I cacciatori-raccoglitori artici erano artigiani siderurgici avanzati più di 2000 anni fa, affascinanti reperti scoperti dagli archeologi

Primitivi” a chi? A quanto pare, sembrerebbe che i cacciatori-raccoglitori vissuti più di 2000 anni fa vicino alla cima del mondo gestissero operazioni di lavorazione del ferro tanto avanzate quanto quelle delle società agricole del lontano sud:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli scavi in ​​quella che oggi è la Svezia nord-orientale hanno portato alla luce antiche fornaci e fosse per il fuoco che i cacciatori-raccoglitori usavano per la lavorazione dei metalli. Secondo l’archeologa Carina Bennerhag della Luleå University of Technology in Svezia, uno stile di vita mobile non ha impedito ai gruppi resistenti con sede all’interno o nelle vicinanze del Circolo Polare Artico di organizzare sforzi su larga scala per produrre oggetti in ferro e metallo. In realtà, cacciatori-raccoglitori che si sono trasferiti per parte dell’anno attraverso freddo, le regioni boscose punteggiate di laghi e zone paludose risorse apparentemente scambiati e conoscenze relative alla metallurgia , l’estrazione dei metalli dai minerali, i ricercatori relazione nel dicembre Antichità:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli antichi cacciatori-raccoglitori in due siti svedesi “probabilmente producevano più ferro e acciaio, ed erano più socialmente organizzati e sedentari di quanto pensassimo in precedenza”, afferma l’archeologa e coautrice di Luleå Kristina Söderholm. I gruppi devono essersi stabiliti per lunghi periodi di tempo in luoghi vicino a risorse cruciali, come minerali per la prospezione, legno necessario per produrre carbone e argilla e pietra necessaria per costruire forni e fosse per il fuoco utilizzati nella produzione di ferro, affermano gli scienziati. Molti ricercatori considerano la lavorazione del ferro un’invenzione delle grandi società agricole nel sud-ovest asiatico più di 3000 anni fa ( SN: 22/08/13 ). Da lì, si pensava che questa tecnologia si fosse diffusa altrove, per poi essere adottata in forme semplificate dalle popolazioni della Scandinavia settentrionale e di altre aree artiche tra il 700 e il 1600 d.C.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma questa visione è stata messa in discussione negli ultimi anni. Prove crescenti indicano che le tecnologie antiche, inclusa la metallurgia, sono state padroneggiate relativamente presto da società su piccola scala, afferma lo scienziato archeologico Marcos Martinón-Torres dell’Università di Cambridge, che non faceva parte del team di Bennerhag. “Questo studio è particolarmente perspicace perché il metallo è il ferro, generalmente considerato una metallurgia più impegnativa del rame o dell’oro; i produttori sono cacciatori-raccoglitori, storicamente ipotizzati per utilizzare solo tecnologie di base; e la posizione è in una regione in gran parte ignorata nella storia della tecnologia“, afferma.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Bennerhag diresse per primo gli scavi in ​​un sito chiamato Sangis. Gli investigatori hanno scoperto un forno fusorio rettangolare costituito da un telaio di lastre di pietra con un lato aperto. All’interno e in parte sul telaio è stato costruito un pozzo di argilla. I fori nel telaio servivano da ingressi per l’aria soffiata sul carbone ardente all’interno, probabilmente da soffietti posti su pietre piatte, dicono i ricercatori. All’interno della fornace sono stati trovati sottoprodotti del riscaldamento del minerale di ferro ad alte temperature e resti di un rivestimento murale ceramico. La datazione al radiocarbonio dei resti della fornace indica che la produzione di ferro avvenne tra il 200 e il 50 a.C. circa:

Le aree che i cacciatori-raccoglitori occupavano a circa 500 metri dalla fornace contenevano frammenti di ceramica e altro materiale databile tra il 500 a.C. e il 900 d.C. circa. I reperti includono numerose lische di pesce e almeno tre fosse per il fuoco dove il ferro della fornace veniva riscaldato e raffinato. Lì, i ricercatori hanno trovato diversi oggetti in ferro e altri in acciaio, una fibbia in bronzo e rifiuti metallici con goccioline di rame sulla superficie, suggerendo che a Sangis fossero prodotti metalli diversi. La tecnica di modellatura della fibbia in bronzo e lo stile decorativo ricordano gli oggetti in metallo trovati nei siti di cacciatori-raccoglitori nella Russia nordoccidentale risalenti a circa 2.300 anni fa, affermano i ricercatori. I coltelli e altri oggetti metallici trovati a Sangis contenevano due o più strati che erano stati sapientemente saldati insieme e, in alcuni casi, esposti a uno dei due tipi di processi di riscaldamento per aumentarne la resistenza.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli scavi in ​​un secondo sito, Vivungi, hanno portato alla luce i resti di due forni per la fusione del ferro che contenevano minerale di ferro, sottoprodotti della produzione del ferro e frammenti di rivestimento di pareti in ceramica. La produzione di ferro a Vivungi è iniziata intorno al 100 aC, dicono gli scienziati. Vivungi non ha fornito prove di fosse per il fuoco dove il ferro è stato ulteriormente purificato. La datazione al radiocarbonio di ossa animali trovate vicino alle fornaci Vivungi indica che i cacciatori-raccoglitori hanno ripetutamente occupato questa posizione dal 5300 a.C. al 1600 d.C. circa.

Esistono già prove della produzione di ferro nella Scandinavia meridionale più di 2000 anni fa. Quindi le scoperte di analoghi vecchi lavori in ferro più a nord hanno senso, afferma l’archeometallurgista Thilo Rehren dell’Istituto di Cipro a Nicosia, che non ha partecipato al nuovo studio. Il lavoro preliminare indica che la produzione di ferro è iniziata anche nell’Asia orientale più di 2000 anni fa, aggiunge Rehren.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.