le lettere che mostrano quale legione romana le ha realizzate, – mentre i chiodi delle scarpe e alcune altre armi, comprese alcune delle punte di lancia, sono chiaramente di origine romana, ha detto. Gli archeologi hanno anche portato alla luce frammenti di spade, parti di scudi e punte di lancia che facevano parte dell’armamento dei reti avversari, ha detto. Il manufatto rappresenta il simbolo dell’Espansione imperiale:

I Reti, o “Raeti“, erano una confederazione di tribù alpine che occupavano gran parte delle aree montuose di quelle che oggi sono la Svizzera, Italia, Austria e Germania. Ciò che si sa della loro lingua madre indica che erano imparentati con gli Etruschi, una civiltà che viveva in quella che oggi è l’Italia prima della fondazione di Roma. Ma i Reti alla fine arrivarono a parlare una lingua celtica come i vicini Galli. I reti inizialmente si opposero all’espansione romana nelle loro terre montuose a partire dal II secolo a.C., e i documenti mostrano conflitti tra eserciti romani e reti avvenuti tra il 50 a.C. e il 30 a.C., ha affermato l’archeologo Thomas Reitmaier, direttore dell’ADG. Una delle domande centrali sull’antica battaglia nei pressi di Tiefencastel è se sia avvenuta a quel tempo o più tardi, nel 15 a.C., quando l’ imperatore romano Augusto ordinò una campagna militare nelle Alpi che alla fine soggiogò i Reti, ha detto. Schwarz ha affermato che la moneta romana più recente trovata quest’anno è stata coniata tra il 29 aC e il 26 aC durante il regno di Augusto, ma avrebbe potuto essere persa un decennio dopo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

“È concepibile, ma non ancora provato, che la battaglia abbia avuto luogo in connessione con la campagna alpina dell’imperatore Augusto nell’anno 15 aC”, ha detto. “Il lavoro sul campo continuerà il prossimo anno e presumiamo che verranno alla luce più monete o altri reperti che consentano una datazione ancora più precisa”. Il pugnale romano è ora detenuto dall’ADG, come previsto dalla legge svizzera, dove viene conservato e valutato scientificamente; e Schmid è ancora coinvolto nel progetto sul campo di battaglia, sebbene si sia recentemente qualificato come dentista e non si aspetti di diventare un archeologo a tempo pieno. Alla fine di settembre di quest’anno, aveva trascorso più di 70 giorni nel sito nella foresta, lavorando a fianco degli archeologi dell’ADG e dell’Università di Basilea. Ricordiamo che in Italia l’utilizzo del metal detector è libero ma l’eventuale ritrovamento di resti antichi e di interesse archeologico va sempre segnalato alle autorità competenti. Qui sotto i link ad alcuni esempi di metal detector venduti su Amazon:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonti news:

https://www.livescience.com/metal-detectorist-finds-dagger-ancient-roman-battle

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www.gr.ch/DE/institutionen/verwaltung/ekud/afk/adg/ueberuns/Seiten/Willkommen.aspx

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.