Le alghe potrebbero impedire al coronavirus di infettare le cellule umane? A rivelarlo uno studio di un team di ricercatori dell’Università di Tel Aviv. Gli scienziati affermano di aver scoperto che l’ulva potrebbe aiutare a fermare la diffusione del coronavirus

Una sostanza estratta da alghe marine commestibili potrebbe impedire al coronavirus di infettare le cellule umane? Un team di ricercatori dell’Università di Tel Aviv afferma di aver scoperto che l’ulvan, il principale polisaccaride solubile in acqua estratto dalla parete cellulare delle alghe verdi, potrebbe aiutare a fermare la diffusione del virus:

“La mancanza di accesso ai vaccini causa molte vittime e accelera persino la creazione di nuove varianti”, ha affermato il prof. Alexander Golberg di TAU, che ha guidato lo studio sull’ulvan che è stato recentemente pubblicato su PeerJ, un gruppo di riviste scientifiche online in lingua inglese riguardanti la chimica, la biologia, la medicina, le scienze della vita e l’informatica. Gli articoli sono sottoposti a revisione paritaria e pubblicati in modalità Open Access. “Lo studio è ancora nelle sue fasi iniziali, ma speriamo che la scoperta venga utilizzata in futuro per sviluppare un farmaco accessibile ed efficace, prevenendo l’infezione da coronavirus. I nostri risultati in questa fase suscitano un cauto ottimismo”, ha detto.Golberg e il suo team hanno lavorato con le alghe negli ultimi otto anni, alla ricerca di diversi composti, principalmente per l’industria alimentare. Ma ha detto che durante il primo blocco, hanno iniziato a pensare a come avrebbero potuto svolgere un ruolo nell’aiutare con la tragedia che stava accadendo fuori. Attraverso altre ricerche, sapevano che alcuni composti di alghe avevano proprietà antivirali e così decisero di volerli valutare contro la COVID:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Iniziare si è rivelato una sfida, ha ricordato Golberg, principalmente perché avevano bisogno di accedere al virus, che non era prontamente disponibile in Israele. Ha detto che solo l’Istituto israeliano di ricerca biologica ce l’aveva, quindi hanno dovuto cercare fuori dal paese. Alla fine, hanno collaborato con un’università in Alabama. Hanno quindi deciso di testare l’ulvan perché potrebbe essere estratto da alghe comuni. “L’Ulvan viene estratto dalle alghe marine chiamate Ulva, che è anche chiamata ‘lattuga di mare’ e viene utilizzato per il cibo in luoghi come il Giappone, la Nuova Zelanda e le Hawaii“, ha spiegato Golberg. Le specie di macroalghe verdi (Chlorophyta) del genere Ulva sono alghe commestibili con una gamma di componenti bioattivi che promuovono la salute. Ulva è ricca di fibre alimentari che promuovono la salute gastrointestinale ed è collegata a una riduzione dell’incidenza delle malattie croniche. Il costituente attivo fondamentale di Ulva è la fibra solubile ulvan , un polisaccaride solfato gelificante con attività biologiche tra cui immunomodulante, antivirale, antiossidante, antiiperlipidemica e antitumorale. Ulvan ha anche la capacità di modulare la segnalazione cellulareprocessi nei sistemi sia vegetali che animali che portano a effetti benefici sulla produttività e sulla salute. Di conseguenza, l’ulvan è di notevole interesse come componente dei prodotti per la salute umana, dell’agricoltura e dei biomateriali:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questa revisione sistematica completa indaga e raccomanda l’estrazione acida, l’ ultrafiltrazione , i costituenti dello zucchero e l’analisi del peso molecolare rispettivamente per l’estrazione, la purificazionee la caratterizzazione dell’ulvan. Le attività biologiche degli ulvani vengono quindi esaminate criticamente. “In precedenza è stato riportato che l’ulvan è efficace contro i virus in agricoltura e anche contro alcuni virus umani – e quando è arrivato il coronavirus, abbiamo chiesto di testarne l’attività“. Hanno coltivato le alghe Ulva, ne hanno estratto l’ulva e l’hanno inviato al Southern Research Institute in Alabama. Lì, il team statunitense ha costruito un modello cellulare per valutare l’attività della sostanza prodotta nel laboratorio di Golberg. Le cellule sono state esposte sia al coronavirus che all’ulvan. È stato scoperto che, in presenza di ulvan, il coronavirus non ha infettato le cellule.”In altre parole”, ha detto, “l’ulvan impedisce alle cellule di essere infettate dal coronavirus“. Ha sottolineato che la cosa migliore sarebbe vaccinare il mondo. Tuttavia, è diventato chiaro che è improbabile che ciò accada, almeno rapidamente:

“Finché miliardi di persone nel mondo a basso reddito non avranno accesso al vaccino… si prevede che il virus svilupperà sempre più varianti, che potrebbero essere resistenti ai vaccini – e la guerra contro il coronavirus continuerà”, ha affermato Golberg. “Per questo motivo è molto importante, per il bene di tutta l’umanità, trovare una soluzione economica e accessibile che si adatti anche alle popolazioni economicamente deboli dei paesi in via di sviluppo”. Ha notato che l’ulvan utilizzato dal team era in realtà una miscela di molte sostanze naturali e quindi è necessario più lavoro per determinare specificamente quale è quello che previene l’infezione. Inoltre, i test devono essere eseguiti su piccoli animali, scimmie e poi, naturalmente, sull’uomo. Goldberg ha affermato evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che portare questa soluzione sul mercato richiederà tempo, anche con finanziamenti illimitati. Ma “se può arrivarci velocemente, sarebbe fantastico”.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.