Scienziati annunciano: “abbiamo ridotto l’invecchiamento dei topi con metodo genetico” e sognano l’inversione del processo biologico

Nel mese di marzo del 2022, un team di ricercatori ha dichiarato pubblicamente di essere riuscito a rallentare i segni dell’invecchiamento nei topi ripristinando le loro cellule in stati più giovani, utilizzando un trattamento genetico:

Per gli scienziati, riferisce The Guardian, si tratta di una svolta nella rigenerazione cellulare e nella medicina terapeutica che non sembra causare problemi inaspettati nei topi. “Siamo entusiasti di poter utilizzare questo approccio nell’arco della vita per rallentare l’invecchiamento negli animali normali“, ha affermato Juan Carlos Izpisua Belmonte, professore del Salk Institute e co-autore corrispondente di un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature Aging, in un dichiarazione . “La tecnica è sicura ed efficace nei topi”. Ma ciò non significa che saremo in grado di riportare indietro l’orologio negli esseri umani in qualsiasi momento, poiché non comprendiamo ancora appieno le implicazioni che la terapia ha sulla salute. Questo, tenendo poi conto che comunque i topi sono molto diversi dalle persone. Nel tempo, le cellule mostrano chiari segni genetici dell’invecchiamento chiamati marcatori epigenetici. Questi marcatori possono essere ripristinati, non diversamente da come si scherza con il contachilometri di un’auto usata, utilizzando speciali molecole di riprogrammazione note come “fattori Yamanaka”, sviluppate per la prima volta dal premio Nobel giapponese Shinya Yamanaka nel 2006.

- Prosegue dopo la pubblicità -

È stato dimostrato che queste molecole sono in grado di ripristinare i marcatori epigenetici per far sì che le cellule esprimano i loro stati originali, riportando così indietro i loro orologi. In un esperimento per verificare se l’approccio fosse sicuro, Izpisua Belmonte – che è lo scienziato Salk dietro questo ultimo studio – e colleghi hanno testato una serie di approcci di ringiovanimento su tre gruppi di topi da laboratorio di età differenti, somministrando loro dosi di fattori Yamanaka a intervalli regolari. “In effetti, non abbiamo riscontrato alcun effetto negativo sulla salute, sul comportamento o sul peso corporeo di questi animali“, ha affermato Izpisua Belmonte nella dichiarazione. Rispetto a un gruppo di controllo di topi che non hanno ricevuto il trattamento, i topi assomigliavano a loro stessi più giovani, mostrando una migliore capacità di rigenerare le cellule della pelle e una riduzione delle cicatrici. Anche gli esami del sangue prelevati dagli animali trattati hanno mostrato che non mostravano i segni di invecchiamento previsti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’effetto è stato più pronunciato nei gruppi in cui i topi hanno ricevuto il trattamento per sette-dieci mesi, l’equivalente di circa 15 anni umani. Ma saranno necessarie ulteriori ricerche per confermare se la tecnica può effettivamente riportare indietro il tempo sui marcatori epigenetici e non solo rallentare il processo di invecchiamento. Siamo anche lontani dall’essere in grado di dire se la stessa tecnica potrebbe essere utilizzata negli esseri umani per invertire l’invecchiamento, o se è sicuro farlo in primo luogo. “L’uso dei fattori Yamanaka comporta il rischio di indurre il cancro e, a differenza dei topi, gli esseri umani, a causa della loro durata della vita, portano molte più mutazioni in età avanzata, che potrebbero già essere predisposte a svilupparsi in un cancro“, Tamir, specialista in biologia dell’invecchiamento dell’Università di Edimburgo Chandra, che non è stata coinvolta nella ricerca, ha detto a The Guardian. Per ora, la tecnica sta mostrando segni precoci ma promettenti di essere finalmente in grado di curare malattie legate all’età, come l’Alzheimer o le ossa fragili.

“Alla fine della giornata, vogliamo riportare la resilienza e la funzione alle cellule più vecchie in modo che siano più resistenti allo stress, alle lesioni e alle malattie”, ha affermato Pradeep Reddy, scienziato dello staff di Salk e co-primo autore, nella dichiarazione. “Questo studio mostra che, almeno nei topi, c’è un percorso per raggiungerlo”. Ma non è chiaro, ha detto Chandra a The Guardian, se il trattamento funzionerà mai negli esseri umani. “In teoria, potrebbe essere possibile l’inversione o la riduzione dell’età biologica“, ha detto al giornale. “Tuttavia, siamo in una fase molto precoce in cui dobbiamo comprendere molto meglio la scienza di base dietro di essa”.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.