Un farmaco contro il cancro elimina l’HIV latente secondo nuovi interessanti risultati di studio

Il virus dell’HIV

Un farmaco antitumorale ampiamente utilizzato che agisce sul sistema immunitario potrebbe spingere l’HIV a nascondersi, lasciando potenzialmente il virus suscettibile di essere attaccato ed eliminato, secondo i promettenti risultati di un nuovo piccolo studio. L’ HIV (virus dell’immunodeficienza umana) non ha quasi bisogno di presentazioni:

il virus è noto per la sua capacità di eludere il sistema immunitario. La chiave della sua insidiosità è la latenza virale: l’HIV si “nasconde” all’interno di cellule immunitarie longeve, inserendo il suo materiale genetico in quello della cellula, in modo che possa sfuggire al rilevamento. Questo è stato un importante ostacolo allo sviluppo di una cura per l’HIV, poiché il virus non viene mai sradicato completamente con le terapie antivirali, ma continua ad essere presente nel corpo all’interno di questi serbatoi latenti. Il nuovo studio suggerisce che il pembrolizumab, un farmaco immunoterapico che ha trasformato il trattamento del melanoma e di altri tumori, potrebbe anche essere in grado di invertire la latenza dell’HIV, scovando il virus dalla sua clandestinità. Sebbene lo studio sia stato effettuato su un numero molto ridotto di persone (32 volontari che convivono sia con l’HIV che con il cancro), questo rappresenta paradossalmente il più grande studio del suo genere fino ad oggi e i risultati sono “molto entusiasmanti”, afferma l’esperta di malattie infettive Sharon Lewin del Peter Doherty Institute for Infection and Immunity a Melbourne, Australia. Pembrolizumab agisce riattivando le cellule immunitarie esaurite che esprimono un gruppo di proteine ​​sulla loro superficie, incluso un marcatore chiamato PD1. Ricerche precedenti di Lewin e colleghi hanno dimostrato che l’HIV coopta questi stessi marcatori di “esaurimento” per intrufolarsi in letargo e mentire inosservato:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il blocco del PD1 con pembrolizumab risveglia i linfociti T stanchi il cui compito è cercare e distruggere le cellule tumorali. I ricercatori si erano chiesti se il farmaco potesse anche sbloccare i serbatoi di HIV che giacciono dormienti nelle cellule immunitarie e portare il virus fuori dal nascondiglio. Finora, ci sono stati solo pochi casi clinici che mostrano che immunoterapie come il pembrolizumab potrebbero eliminare l’HIV dalle cellule immunitarie nelle persone con HIV, perché sebbene abbiano un rischio maggiore di sviluppare il cancro, le persone con HIV necessitano di trattamenti anti-PD1 per il loro cancro è molto raro. Il farmaco “non ha sradicato l’HIV in questo studio”, ma il risultato “informa gli sforzi per manipolare i linfociti T per curare l’HIV”, ha detto su Twitter l’oncologo medico e autore principale Thomas Uldrick del Fred Hutchinson Cancer Research Center. Sono stati raccolti sangue dai 32 partecipanti prima e dopo il trattamento con pembrolizumab e i campioni sono stati analizzati per vedere quanto materiale genetico del virus fosse rilevabile nelle cellule immunitarie e nel plasma sanguigno:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sebbene la maggior parte delle persone nello studio avesse ancora livelli non rilevabili di HIV nel plasma sanguigno, i ricercatori hanno trovato prove che una settimana dopo il primo trattamento, un livello modesto ma significativo del virus era stato costretto a uscire dal letargo e aveva ricominciato a replicarsi. Sei cicli di trattamento dopo, in alcuni partecipanti sono state rilevate anche più spesso cellule T contenenti HIV che era pronto a replicarsi. Sono necessarie ulteriori ricerche per capire esattamente come i farmaci anti-PD1 come il pembrolizumab modifichino la risposta immunitaria e agiscano sui linfociti T specifici dell’HIV. Il team sta perseguendo queste domande “nella speranza che oltre a invertire la latenza dell’HIV, aumenterà anche il sistema immunitario per uccidere le cellule infettate dall’HIV come fa con il cancro”, afferma Lewin. Resta da vedere, anche se, data la familiarità degli scienziati con il pembrolizumab, c’è “il potenziale per questo e altri trattamenti simili per sviluppare un percorso verso una cura pragmatica dell’HIV“, ha detto il virologo del Kirby Institute Stuart Turville al The Guardian. Non è stato coinvolto nello studio. Lewin ha aggiunto, tuttavia, che le immunoterapie potrebbero far parte di un approccio terapeutico su più fronti che spera possa aiutare i quasi 2 milioni di persone con diagnosi di HIV ogni anno:

Penso che sia molto improbabile che un singolo farmaco o intervento possa curare l’HIV“, ha detto a Davey. I ricercatori dovranno anche indagare ulteriormente e valutare gli effetti collaterali noti del farmaco, che possono essere tollerabili per le persone con una malattia pericolosa per la vita come il cancro, ma finora hanno rappresentato un ostacolo al test delle immunoterapie in persone altrimenti sane che convivono con l’HIV. “Nell’HIV, la situazione è molto diversa”, afferma Lewin. “Le persone ora possono vivere una vita normale e sana con l’HIV, quindi qualsiasi intervento per una cura deve avere una tossicità molto bassa”. Per saperne di più, i ricercatori stanno per intraprendere un altro studio che esamina gli effetti della terapia anti-PD1 su cellule del sangue e linfonodi per cercare di trovare la dose più bassa e sicura per le persone che vivono con l’HIV che non hanno il cancro, Lewin dice .

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’attuale studio è stato pubblicato su Science Translational Medicine.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: https://www.theguardian.com/society/2022/jan/27/drug-used-to-treat-cancer-may-also-help-fight-hiv-australian-research-finds

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.