Riscaldamento globale: pronti a vivere senza pesce, patate, cioccolato o caffè?

Con la variazione dei modelli di temperatura terrestre e la frequenza crescente di uragani, ondate di caldo e freddo estremi, tifoni e altri fenomeni naturali, le colture e gli animali stanno raggiungendo livelli critici per la loro sopravvivenza. Alcuni degli alimenti più comuni nella nostra vita quotidiana che sono a rischio sono:

Caffè e tè. A causa del riscaldamento globale, la tendenza è che entro il 2050 la superficie con terreno adatto alle piantagioni di caffè sarà ridotta della metà. All’attuale tasso di inquinamento, diversi tipi di caffè si estingueranno entro il 2080. La Tanzania, uno dei principali esportatori di caffè al mondo, ha già visto la sua produzione dimezzarsi in 50 anni. Per quanto riguarda il tè, è stato colpito dai monsoni che devastano le piantagioni di tè in Asia, alterando il sapore delle foglie. Preparati a ricevere tè meno saporiti nel prossimo futuro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Cioccolato. Sebbene le piantagioni di cacao preferiscano le alte temperature e l’umidità elevata, e a prima vista siano immuni all’aumento delle temperature, va notato che queste piantagioni preferiscono la stabilità. In altre parole, gli sbalzi di temperatura, la qualità del suolo, la velocità del vento e le precipitazioni distruggono completamente queste piantagioni. Gli agricoltori in Indonesia e in Africa hanno già iniziato a spostare le loro attività dalle piantagioni di cacao a opzioni più resistenti come gli alberi della gomma. Entro 40 anni, il Ghana e la Costa d’Avorio potrebbero subire un aumento di due gradi della temperatura media, con conseguente drastica riduzione della produzione di cacao. Tieni presente che questi due paesi rappresentano i due terzi delle esportazioni mondiali di cacao. In pratica, il cioccolato a buon mercato sarà minacciato.

- Prosegue dopo la pubblicità -

pesce. I pesci stanno diventando più piccoli a causa del ridotto livello di ossigeno negli oceani più caldi. E l’assorbimento di anidride carbonica sta rendendo l’acqua salata più acida, rendendo più difficile la crescita dei molluschi.

patate. Le patate, nel frattempo, hanno sofferto di siccità. Nella calda estate del 2018 nel Regno Unito, il raccolto di patate è diminuito del 25%. Anche la dimensione di queste verdure è cambiata. Ogni patata ha subito, in media, una riduzione di 3 cm, secondo la stampa britannica.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Cognac, whisky e birra. L’industria francese del cognac, vecchia di 600 anni, è in crisi. L’aumento delle temperature rende l’uva troppo dolce per la distillazione. I produttori hanno cercato alternative senza molto successo, spendendo migliaia di euro per la ricerca. Più a nord del continente europeo, in Scozia, sono interessati anche i produttori di whisky. Il riscaldamento globale e l’aumento dei periodi di siccità hanno ridotto l’approvvigionamento idrico. L’estate scorsa diverse distillerie sono state costrette a sospendere la produzione per mancanza di acqua e i meteorologi avvertono che è probabile che gli eventi meteorologici estremi diventino più frequenti. La probabilità di estati calde e secche nelle isole britanniche è aumentata di 30 volte rispetto ai tempi preindustriali, secondo il servizio meteorologico nazionale. Il Regno Unito e l’Irlanda possono aspettarsi estati estreme ogni otto anni, che saranno devastanti per la produzione di bevande.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo stesso problema riguarda i produttori di birra americani, che hanno sofferto per la carenza d’acqua causata dalla siccità. Sebbene possiamo sopravvivere senza nessuno di questi prodotti, dobbiamo tenere conto di tutto ciò che comporta la scarsità di questi cibi e bevande. Centinaia di migliaia di persone rimarranno senza lavoro, potrebbero esserci crisi umanitarie (e politiche), nonché aumenti improvvisi e generali dei prezzi e profondi cambiamenti nella fauna e nella flora del pianeta.

Fonte: ecoinventos.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.