Un uomo ha conservato una roccia per anni convinto fosse oro. Ma in realtà, era ancora più preziosa: un meteorite di 4,6 miliardi di anni!

Il dottor Bill Burch, curatore senior emerito e Dermot Henry, capo delle scienze al Museums Victoria. CREDITS:SIM SCHLUTER

La portò a casa e fece di tutto per aprirla, sicuro che all’interno di essa ci fosse una pepita d’oro all’interno della roccia – dopotutto, Maryborough si trova nella regione di Goldfields, dove la corsa all’oro australiana ha raggiunto il picco nel 19° secolo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per svelare la sua scoperta, Hole ha provato una sega da roccia, una smerigliatrice angolare, un trapano, persino bagnando la cosa nell’acido. Tuttavia, nemmeno un martello gli ha consentito di provocare una crepa sull’insolito pezzo di roccia. Questo perché quello che stava cercando così duramente di aprire non era una pepita d’oro. Come scoprì anni dopo, si trattava di un raro meteorite. “Aveva questo aspetto scolpito e increspato“, ha detto il geologo del museo di Melbourne Dermot Henry al Sydney Morning Herald. “Si forma quando attraversano l’atmosfera, si sciolgono all’esterno e l’atmosfera li scolpisce”. Incapace di aprire la “roccia”, ma ancora incuriosito, Hole portò la pepita al Museo di Melbourne per l’identificazione. “Ho guardato un sacco di rocce che la gente pensa siano meteoriti”, ha detto Henry a Channel 10 News. Infatti, dopo 37 anni di lavoro al museo ed esaminando migliaia di rocce, Henry spiega che solo due delle offerte si sono mai rivelate veri meteoriti. Questo era uno dei due:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Se hai visto una roccia come questa sulla Terra e l’hai raccolta, non dovrebbe essere così pesante”, ha detto un altro geologo del Melbourne Museum, Bill Birch, al Sydney Morning Herald nel 2019. I ricercatori hanno pubblicato un articolo scientifico che descrive il meteorite di 4,6 miliardi di anni, che hanno chiamato Maryborough dopo la città vicino a dove è stato trovato. È un enorme 17 chilogrammi (37,5 libbre) e dopo aver usato una sega diamantata per tagliare una piccola fetta, hanno scoperto che la sua composizione ha un’alta percentuale di ferro, che la rende una condrite ordinaria H5. Una volta aperto, puoi anche vedere le minuscole goccioline cristallizzate di minerali metallici che lo circondano , chiamate condrule . “I meteoriti forniscono la forma più economica di esplorazione spaziale. Ci trasportano indietro nel tempo, fornendo indizi sull’età, la formazione e la chimica del nostro Sistema Solare (inclusa la Terra)”, ha detto Henry. “Alcuni forniscono uno sguardo all’interno profondo del nostro pianeta. In alcuni meteoriti, c’è “polvere di stelle” anche più antica del nostro Sistema Solare, che ci mostra come le stelle si formano ed evolvono per creare elementi della tavola periodica.

- Prosegue dopo la pubblicità -
abc.net.au

“Altri rari meteoriti contengono molecole organiche come gli amminoacidi, i mattoni della vita”. Sebbene i ricercatori non sappiano ancora da dove provenga il meteorite e per quanto tempo potrebbe essere stato sulla Terra, hanno alcune ipotesi. Il nostro Sistema Solare una volta era un mucchio rotante di polvere e rocce di condrite. Alla fine la gravità ha unito molto di questo materiale nei pianeti, ma gli avanzi sono finiti per lo più in un’enorme cintura di asteroidi . “Questo particolare meteorite molto probabilmente esce dalla fascia di asteroidi tra Marte e Giove , ed è stato spinto fuori da lì da alcuni asteroidi che si sono schiantati l’uno contro l’altro, poi un giorno si è schiantato sulla Terra“, ha detto Henry a Channel 10 News.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La datazione al carbonio suggerisce che il meteorite sia precipitato sulla Terra tra i 100 ei 1.000 anni e ci sono stati numerosi avvistamenti di meteoriti tra il 1889 e il 1951 che potrebbero corrispondere al suo arrivo sul nostro pianeta. I ricercatori sostengono che il meteorite di Maryborough è molto più raro dell’oro, il che lo rende molto più prezioso per la Scienza. È uno dei soli 17 meteoriti mai registrati nello stato australiano di Victoria, ed è la seconda massa condritica più grande, dopo un enorme esemplare di 55 chilogrammi identificato nel 2003. “Questo è solo il 17° meteorite trovato a Victoria, mentre sono state trovate migliaia di pepite d’oro“, ha detto Henry a Channel 10 News. “Guardando la catena di eventi, si potrebbe dire che si tratta di uno dei reperti astronomici più preziosi che siano stati scoperti”. Non è nemmeno il primo meteorite a impiegare qualche anno per arrivare in un museo. In una storia particolarmente sorprendente risalente al 2018, una roccia spaziale ha impiegato 80 anni, dopo che i due proprietari terrestri l’avevano usata come fermaporta prima di scoprire la natura di quella pietra. Ora è probabilmente il momento migliore per controllare il tuo cortile per rocce particolarmente pesanti e difficili da rompere: potresti essere seduto su una metaforica “miniera d’oro”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonti:

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://en.wikipedia.org/wiki/Chondrule

https://en.wikipedia.org/wiki/H_chondrite

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://museumsvictoria.com.au/media-releases/meteorite-found-by-gold-prospector-the-first-found-in-victoria-since-1995-comes-to-museums-victoria/

https://www.smh.com.au/national/prospector-s-mystery-rock-was-no-nugget-but-something-much-rarer-20190716-p527pi.html

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.