Alcuni scienziati scoprono il virus che potrebbe essere la causa principale della sclerosi multipla

Un team di scienziati ha scoperto quella che sembra essere la causa della sclerosi multipla, una malattia che colpisce il sistema nervoso. Cosa significa questa scoperta? Dopo un’ampia ricerca, gli scienziati dell‘Università di Harvard hanno fatto una scoperta chiave nella lotta contro la sclerosi multipla. Questa è una scoperta che potrebbe aiutare a prevenirla e persino a migliorare la qualità della vita di chi ne soffre.

COS’È LA SCLEROSI MULTIPLA?
La sclerosi multipla è una malattia autoimmune cronica del sistema nervoso, che danneggia sia il cervello che il midollo spinale. Danneggia la guaina mielinica, il materiale che circonda ed è responsabile della protezione delle cellule nervose. Questo influenza i messaggi tra il cervello e il corpo, rallentandoli o bloccandoli. Di conseguenza, compaiono i sintomi della malattia. Problemi di equilibrio e coordinazione, problemi di memoria , sensazione di intorpidimento e debolezza muscolare sono alcuni di questi. Questa malattia colpisce circa 2,5 milioni di persone in tutto il mondo e si verifica più nelle donne che negli uomini.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La fascia di età in cui di solito inizia è compresa tra i 20 e i 40 anni. La sclerosi multipla di solito raggiunge un grado lieve, anche se in alcune persone si intensifica fino a ostacolare lo svolgimento dei compiti abituali: parlare, camminare o scrivere possono diventare compiti difficili da svolgere.

- Prosegue dopo la pubblicità -

UNA SCOPERTA FONDAMENTALE NELLA LOTTA ALLA SCLEROSI MULTIPLA
Dopo 20 anni di ricerca, gli specialisti dell’Università di Harvard hanno scoperto il virus che potrebbe causare la malattia. Sebbene al momento non sia nota la causa sottostante , lo studio si concentra su un possibile sospetto: il cosiddetto virus di Epstein-Barr. La ricerca è stata condotta nell’arco di due decenni su dieci milioni di militari statunitensi, a 955 dei quali è stata diagnosticata la sclerosi multipla durante il loro servizio. Lo studio ha mostrato qualcosa che gli esperti hanno considerato “un grande passo” nella lotta contro la malattia : il rischio di sviluppare questo tipo di sclerosi in individui negativi al virus di Epstein-Barr moltiplicato per 32 dopo l’infezione.

UNA SCOPERTA DI SPERANZA
Secondo i ricercatori, “la maggior parte dei casi di sclerosi multipla potrebbe essere prevenuta fermando l’infezione da virus di Epstein-Barr “. A loro volta concludono: “Andare direttamente da lui potrebbe portare alla scoperta di una cura per questa patologia”. La sclerosi multipla attualmente non ha cura. Tuttavia, i farmaci possono aiutare a rallentare il processo e controllare i sintomi. Alcune terapie contribuiscono anche a migliorare la qualità della vita di chi ne soffre. Pertanto, questa scoperta potrebbe segnare un prima e un dopo nella lotta contro la sclerosi multipla.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: bioguia.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.