6 vitamine che possono aiutare con la secchezza vaginale

La secchezza vaginale è un problema comune che può colpire le donne a qualsiasi età. Tuttavia, è particolarmente diffuso durante la menopausa ed è spesso causato dalla diminuzione dei livelli di estrogeni. Lo stress, l’ansia, la diminuzione del flusso sanguigno e la disidratazione sono alcuni altri fattori che possono contribuire a ridurre la lubrificazione. Fortunatamente, è stato dimostrato che diversi integratori aiutano a prevenire la secchezza vaginale e migliorano la lubrificazione. Ecco 6 vitamine e integratori che possono aiutare ad aumentare la lubrificazione femminile.

1. Vitamina E
La vitamina E è una vitamina liposolubile che funge anche da antiossidante che combatte le malattie. Alcune ricerche suggeriscono che potrebbe anche essere utile per aumentare la lubrificazione e ridurre la secchezza vaginale. Secondo uno studio su 52 donne, è stato riscontrato che l’uso di una supposta di vitamina E per 12 settimane migliora i sintomi dell’atrofia vaginale , che è una condizione caratterizzata dall’assottigliamento e dalla secchezza delle pareti vaginali. Altri studi hanno scoperto che le supposte contenenti vitamina E, insieme ad altri ingredienti come l’acido ialuronico, la vitamina A e la vitamina D, potrebbero migliorare i sintomi dell’atrofia vaginale nelle donne sottoposte a trattamenti contro il cancro. Nonostante questi risultati promettenti, sono necessarie ulteriori ricerche per valutare come la vitamina E assunta come integratore orale piuttosto che come supposta possa influenzare la lubrificazione femminile.

- Prosegue dopo la pubblicità -

2. Vitamina D
A volte indicata come la vitamina del sole, la vitamina D viene prodotta nelle cellule della pelle a seguito dell’esposizione al sole. Sebbene la vitamina D sia più nota per il suo ruolo nella salute delle ossa, gli studi dimostrano che potrebbe anche aiutare ad aumentare la lubrificazione femminile. In effetti, una revisione di sei studi ha concluso che sia gli integratori orali di vitamina D che le supposte potrebbero ridurre la secchezza e migliorare la salute vaginale durante la menopausa. Un altro studio su 44 donne in postmenopausa ha scoperto che l’uso quotidiano di una supposta di vitamina D per 8 settimane ha ridotto significativamente la secchezza vaginale, rispetto a un gruppo di controllo. Inoltre, uno studio su 200 donne anziane ha anche mostrato che l’aumento dei livelli di vitamina D nel sangue era associato a miglioramenti dell’umidità e della consistenza vaginale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

3. Olio di olivello spinoso
L’olio di olivello spinoso è un integratore naturale derivato dalle foglie, dai semi e dalle bacche della pianta dell’olivello spinoso. È ricco di acidi grassi essenziali come l’acido linolico, che possono rafforzare la barriera cutanea e proteggere dalla perdita di acqua. In uno studio su 116 donne in postmenopausa con secchezza vaginale , il consumo di 3 grammi di olio di olivello spinoso al giorno per 3 mesi è stato collegato a miglioramenti significativi dell’integrità del tessuto vaginale. Le donne che hanno utilizzato l’olio di olivello spinoso hanno anche riscontrato miglioramenti nell’elasticità e nell’idratazione vaginali rispetto a quelle che hanno utilizzato un placebo, sebbene ciò non fosse statisticamente significativo. L’olio di olivello spinoso svolge anche un ruolo chiave in altri aspetti della salute della pelle. Può aiutare a migliorare la guarigione delle ferite, stimolare la rigenerazione dei tessuti e aumentare la produzione di collagene, una proteina strutturale che conferisce forza ed elasticità alla pelle.

4. Acido ialuronico
L’acido ialuronico è una molecola prodotta dall’organismo ed è nota per il suo ruolo nella salute e nell’invecchiamento della pelle. Sebbene sia più comunemente usato nei cosmetici, l’acido ialuronico è disponibile anche da banco sotto forma di integratore. Secondo uno studio precedente, l’assunzione di 5 mg di acido ialuronico sale sodico per 8 settimane ha migliorato i sintomi in 42 donne in postmenopausa con atrofia vaginale. Un altro studio di 2 mesi su 28 giovani donne ha mostrato che un integratore contenente una combinazione di acido ialuronico e altri ingredienti come glucosamina solfato, acido alfa-lipoico e vitamine A, C ed E ha migliorato la secchezza vaginale. È stato anche dimostrato che i gel topici e le supposte contenenti acido ialuronico aumentano la lubrificazione vaginale se usati da soli o in combinazione con altri ingredienti come la vitamina A e la vitamina E. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare come l’integrazione orale con il solo acido ialuronico possa influenzare la lubrificazione femminile.

- Prosegue dopo la pubblicità -

5. Olio di pesce
L’olio di pesce è un integratore spesso utilizzato per aumentare l’assunzione di acidi grassi omega-3, un tipo di grasso salutare per il cuore che si trova principalmente nel pesce grasso. Alcune ricerche suggeriscono che gli acidi grassi omega-3 potrebbero essere utili per aumentare la lubrificazione femminile, specialmente durante la menopausa. Uno studio più vecchio tra 52 sopravvissute al cancro al seno in postmenopausa ha mostrato che l’assunzione di 3,5 grammi di acidi grassi omega-3 al giorno per 6 mesi ha migliorato la secchezza vaginale auto-riferita. Altri studi hanno scoperto che l’integrazione con acidi grassi omega-3 può aumentare i livelli di estrogeni, che possono anche aiutare a prevenire la secchezza vaginale. È stato anche dimostrato che gli acidi grassi Omega-3 aumentano l’idratazione della pelle e riducono la secchezza negli studi sull’uomo e sugli animali. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per determinare in che modo l’olio di pesce può influenzare in modo specifico la lubrificazione femminile.

- Prosegue dopo la pubblicità -

6. DHEA
Il deidroepiandrosterone (DHEA) è un tipo di ormone steroideo coinvolto nella produzione di estrogeni. Poiché la produzione di DHEA diminuisce naturalmente con l’avanzare dell’età, a volte viene utilizzato come integratore per aiutare a bilanciare i livelli ormonali e alleviare i sintomi associati alla menopausa. Diversi studi hanno anche scoperto che la somministrazione vaginale di DHEA potrebbe migliorare significativamente la lubrificazione femminile, ridurre la secchezza e aumentare i livelli di estrogeni nelle donne in postmenopausa. Mentre la ricerca sull’efficacia degli integratori orali di DHEA è ancora minima, alcuni studi precedenti hanno scoperto che potrebbe aumentare i livelli di estrogeni e migliorare la funzione sessuale.

Fonte: healthline.com

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

 

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.