Storia della Befana: le origini antichissime (e pagane) di una leggenda oggi identità del folklore italiano

La leggenda cristiana narra che la Befana sia stata avvicinata dai magi biblici, conosciuti anche come i Re Magi (o i Re Magi ) pochi giorni prima della nascita di Gesù Bambino. Hanno chiesto indicazioni su dove il Figlio di DioEra, come avevano visto la sua stella nel cielo, ma lei non lo sapeva. Ha fornito loro un riparo per una notte, poiché era considerata la migliore governante del villaggio, con la casa più piacevole. I magi la invitarono a unirsi a loro nel viaggio alla ricerca del bambino Gesù, ma lei rifiutò, affermando di essere troppo impegnata con le faccende domestiche. Più tardi, La Befana ha cambiato idea e ha cercato di cercare gli astrologi e Gesù. Quella notte non è riuscita a trovarli, quindi ancora oggi La Befana sta cercando il piccolo bambino. Lascia a tutti i bambini buoni giocattoli e caramelle (“caramelle”) o frutta, mentre i bambini cattivi ottengono carbone (“carbone”), cipolle o aglio. [3] Un’altra leggenda cristiana assume un tono leggermente più oscuro poiché – secondo quest’ulteriore versione – la Befana era una donna normale con un bambino che amava molto:

Tuttavia, suo figlio morì e il dolore che ne derivò la fece impazzire. Dopo aver appreso la notizia della nascita di Gesù, si mise a vederlo, delusa che fosse suo figlio. Alla fine ha incontrato Gesù e gli ha presentato doni per renderlo felice. Il bambino Gesù ne fu felice, e fece in cambio un dono alla Befana; sarebbe la madre di ogni bambino in Italia. La tradizione popolare racconta che se si vede La Befana si riceverà un colpo dalla sua scopa, perché non vuole essere vista. Questo aspetto della tradizione può essere progettato per tenere i bambini nei loro letti. Un’altra leggenda cristiana molto diffusa sulla Befana inizia al momento della nascita di Gesù bambino. [4]In questo racconto, la Befana trascorreva le sue giornate a pulire e spazzare. Un giorno i magi vennero alla sua porta in cerca del bambino Gesù. Tuttavia, la Befana li ha allontanati perché era troppo impegnata a pulire. Sentendosi in colpa, decide alla fine di trovare Gesù da sola seguendo una luce brillante nel cielo che crede le indichi la strada. Porta con sé una borsa piena di prodotti da forno e regali per Gesù, e una scopa per aiutare la neomamma a pulire. Sfortunatamente, nonostante i suoi migliori sforzi, non lo trova mai. Secondo questo racconto, la Befana è ancora alla ricerca, dopo tutti questi secoli, del messia appena nato. Alla vigilia dell’Epifania, la Befana viene in ogni casa dove c’è un bambino e lascia un dono. Sebbene non abbia avuto successo nella sua ricerca, lascia ancora doni per i buoni bambini perché il Cristo Bambino può essere trovato in tutti i bambini.[5]

- Prosegue dopo la pubblicità -

La Befana era una tradizione diffusa tra tutto il popolo italiano , avendo avuto origine a Roma ed essendo diventata nota e praticata dal resto della popolazione nel corso dei secoli. Molte persone credono che il nome Befana derivi dalla pronuncia errata degli italiani della parola greca epifania o epiphaneia (greco, επιφάνεια = aspetto, superficie, inglese: epifania ). Altri indicano che il nome è un derivato di Bastina, i doni associati alla dea Strina. Nel libro Domestic Life in Palestine , di Mary E. Rogers (Poe & Hitchcock, 1865) l’autore annota:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma un “Saggio sulle belle arti” di EL Tarbuck mi ha portato a credere che questa usanza sia una reliquia del culto pagano e che la parola “Bastrina” si riferisca alle offerte che venivano fatte alla dea Strenia. Non potevamo aspettarci che i pagani che abbracciarono il cristianesimo potessero abbandonare del tutto i loro precedenti credi e costumi. Macaulay dice: “Il cristianesimo vinse il paganesimo, ma il paganesimo infettò il cristianesimo; i riti del Pantheon passarono nel suo ‘culto, e le sottigliezze dell’Accademia nel suo credo’. Molte usanze pagane furono adottate dalla nuova Chiesa. T. Speranza, nel suo “Saggio sull’architettura”, dice: “I Saturnali continuarono nel Carnevale, e la festa con le offerte alla dea Strenia fu continuata in quello del nuovo anno. …’ [6]

Una teoria collega la tradizione dello scambio dei doni ad un’antica festa romana in onore di Ianus e Strenia (in italiano un regalo di Natale si chiamava strenna ), celebrata all’inizio dell’anno, quando i romani erano soliti scambiarsi regali. Nel libro Vestiges of Ancient Manners and Customs, Discoverable in Modern Italy and Sicily (1823), John J. Blunt dice:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Questa Befana sembra essere l’erede di diritto di una certa dea pagana chiamata Strenia, che presiedeva ai doni del nuovo anno, “Strenae”, da cui, in effetti, derivava il suo nome. [7] I suoi regali erano della stessa descrizione di quelli della Befana: fichi, datteri e miele. [8] Inoltre le sue solennità furono energicamente osteggiate dai primi cristiani a causa del loro carattere rumoroso, tumultuoso e licenzioso”. [9]

- Prosegue dopo la pubblicità -

La tradizione della Befana sembra incorporare anche altri elementi popolari precristiani, adattati alla cultura cristiana e legati alla celebrazione del capodanno . Lo storico Carlo Ginzburg la mette in relazione con Nicnevin . Il personaggio della vecchia signora dovrebbe quindi rappresentare il “vecchio anno” appena trascorso, pronto per essere bruciato per far posto a quello nuovo. In molti paesi europei esiste ancora la tradizione di bruciare un fantoccio di una vecchia signora all’inizio del nuovo anno, chiamato Giubiana nel nord Italia, con chiare origini celtiche. Gli antropologi italiani Claudia e Luigi Manciocco, nel loro libro Una casa senza porte(“Una casa senza porte”) fa risalire le origini della Befana a credenze e pratiche neolitiche. Il team di antropologi ha anche scritto della Befana come di una figura che si è evoluta in una dea associata alla fertilità e all’agricoltura.

La Befana mantiene anche molte somiglianze con Perchta e le sue tradizioni alpine precristiane. La Befana è celebrata in tutta Italia, [10] ed è diventata un’icona nazionale. Nelle Marche , Umbria e Lazio , la sua figura è associata allo Stato Pontificio , dove l’Epifania ebbe maggiore importanza. Si pensa che Urbania sia la sua casa ufficiale. Ogni anno c’è un grande festival tenuto per celebrare la festa. Circa 30.000 a 50.000 persone partecipano ai festeggiamenti. Centinaia di Befane sono presenti, oscillanti dalla torre principale. Si destreggiano, ballano e salutano tutti i bambini. [11] Tradizionalmente, tutti i bambini italiani possono aspettarsi di trovare un pezzo di ” carbone ” nelle loro calze (in realtà zucchero candito reso nero con colorante caramello), poiché ogni bambino è stato almeno occasionalmente cattivo durante l’anno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonti:

  1.  Illes, Judika. Enciclopedia degli spiriti: la guida definitiva alla magia di fate, geni, demoni, fantasmi, dei e dee (2009) p. 269. ISBN  978-0-06-135024-5
  2. ^ “Viva la Befana”. Transparent Language 6 gennaio 2009. 12 dicembre 2009. < http://www.transparent.com/italian/tag/la-befana/ >.
  3. ^ “LA VERA STORIA.” La Befana nd 13 dic, 2009. < http://www.la-befana.it/ >.
  4. ^ “La leggenda di ‘La Befana’”. John D. Calandra Italian American Institute nd 12 Dec, 2009. < http://qcpages.qc.edu/calandra/community/commbefa.html/ >.
  5. ^ pagina 408
  6. ^ D. Agostino de Civit. Dei, lib. IV. C. 16.
  7. ^ Ovidio Fasti i. 185.
  8. ^ Vide Rosini, ed. Dempster. lib. ic13, de Dea Strenia, p. 120
  9. ^ “The Befana Comes by Night…” Alice Bonvincini Italian American Digital Project nd 2 gennaio 2011. < http://www.i-italy.org/16375/befana-comes-night >;
  10. ^ Giglio, Michele. “Prendere il volo con la strega delle feste in Italia”. Spiegel Online 12 dicembre 2008. 15 dicembre 2009.< http://www.spiegel.de/international/europe/0,1518,596060,00.html >.
  11. ^ DI FILASTROCCHE.IT recuperato il 04/01/2010
  12. ^ [1] recuperato 05/01/2011
  13. ^ Tramontana (inglese – tramontane ) è “un nome classico per un vento del nord”, da tra i monti , che significa “dalle montagne”
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.