Arctic Ice Project, il piano per coprire l’Artico con mini sfere di vetro e aiutare a ripristinare il ghiaccio e stabilizzare il clima

Un ambizioso progetto della Silicon Valley vuole aiutare a ripristinare il ghiaccio artico – e così facendo, stabilizzare le temperature globali – rivestendo la regione con minuscole perle di vetro. La geoingegneria del pianeta è stata un appuntamento fisso nei film di fantascienza, in cui gli ingegneri impiegano una varietà di metodi per raffreddare la terra: inondando l’atmosfera con polvere riflettente per riflettere il calore o installando un enorme filtro solare per proteggerci dal sole. Ma la geoingegneria su larga scala della Terra, in questi giorni, non è stata una parte seria del discorso sui cambiamenti climatici fino a poco tempo fa.

Un nuovo approccio degli scienziati di Stanford e della NASA potrebbe cambiare tutto questo: Arctic Ice Project, un’organizzazione no-profit fondata dal Dr. Leslie Field, un professore consulente di Stanford e un alunno del MIT e dell’UC Berkeley. La dottoressa Field ha iniziato il suo lavoro in questo settore nel 2006, quando si è chiesta: “Se non io, chi? Se non ora quando?” La dottoressa Field e la sua organizzazione Arctic Ice Project presentano il problema come tale: il ghiaccio artico sta rapidamente scomparendo dalle acque settentrionali . Il disgelo dell’Artico sembra essere un pericoloso circuito di feedback che può portare a un riscaldamento più rapido della Terra. Il ghiaccio nella regione polare riflette più sole che l’oceano aperto, agendo come uno scudo termico naturale. Con meno ghiaccio disponibile, viene assorbito più calore, il che a sua volta si traduce in meno ghiaccio e il ciclo accelera. Dato che la calotta polare artica ha perso il 75% del suo volume dal 1979, sembra che siamo in questo ciclo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Arctic Ice Project propone una soluzione che sembra difficile da credere , ma sembra essere supportata dal rigore scientifico. La soluzione sono perle cave di vetro bianco , che devono essere sparse sul ghiaccio in punti strategici dell’Artico. Le perle galleggiano nell’acqua e si uniscono a contatto con il ghiaccio. Rendendo il ghiaccio giovane e poco riflettente più riflettente e aumentando di volume, il ghiaccio assorbe meno calore e si scioglie più lentamente, conservandolo più a lungo e preservando l’effetto scudo termico.

- Prosegue dopo la pubblicità -

A seguito dei test condotti all’inizio del 2013, 2017 e 2018, in cui l’organizzazione aveva i permessi per coprire 17.500 e 15.000 metri quadrati (rispettivamente) di ghiaccio artico con un sistema di distribuzione automatizzato, l’ Arctic Ice Project ha pubblicato un documento sulla loro ricerca. , e lo sforzo continua a prendere slancio. Si prevede di proteggere tra 15.000 e 100.000 chilometri quadrati di ghiaccio nello Stretto di Fram o Beaufort Gyre nell’Artico entro pochi anni, a un costo che si dice sia un decimo degli altri metodi (ma richiede ancora centinaia di milioni di dollari ).

Un altro metodo relativamente ben collaudato sarebbe quello di pompare acqua di mare fredda sul ghiaccio per aumentare artificialmente lo spessore. È una teoria valida, ma alimentata dall’energia eolica richiederebbe l’installazione di circa 10 milioni di pompe per coprire solo il 10% dell’Artico. Arctic Ice Project offre dettagli considerevoli sulle sue perle di vetro, che sono fatte di biossido di silicio. In effetti, il silicio è il componente principale del 95% delle rocce sulla terra e attualmente 2,8 miliardi di tonnellate si trovano nell’oceano come silice disciolta.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’Arctic Ice Project afferma che il loro programma di test ” non ha mostrato alcun impatto negativo sulla fauna selvatica ” ed è molto chiaro che le loro perle non sono una fonte di microplastiche. In effetti, il materiale potrebbe eventualmente dissolversi nella silice che si trova nell’oceano, alimentando il ciclo naturale della silice da cui dipendono molti organismi. Il progetto Arctic Ice funzionerà? La sua squadra appassionata crede di sì. Potrebbe diventare una necessità a meno che le emissioni di gas serra non vengano drasticamente ridotte, il che sembra non essere il caso.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: ecoinventos.com

Maggiori informazioni: www.arcticiceproject.org

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.